Home > COMUNICATI STAMPA > Cia Ferrara: soddisfazione per la messa al bando dell’Olio di Palma

Cia Ferrara: soddisfazione per la messa al bando dell’Olio di Palma

Tempo di lettura: 3 minuti

da:ufficio Stampa e comunicazione Cia Ferrara

L’associazione ferrarese nei mesi scorsi ha promosso la campagna “All’olio di palma preferisco i girasoli” ed ha accolto con grande soddisfazione la decisione di molte aziende italiane di non utilizzare olio di palma nei loro prodotti.

FERRARA – Prima il parere negativo contenuto nel dossier dell’Efsa (Autorità per la difesa alimentare) sull’utilizzo dell’olio di palma, accusato di contenere sostanze tossiche e potenzialmente cancerogene, poi la decisione delle aziende italiane aderenti all’Aidepi (Associazione Industriali della pasta e del dolce italiani) di fare dietro-front e rinunciare all’utilizzo degli olii tropicali a tutela della salute dei consumatori. Grande soddisfazione da parte di Cia Ferrara per questo no generalizzato e sempre più diffuso all’utilizzo dell’olio di palma nei prodotti alimentari di largo consumo, a partire dai prodotti dolciari, le ben note “merendine”, ampiamente consumate dai più piccoli.

La nostra associazione – spiega Massimo Piva, vicepresidente di Cia – Agricoltori Italiani Ferrara – è stata l’unica a prendere una posizione netta nei confronti dell’utilizzo eccessivo dell’olio di palma da parte dell’industria alimentare, a discapito degli olii vegetali italiani. Nei mesi scorsi abbiamo promosso la campagna “All’olio di Palma preferisco i girasoli” proprio per sollecitare l’opinione pubblica sui danni provocati da questo olio che, come sembra confermato dall’Efsa proprio in questi giorni, contiene dei contaminanti da processo a base di glicerolo che possono provocare problemi alla salute per il consumatori di tutte le fasce di età, in particolare quella giovanile.

Attraverso la campagna abbiamo, inoltre, promosso l’utilizzo di olii vegetali no OGM di qualità come quello di girasole e di mais che fanno bene all’agricoltura e al reddito degli agricoltori, alle imprese che immettono sul mercato prodotti più sani e naturalmente al consumatore. Siamo davvero soddisfatti del cambiamento di rotta delle aziende dell’Aidepi – che nel 2015 avevano addirittura promosso una campagna a favore dell’olio di palma – e di importanti catene della GDO come Coop che ha deciso di eliminare dalla sua linea a marchio gli olii tropicali, favorendo l’introduzione di olio di oliva e altro olii monosemi.

Ma, anche se il clima sta decisamente mutando in maniera positiva, occorre continuare a chiedere a tutte le aziende alimentari di scegliere, ogni giorno, la nostra agricoltura e i nostri olii vegetali privi di OGM. L’unica vera garanzia per la filiera alimentare – conclude Massimo Piva – è, infatti, una produzione agricola sostenibile e di qualità che tutela la salute del consumatore e dell’ambiente.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi