Home > COMUNICATI STAMPA > Ciarle: assegnato il contributo per la realizzazione della nuova linea irrigua

Ciarle: assegnato il contributo per la realizzazione della nuova linea irrigua

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Organizzatori

Sono stati molteplici le azioni del Consorzio di Bonifica Pianura di Ferrara per riuscire a portare ad un reale punto di inizio la realizzazione della nuova opera irrigua del canale Ciarle a Poggio Renatico, un intervento che ora è davvero in partenza, quale risultato del grande impegno di questi anni delle Amministrazioni presiedute dal Presidente Franco Dalle Vacche. “Abbiamo appena ricevuto l’ufficialità dell’assegnazione del contributo del Ministero delle Politiche Agricole per 9 milioni di euro – dice il Presidente – il progetto era entrato in graduatoria tra quelli ammessi nel bando per l’assegnazione dei fondi finalizzati alla realizzazione di progetti irrigui nell’ambito del Piano per lo Sviluppo Rurale Nazionale. Nonostante i fondi si fossero esauriti, con l’assistenza di ANBI e grazie alla disponibilità dei funzionari del Ministero a Roma siamo riusciti a individuare ulteriori fonti di finanziamento. Sono dunque orgoglioso di poter dire che dopo tantissimi anni di attesa, ora ci sono tempi certi per l’avvio dell’opera dando una risposta concreta e positiva alle tante preziose realtà agricole di quel comprensorio”.

Un traguardo che il Consorzio ha raggiunto dopo più di 2 anni di lavoro e contatti stretti, come detto, con Anbi nazionale e il Ministero. La domanda di finanziamento per l’implementazione primaria del sistema irriguo Ciarle nei Comuni di Poggio Renatico e Terre del Reno, infatti, era stata presentata ad agosto 2017 ed oggi, con l’intervento del Ministero che ne ha ravveduto lavori urgenti, indifferibili e di pubblica utilità, si può dare il via all’iter di realizzazione del completamento e adeguamento dell’opera irrigua derivante dal Canale Emiliano Romagnolo (CER) che da via Ciarle a Sant’Agostino proseguirà verso Poggio Renatico, consentendo benefici a 5.586 ettari. Questa la tempistica indicata dal direttore generale Monti: “Entro 12 mesi a decorrere dal 16 maggio, salvo proroghe, dovrà esserci l’aggiudicazione dei lavori. Abbiamo già iniziato a preparare il bando da oltre 6 milioni di euro di lavori (per un totale di 9 milioni aggiungendo iva e spese tecniche) e perfezionare la quarantina di accordi coi proprietari dei terreni interessati dall’opera”.

L’opera avrà una portata di 0.3 litri al secondo per ettaro di superficie servita e darà una garanzia dell’acqua superiore a quella utilizzata solitamente per l’irrigazione. “Nell’alto ferrarese spesso vengono usati gli stessi canali sia per lo scolo delle acque che per l’irrigazione. In questo caso si avrà un canale dedicato esclusivamente all’irrigazione e quindi mai interessato da acque di scolo dalla campagna o dalle fognature urbane – spiega l’ingegnere Valeria Chierici – Il tempo previsto dal cantiere varia dai 27 ai 24 mesi, riduzione che dipenderà dall’organizzazione dell’impresa aggiudicataria. Il lavoro infatti, si sviluppa linearmente e potrebbero agire contemporaneamente con più squadre accelerando i tempi esecutivi. Peraltro ci si trova davanti a una tecnica di realizzazione non particolarmente complessa per la maggior parte dello sviluppo, che sfrutta le altimetrie del terreno elevate a ridosso dell’argine del Reno, per servire agevolmente tutti i vicini comparti altimetricamente più depressi. Una condotta irrigua semplice, destinata esclusivamente all’irrigazione che apporterà numerosi benefici al comparto agricolo poggese, molto importante per la pera Abate, frutteti e vivai”.

Particolarmente soddisfatto anche Daniele Garuti, sindaco di Poggio Renatico e, in Consorzio, membro della commissione piano di classifica per il riparto degli oneri consortili. “Avere ottenuto il finanziamento è un risultato che dà soddisfazione e rappresenta un importante punto di partenza per l’iter della concreta realizzazione – dice il primo cittadino – era un progetto rimasto sulla carta da oltre 20 anni e che mai riusciva a tradursi in realtà per il nostro mondo agricolo permanentemente in sofferenza. Questa, invece, è una risposta importante anche davanti al clima attuale, che alterna siccità a periodi troppo piovosi. Un grande sforzo di pianificazione che soddisferà le necessità di un territorio vocato particolarmente alla orto frutticultura e che, pur essendo vicinissimo a Reno, soffre di carenza idrica”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi