COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Cimice asiatica: Coldiretti, bene inizio lanci insetto antagonista

Cimice asiatica: Coldiretti, bene inizio lanci insetto antagonista

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio Stampa

A giugno via alla vespa samurai, Coldiretti aveva mostrato i danni a Ministro Bellanova al villaggio di Bologna.
“L’inizio dei lanci di vespa samurai è un passo fondamentale nella lotta alla cimice asiatica che ha causato centinaia di milioni di danni nelle nostre campagne”. È quanto affermato da Coldiretti Emilia Romagna all’annuncio da parte della Regione dei primi di giugno come data di inizio di diffusione nelle campagne della regione dell’insetto antagonista della Halyomorpha halys.
La prima tornata di lanci, fa sapere viale Aldo Moro, sarà effettuata a metà giugno, in circa 300 aree accuratamente selezionate. La seconda è invece prevista per metà luglio.
“La Ministra Bellanova”, continua Coldiretti regionale “aveva avuto modo di visitare la mostra che avevamo allestito al Villaggio Coldiretti di Bologna lo scorso settembre e aveva preso parte alla nostra manifestazione di gennaio a Fieragricola e aveva dimostrato da subito una notevole sensibilità rispetto al tema”.
L’immissione dell’antagonista naturale è un passo fondamentale nella lotta a questo insetto che ha causato danni ingentissimi alle nostre produzioni – ha commentato Coldiretti Emilia Romagna – ma è importante che ora si vada avanti tempestivamente anche con i risarcimenti alle aziende che hanno subito gravissime perdite.
E per quanto riguarda l’indennizzo dei danni alle colture la Regione fa sapere che si aspetta “la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del provvedimento che dichiara lo stato di eccezionalità dell’evento, dopodiché scatteranno i 45 giorni per la presentazione delle domande di indennizzo, per le quali la Regione Emilia-Romagna ha già messo a punto una procedura on line con un applicativo specifico per la presentazione delle istanze”.
L’ultima legge di bilancio aveva stanziato 80 milioni per i territori delimitati a livello nazionale.
Ora – conclude Coldiretti regionale – è necessario vengano stanziate ulteriori risorse sul Fondo per coprire i danni accertati alle aziende agricole per ristorarle in modo adeguato.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi