Home > COMUNICATI STAMPA > Cinema: al via “Bio To B”, tre giorni per la promozione di documentari all’interno del Biografilm Festival

Cinema: al via “Bio To B”, tre giorni per la promozione di documentari all’interno del Biografilm Festival

logo-regione-emilia-romagna

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Saranno presentati sei lavori che rappresentano un saggio dell’attuale produzione emiliano romagnola, con un taglio internazionale

Bologna – Parte oggi a Bologna una delle novità più interessanti della decima edizione di Biografilm Festival, rassegna che si sta svolgendo in questi giorni nel capoluogo emiliano: Bio To B – Doc&Biopic Business Meeting.
Si tratta di un evento della durata di tre giorni dedicato alla promozione di documentari biografici e biopic realizzato con la collaborazione di D.E-R (Documentaristi Emilia-Romagna) e con il supporto della Regione Emilia-Romagna.

Per l’occasione, buyer italiani e internazionali, distributori e professionisti del cinema avranno l’opportunità di scoprire nuove produzioni italiane ed emiliano-romagnole e di partecipare a tavole rotonde incentrate su project development, pitching, funding, new media e distribuzione di documentari biografici e storie di vita. L’obiettivo è favorire la conoscenza del prodotto italiano – e in particolare emiliano-romagnolo – fra i buyer italiani e internazionali, i distributori e i professionisti del cinema.

È possibile partecipare agli incontri e alle tavole rotonde di Bio To B sottoscrivendo la tessera Biografilm Professional 2014 tramite l’apposito form all’indirizzo http://www.biografilm.it/ingressi. La tessera garantisce anche l’accesso gratuito a tutte le proiezioni di Biografilm Festival 2014 fino a esaurimento dei posti disponibili.

Inoltre, un’occasione importante di visibilità è stata la possibilità di iscriversi al catalogo digitale, la library che sarà promossa da Biografilm Festival in occasione di Bio To B e messa all’attenzione dei buyer, dei seller e degli operatori italiani e internazionali.

Gli ospiti internazionali che hanno confermato la partecipazione a Bio To B sono:
Riccardo Chiattelli di LA EFFE, Alice Damiani di Doc&Film, Maelle Guenegues di Cat&Docs, Peter Jäger di Autlook Filmsales, Philippa Kowarsky di Cinephil, Alberto Lastrucci del Festival dei Popoli, Mike Lerner di Noujaim Films, Giacomo Lopez di RAI 5, Iseult Mac Call della RAI, Fabio Mancini di DOC 3, Patrizia Mancini di Wide House, Nadine Rothshild di West End Films, Nikolas Montaldi del Rotterdam Film Festival, Paul Pauwels di EDN, Roberto Pisoni di Sky, Giacomo Poletti di Mediaset, Alessandro Raja di Festival Scope, Laura Romano di GA&A.

E’ nelle intenzioni degli organizzatori, che questo primo Bio to B si consolidi nel tempo come punto di riferimento imprescindibile per i filmmakers e gli addetti del settore emiliano-romagnolo e diventi un momento di incontro e confronto nazionale per tutto il documentario indipendente di creazione italiano e straniero, promuovendo così la conoscenza alla diffusione delle opere documentarie.
Oltre alla library che raccoglie una quarantina di documentari, saranno presentati alle ‘Works in Progress presentation’ sei lavori che rappresentano un saggio dell’attuale produzione emiliano romagnola, con un taglio internazionale. Di questi sei, i primi tre saranno presentati venerdì 13 giugno dalle 15 in poi presso il Cinema Lumière. Si tratta di: Il Leone all’Operadi Mario Chemello, ovverola parabola della musica lirica dal dopoguerra a oggi, attraverso la lunghissima carriera di Leone Magiera rievocata durante la registrazione di alcuni concerti nel 2013; Meno male è Lunedì di Filippo Vendemmiati, che racconta di un gruppo di ex operai metalmeccanici, ora in pensione, che viene richiamato al lavoro dalle aziende nelle quali gli stessi sono stati impiegati per tutta una vita, per insegnare il mestiere in un’insolita ed originale scuola aziendale che ha aperto la sua linea di produzione all’interno di un carcere; e Sin Lìmites di Giovanni Aloi, la storia del combattimento tra il toro Peseta e il matador Padilla, un film che si addentra nel contesto delle corride a testimoniare la lotta ancestrale tra l’uomo e l’animale, tra la vita e la morte, tra arte e natura.
Sabato 14 giugno, dalle 10 in poi, sempre al Cinema Lumière, saranno presentati gli altri tre progetti: Uberto, o dell’immaginazione di Marco Mensa ed Elisa Mereghetti, che narra la storia dello scenografo Uberto Bertacca (Viareggio, 1936), un percorso artistico che, nell’arco di oltre quarant’anni, ha toccato tutti i momenti fondamentali del Teatro italiano con incursioni nel cinema, nella televisione, finanche al Festival di Sanremo, e collaborazioni all’estero; Uomini Proibiti di Angelita Fiore, un lavoro che affronta il complesso e mai indagato rapporto tra amore terreno e celibato ecclesiastico, mettendo in luce la devastante sofferenza a cui spesso sono soggette le donne che vivono con un prete la forte esperienza dell’innamoramento; e The Black Sheep di Antonio Martino, ambientato nella Libia di oggi, è la storia di Ausman, ex rivoluzionario combattente amazigh, trainer in sicurezza sulle piattaforme petrolifere in un paese che puzza di petrolio e insicurezza, che non vuole arrendersi al fallimento della rivoluzione dopo la vittoria militare.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi