30 Giugno 2018

Città a misura di bambino

Redazione

Tempo di lettura: 6 minuti

quale-futuro

di Roberta Trucco


L’immagine della copertina del Times dedicata alla tolleranza zero del presidente Usa, con al centro una minuscola bimba in lacrime e sul lato un minaccioso e grande Trump, diventata il simbolo delle famiglie divise al confine con il Messico, e con la scritta “Benvenuti in America” è un’immagine potente che mi ha colpito nel profondo e fatto riflettere molto. Da subito ho pensato che ci sarebbe stata bene anche la frase “Benvenuti in occidente” e nelle nostre città italiane. Non solo per la tragica contraddizione che ci sta schiacciando: l’Occidente che si dovrebbe fondare sui diritti delle persone e dei più deboli fa i conti con la sua incapacità di assumersi la responsabilità di testimoniare quanto proclama. La riflessione potrebbe essere portata forse e soprattutto al fatto che anche all’interno stesso dell’Occidente questa dinamica di esclusione dei cittadini più piccoli, e di fatto di tutti quei cittadini che non sono capaci di cavarsela da soli, è una realtà viva e una strategia politica attuata da tempo.
Da diversi anni e a titolo volontario collaboro con il comune di Genova per dare voce e realizzare progetti per una città a misura di bambino. Nei giorni scorsi il professor Francesco Tonucci, espressamente invitato dal Sindaco Marco Bucci, ha presentato alla giunta cittadina il progetto internazionale del Cnr La città dei bambini (www.lacittadeibambini.org) nato a Fano nel maggio 1991.
“Rifiutando una interpretazione di tipo educativo o semplicemente di supporto ai bambini, il progetto – si legge sul sito – si è dato fin dall’inizio una motivazione politica: operare per una nuova filosofia di governo della città assumendo i bambini come parametri e come garanti delle necessità di tutti i cittadini. Negli ultimi decenni, anche a causa della scelta del cittadino adulto e produttivo come parametro di sviluppo e di cambiamento, la città ha perso le sue originarie caratteristiche di luogo di incontro e di scambio. Ha rinunciato agli spazi pubblici che dell’incontro e dello scambio erano condizioni essenziali lasciando che i cortili, i marciapiedi, le strade e le piazze assumessero sempre più funzioni legate all’auto e al commercio, sottraendole ai cittadini. Ha rifiutato la caratteristica di spazio condiviso e sistemico, nel quale ogni parte necessitava delle altre, per destinare spazi definiti a funzioni o ceti sociali diverse, costruendo così zone ghetto e zone privilegiate, svuotando i centri storici e dando vita alle moderne periferie. La città così modificata è diventata un ambiente malsano per la salute a causa dell’inquinamento atmosferico e acustico, brutto e pericoloso”.
La richiesta di mettere al centro della progettazione e delle scelte della città i bambini, considerandoli il paradigma sul quale fare scelte politiche e amministrative coraggiose, considerandoli l’altro, il diverso, e dunque anche un soggetto un po’ scomodo, ha fatto sorridere tutti. Come consuetudine mi sono sentita rispondere che Genova è una città difficile; che i problemi sono altri, sono le famiglie e le scuole, temi generici dove si può dire tutto e il contrario di tutto e del resto non competono all’amministrazione comunale; che i dati sul calo dei reati forniti dal Ministero portati dal professor Tonucci forse sono taroccati, senza ricevere alcun altro dato che giustificasse tale affermazione (dunque a Genova forse è pericoloso girare in libertà?). E ancora che le macchine sono un problema, ma non si sa dove metterle; che gli attraversamenti rialzati a Genova non si possono fare, il codice della strada non lo permette: peccato che il codice sia nazionale e altre città limitrofe a Genova li hanno, ma naturalmente chi ha fatto questa obiezione non lo sapeva neanche. E da ultimo: che i recinti per i bambini nei parchi sono comprensibili, alle specie in via di estinzione vanno riservati spazi speciali; che parlare di piazze per incontrarsi significa tornare al Medioevo.

Eppure ci sono gli esempi concreti di altre amministrazioni che, prendendo seriamente il progetto del Cnr, sono riuscite ad affrontare le enormi sfide che ci troviamo di fronte, a rivoluzionare le loro città inventandosi soluzioni incredibili, veramente innovative, e sono tornate ad essere luoghi umani.
Forse il problema è essersi trovati davanti per lo più a maschi che ci ascoltavano con sufficienza perché per loro la principale preoccupazione è come essere competitivi per racimolare più ricchezza, non importa come e a che prezzo, il resto resta sulle spalle del welfare casalingo e familiare: delle donne dunque. Intanto Genova è la città più vecchia come età anagrafica, abbiamo cittadini che muoiono perché i soccorsi non arrivano a causa di soste selvagge, abbiamo autobus progettati per maschi di media età, ginnici, che non prendono i mezzi, perché se no non arrivano al lavoro, tutti gli altri si adattino; e potrei proseguire per ore.
Se chi ci governa ha in mente solo sè stesso e il confronto con l’altro, il diverso – donna, bambino, vecchio, rifugiato – non ha spazio, non può essere un buon amministratore della cosa pubblica. I buoni amministratori non hanno bisogno di essere buoni manager, la città non deve essere per forza un’azienda competitiva, ma semmai un luogo dove le persone vivono in armonia e contribuiscono alla ricchezza, bellezza e alla funzionalità degli spazi comuni.
L’altra strategia politica porta solo alla sopravvivenza dei più forti che costruiscono la loro forza sulla schiavitù dei più deboli.

Che differenza c’è tra questi amministratori e Trump e la sua decisione di separare i bambini dalle famiglie e metterli in delle gabbie? E soprattutto noi con chi ci identifichiamo? Con i forti che per sopravvivere hanno bisogno di schiacciare tutti gli altri o con i deboli che cercano uno spazio a misura di bambino e dunque del futuro? Io sono madre di quattro figli e so da che parte sto, sicuramente a fianco della bambina di tre anni che piange disperatamente perché davanti a lei c’è un padre cattivo e disumano.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi