Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti: Al via gli incontri con i soci per spiegare la fatturazione elettronica

Coldiretti: Al via gli incontri con i soci per spiegare la fatturazione elettronica

Shares

Da: Coldiretti Ferrara

Coldiretti, nel ricordare che dal 1 gennaio 2019 le fatture potranno essere emesse solo in formato digitale, auspica che il sistema sia anche un metodo per avere maggiore trasparenza e rintracciabilità, a beneficio di tutte le imprese ed i cittadini.

Dal 1° gennaio 2019 stop alle fatture cartacee che, se emesse, non avranno più alcun valore: tali documenti dovranno essere obbligatoriamente predisposti in formato elettronico.

Le cosiddette fatture elettroniche sono documenti predisposti con formati disposti dall’Agenzia delle Entrate, che evidenziano ad ogni fine contabile e fiscale, le transazioni a fronte della cessione di beni o servizi.

Devono essere inviate attraverso una piattaforma informatica, definita sistema di interscambio, e sostituiscono ad ogni effetto le classiche fatture cartacee.

Anche le aziende agricole sono soggette alla nuova normativa, che riguarda sia le operazioni tra imprese, che tra imprese e privati, che tra imprese e pubblica amministrazione: tutti i titolari di partita IVA infatti, tranne poche eccezioni, dovranno dotarsi di appositi programma per l’emissione delle fatture e la loro conservazione duratura, che non è la semplice archiviazione nel proprio computer, ma deve rispondere a determinati standard di sicurezza.

È una innovazione che negli intenti della pubblica amministrazione dovrebbe semplificare il sistema fiscale, agevolare i controlli, assicurare maggiore trasparenza e rintracciabilità nelle transazioni, recuperare risorse per parecchi milioni di euro. Oltre che porre l’Italia all’avanguardia per l’uso del digitale e nei rapporti con l’amministrazione finanziaria.

“ E se da un lato come organizzazione abbiamo legittime attese di capire se il processo tecnico ed operativo sia all’altezza delle aspettative e delle funzionalità – commenta Claudio Bressanutti, direttore di Coldiretti Ferrara – non possiamo esimerci dall’essere parte attiva e responsabile di questa innovazione, proprio pensando agli aspetti di trasparenza, di rintracciabilità, di immediatezza della possibile conoscenza di dati ed evidenze che sono parte del nostro progetto e del nostro modo di relazionarci all’esterno con gli altri soggetti economici e sociali e tra le nostre imprese. Non trascurando il fatto che se le risorse già a bilancio dello Stato non dovessero derivare da una complessiva applicazione a tutti i settori economici della fattura elettronica, compreso quello agricolo, è evidente che si porrebbe la questione del dove reperire denaro per coprire le somme ingenti di gettito previste dal Governo”.

L’esonero – ricorda Coldiretti – per i produttori agricoli è limitato ai soggetti in regime Iva di esonero (ovvero che realizzano un volume d’affari annuo non superiore a 7.000 euro), oppure coloro che, svolgendo attività extra agricole d’impresa o lavoro autonomo, rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” e di quelli compresi nel cosiddetto “regime forfettario”.

Negli altri casi occorre attivarsi per essere pronti sin da subito a rispettare il termine del 1 gennaio 2019 e quindi avere la strumentazione necessaria: computer, tablet o smartphone, dotandosi di un programma informatico idoneo.

Ovviamente le fatture possono essere predisposte e trasmesse anche attraverso un soggetto terzo appositamente delegato, quale può essere Impresa Verde, la società di servizi di Coldiretti Ferrara.

Chi lo ritiene può comunque utilizzare anche il servizio che è già predisposto nel Portale del Socio Coldiretti, una piattaforma multifunzionale che consente l’emissione delle fatture digitali direttamente da parte dell’azienda agricola socia, e che permette di evitare ogni ulteriore passaggio per la consegna delle fatture emesse ai nostri uffici, dato che tutto viene già automaticamente indirizzato e messo a disposizione del servizio fiscale per gli adempimenti successivi di contabilizzazione e quant’altro.

Utilizzando un apposito codice, da comunicare ai propri fornitori, è anche possibile far si che sia Impresa Verde a ricevere le fatture e contabilizzarle, comunicando ai soci la ricezione.

Pensiamo che con la dovuta attenzione – conclude Coldiretti – l’avvento delle fatturazione digitale possa essere un passo avanti e che il risparmio di tempo ed i vari possibili automatismi di inoltro, possa essere apprezzabile anche dalle aziende agricole, generando un effetto positivo.

Saremo comunque a fianco di ogni impresa associata che ci dia delega al trattamento delle fatture elettroniche, per la necessaria assistenze ed anche per sviluppare maggiormente le attività di supporto e consulenza alla gestione che consenta di migliorare i processi aziendali.

Il primo incontro con i soci dell’Organizzazione Agricola è in programma lunedì 26 novembre ad Argenta, per proseguire per tutta la settimana successiva in tutto il territorio provinciale.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi