Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti: Cordiglio per la scomparsa di Antonio Camerani

Coldiretti: Cordiglio per la scomparsa di Antonio Camerani

Da: Organizzatori

Coldiretti: cordiglio per la scomparsa di antonio camerani,

Presidente provinciale dell’organizzazione per tre mandati

Coldiretti Ferrara si unisce al dolore dei familiari per la morte di Antonio Camerani, presidente dell’organizzazione tra il 1983 ed il 1992.

“Esprimiamo le nostre sentite condoglianze alla famiglia ed agli amici di Antonio, nel momento in cui apprendiamo della sua scomparsa. E’ stato un nostro dirigente in anni passati ma non ha mai dimenticato Coldiretti, partecipando molto spesso ad incontri e riunioni con lo sguardo sempre rivolto al futuro e la consapevolezza derivante dall’esperienza in diversi ambiti associativi”.

Floriano Tassinari, presidente di Coldiretti Ferrara, esprime in poche parole il sentimento di vicinanza nei confronti di una figura che ha segnato un particolare periodo dell’organizzazione agricola, contribuendo a costruire le premesse della nuova Coldiretti.

Camerani, frutticoltore ferrarese, impegnati nella vita sociale e politica di Ferrara a cavallo tra gli anni 80 e 90, non ricopriva più da tempo cariche pubbliche, tuttavia non mancava di informarsi in ogni occasione delle attività dell’organizzazione.

La sua esperienza si è formata tra il movimento giovanile di quegli anni, nei club 3P, nelle strutture associative della frutticoltura (avviando una serie di fusioni per rafforzare la rappresentanza economica dei produttori), ricoprendo cariche direttive in ambiti locali e regionali, sino a divenire presidente di Coldiretti Ferrara e vice presidente regionale.

Finito il mandato di presidente ricoprì la carica di presidente del C.S.O. e continuò l’attività in seno alla Cassa di Risparmio di Ferrara, da ultimo come socio della Fondazione.

La sua ultima partecipazione pubblica ad una iniziativa di Coldiretti, risale alla Festa Provinciale dei Pensionati di Ferrara del febbraio 2016, occasione nella quale diede testimonianza delle vicende che videro l’organizzazione agricola parte attiva e fondamentale nella gestione della riforma agraria e nella costruzione di momenti di governo locale, con un impegno diretto nella vita politica e sociale di quegli anni, in grande sintonia con l’attività dell’On. Nino Cristofori, ai cui figli in quella giornata consegnò un attestato alla memoria dell’indimenticato padre.

Da: Organizzatori

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi