Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti, dalle assemblee le richieste dei soci

Coldiretti, dalle assemblee le richieste dei soci

Da: Ferrara
Condivisione dei progetti Coldiretti ad ogni livello ma anche necessità di recuperare redditività e dignità per il lavoro nei campi. In agenda le richieste dei soci di Ferrara.
Al termine delle assemblee in tutta la provincia che hanno visto una grande partecipazione da parte dei soci di Coldiretti Ferrara, con centinaia di imprese che hanno dibattuto dei principali temi del settore agricolo, emerge al fianco delle progettualità di Coldiretti una preoccupazione per quella che è la bassa redditività delle produzioni, che non premiano la qualità del prodotto ed il lavoro dell’impresa. Tra i settori in sofferenza ricordiamo alcune vere e proprie eccellenze del nostro territorio, come l’ortofrutta ed il pomodoro da industria. Prezzi insoddisfacenti per i produttori accompagnati da una ridistribuzione del reddito che non premia il settore agricolo e non da risposte ai consumatori. 
Durante gli incontri, nel corso dei quali sono intervenuti il direttore Bressanutti ed il Presidente Tassinari, oltre ai responsabili delle diverse aree dell’organizzazione agricola, trattando sia aspetti tecnici, sia di politica sindacale e quindi di opportunità per fare impresa, è emersa in maniera chiara la necessità di alcuni punti fermi per poter ragionare su orizzonti di redditività. SERVE UNA VERA AGGREGAZIONE di prodotto che sappia superare i limiti e le debolezze dell’attuale sistema. Serve un RIEQUILIBRIO DI VALORE all’interno delle filiere che devono essere elementi di garanzia per il reddito delle imprese e sicurezza alimentare e trasparenza per i cittadini (filiere che devono incernierarsi all’interno di distretti produttivi per le principiali colture, pere e pomodoro in primis). 
Il distretto può essere il vero strumento di governo e punto di incontro tra le parti, compresa la Regione e dove le regole vengono non solo condivise ma soprattutto fatte rispettare. ORIGINE E TRASPARENZA, in coerenza con le proposte di Coldiretti, per evitare l’effetto sostituzione dei nostri prodotti con altri provenienti da ogni parte del mondo ma non certo con le caratteristiche di salubrità, sicurezza e qualità garantite dalle produzioni Made in Italy. 
Su queste linee Coldiretti con i suoi soci continuerà a lavorare per restituire valore ai prodotti e dignità al lavoro degli imprenditori agricoli sensibilizzando in primis le amministrazioni locali come veri presidi territoriali a garanzia di tutti. 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi