Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti Ferrara incontra il Presidente della Provincia ed il Prefetto di Ferrara

Coldiretti Ferrara incontra il Presidente della Provincia ed il Prefetto di Ferrara

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Coldiretti Ferrara

Al centro degli incontri di stamattina la grave situazione del settore agricolo, alle prese con una situazione che mette a rischio i redditi delle imprese.

Si è parlato della invasione della cimice marmorata asiatica ma non solo con la Presidente della Provincia di Ferrara, Barbara Paron e con il Prefetto Michele Campanaro, che Coldiretti ha incontrato stamattina, in due momenti diversi, con una delegazione guidata dal presidente Floriano Tassinari, il vice presidente Stefano Maestri ed il Direttore Roberto Palù.
“L’annata che stiamo vivendo ha risvolti drammatici – ha esordito il presidente Tassinari – dovuti sia ad un andamento climatico anomalo con una distribuzione delle piogge e l’alternarsi di temperature non in linea con le medie stagionali, che hanno portato nel settore delle pere ad una pesante mancanza di frutticini, ed in seguito attacchi incontenibili di cimici asiatiche e di Alternaria, con problemi diffusi anche sul resto delle colture, sia arboree che estensive. Motivi per i quali stiamo chiedendo il supporto delle istituzioni del nostro territorio.”

“È un problema molto sentito nella nostra provincia – ha aggiunto il direttore Palù – che più di altre si trova in difficoltà con gli attacchi di questi parassiti specie nella coltura del pero, che di norma è quella che determina per centinaia di aziende l’esito del bilancio non solo per se stesse ma per interi settori connessi e per l’occupazione, per cui riteniamo che sia utile ogni attività volta a tenere alta la guardia su queste situazioni e spronare Regione e Governo ad attivare ogni possibile strumento di sostegno agli agricoltori, ovvero rifinanziamento del Fondo di solidarietà nazionale, delimitazione dei comuni interessati per far scattare sgravi contributivi, previdenziali e fiscali, sospensioni di rate di prestiti e mutui, interventi finanziari con abbattimento interessi e garanzie pubbliche, avvio dell’introduzione dell’insetto antagonista, risorse per studi e ricerche scientifiche per una lotta a lungo termine”.

Il Prefetto, considerando l’importanza del settore primario nella nostra realtà provinciale, ha assicurato la sua disponibilità ad inoltrare il documento di Coldiretti.
Auspichiamo che la Provincia possa farsi promotrice di un tavolo al quale convocare tutte le rappresentanze del settore agricolo ed agro alimentare, sia datoriale che del lavoro per affrontare questa autentica emergenza del nostro territorio.
 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi