Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti- Giovani Ferrara: basta inganni in etichetta, serve origine per tutti i cibi, in tutta Europa

Coldiretti- Giovani Ferrara: basta inganni in etichetta, serve origine per tutti i cibi, in tutta Europa

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Coldiretti

Stop Cibo Anonimo: serve una normativa uniforme a livello europeo per una etichettatura che informi i consumatori sull’origine degli alimenti. Giovani Impresa Ferrara in azione per la sottoscrizione della iniziativa dei cittadini europei.

I Giovani di Coldiretti Ferrara in azione per raccogliere le firme di presentazione della legge europea contro il cibo anonimo: un provvedimento necessario per fare chiarezza sull’origine del cibo, da applicare per tutti i prodotti alimentari ed in tutti i Paesi dell’Unione Europea.

“La lista dei prodotti la cui origine non è indicata in etichetta – osserva Filippo Pallara, delegato Giovani Impresa Ferrara – si va riducendo grazie alle battaglie di Coldiretti, ma ancora molti sono i prodotti di uso comune che nulla dicono riguardo la loro provenienza, e soprattutto non c’è uniformità nei diversi Paesi europei, con l’evidenza di creare un mercato non trasparente e di non dare a tutti i cittadini le medesime informazioni per una scelta consapevole”.

Conoscere da dove nasce il cibo che acquistiamo e consumiamo è una informazione che può aiutare i consumatori nel fare scelte che siano più sicure sotto molti punti di vista: da quello della sicurezza alimentare, a quello della sostenibilità ambientale, sino al rispetto dei diritti umani.

L’invito di Coldiretti è quindi di sottoscrivere la proposta di legge che in diversi Paesi europei è in via di predisposizione per poter raggiungere il numero di firme necessarie alla presentazione formale alla Commissione Europea e quindi avviare l’iter legislativo.

“Si tratta di una raccolta di firme soggetta ai controlli dei comitati promotori e poi degli organi comunitari – chiarisce Marco Baldon, segretario provinciale dei Giovani di Coldiretti Ferrara – e quindi dobbiamo utilizzare moduli predisposti e acquisire i dati della carta di identità dei firmatari. Nonostante ciò stiamo riscontrando nelle nostre iniziative in piazza la condivisione da parte dei cittadini, che stanno appoggiando la proposta e che volentieri sottoscrivono per poter avere più trasparenza e chiarezza riguardo ciò che mangiano”.

Dopo l’iniziativa di stamattina in Porta Paola a Ferrara, l’appuntamento che i Giovani lanciano sin d’ora è per sabato 15 dicembre in Piazza Municipale, per una giornata nel Villaggio di Natale dove nel gazebo Coldiretti si raccoglieranno altre importanti firme dei cittadini ferraresi.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi