Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti: il 5 marzo a Bologna il popolo del Parmigiano scende in piazza

Coldiretti: il 5 marzo a Bologna il popolo del Parmigiano scende in piazza

da: ufficio stampa Coldiretti

Il popolo del Parmigiano Reggiano scende in piazza a Bologna per denunciare una crisi che sta facendo più danni del terremoto di tre anni fa. Tra la “galleria dei nemici del Parmigiano” e la preparazione in piazza di una forma dal latte di vacche rosse, al via il villaggio del latte Coldiretti.

E’ crisi senza precedenti per i formaggi simbolo della nostra regione e del made in Italy: ParmigianoReggiano e Grana Padano stanno soffrendo e patendo più danni del terremoto che tre anni fa ha fatto cadere a terra centinaia di migliaia di forme e distrutto stalle, caseifici e magazzini.

“Il popolo del Parmigiano e del Grana”, con migliaia di produttori, casari, stagionatori, gastronomi e consumatori, si ritroverà con Coldiretti Emilia-Romagna il prossimo 5 marzo 2015 dalle ore 9,30 a Bologna in piazza XX Settembre dove sarà realizzata la “prima galleria dei nemici del Parmigiano” per smascherare i falsi scovati nei diversi continenti che fanno delle due eccellenze italiane, i prodotti agroalimentari made in Italy più imitati al mondo.

Ma non solo mostra: inpiazza (dove sarà realizzata una autentica stalla) sarà possibile assistere in diretta alla preparazione di forme, da parte di casari che con antichi rituali, comprese le caldaie di rame ed il fuoco di legna, lavoreranno con sapienza e maestria il latte delle vacche rosse (la storica razza da cui è nato il Parmigiano Reggiano), evidenziando ancor più le differenze tra il prodotto originale e le “imitazioni”.

Anche da Ferrara partirà una delegazione di allevatori e produttori, con alla testa il presidente provinciale Sergio Gulinelli ed il direttore Luigi Zepponi.

Nell’occasione sarà presentato uno studio sul mercato del Parmigiano Reggiano che evidenzia una storica e drammatica inversione di tendenza dei crescenti costi di produzione e dei sempre più risicati redditi degli allevatori.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi