Home > COMUNICATI STAMPA > Coldiretti mette in guardia sulla scandalosa vendita di false patate importate

Coldiretti mette in guardia sulla scandalosa vendita di false patate importate

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa Coldiretti

Coldiretti Emilia-Romagna chiede di smascherare al più presto i truffatori. Tonello “è l’ennesima conferma di quello che denunciamo da anni. Occorre tutelare sia i consumatori che i produttori da queste truffe”

La patata italiana tira e attira gli speculatori che hanno deciso dispacciare per italiane patate che arrivano dall’estero di qualità inferiore e che hanno minori garanzie sanitarie. Quasi un chilo di patate su tre è importato, ma il consumatore è ingannato da un’etichetta obbligatoria, ma falsa. E’ un mercato che bisogna al più presto smascherare e denunciare per fermare il furto di identità e il pesante danno economico per i produttori onesti.
E’ quanto afferma Coldiretti Emilia Romagna dopo che la trasmissione Report di ieri sera, lunedì 28 aprile, ha denunciato quello che è un’autentica truffa nei confronti dei consumatori che credono di acquistare prodotto italiano e che invece proviene da Paesi europei ed extraeuropei, con costi inferiori rispetto a quelli italiani anche a causa di un utilizzo di agrofarmaci vietati in Italia perché dannosi alla salute, ma autorizzati anche in Paesi europei, creando così una concorrenza sleale.
“Ciò che la Coldiretti denuncia da anni per numerose produzioni di pregio nazionali trova, purtroppo, ancora una volta conferma anche per un prodotto come la patata – ha affermato il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello – e a risentirne in modo particolare è proprio l’Emilia Romagna dove vengono prodotti circa 2,2 milioni di quintali di patate per un valore attorno ai 50 milioni di euro, con una punta di eccellenza rappresentata dalla Patata Dop di Bologna, unica in Italia ad avere ottenuto la denominazione d’origine protetta”.
L’Italia – informa Coldiretti – consuma 21 milioni di quintali di patate, ma ne produce solo 15 milioni e ne importa sei milioni di cui il 50% dalla Francia. La truffa della falsa etichettatura, favorisce i truffatori, che acquistano a prezzi più bassi, ma vendono a prezzi italiani. E’ anche a causa di ciò che nei magazzini bolognesi giacciono 50 mila quintali invenduti.
“Proprio per tutelare i vari settori produttivi da imitazioni che ingannano i consumatori e danneggiano i nostri produttori – ha detto il direttore di Coldiretti Regionale, Marco Allaria Olivieri – Coldiretti ha istituito l’Osservatorio per la lotta alla criminalità per diffondere la conoscenza e la consapevolezza del patrimonio agroalimentare italiano, con l’obiettivo di creare un sistema coordinato e capillare di controlli idonei a smascherare i comportamenti che si pongono in contrasto con la legalità. confidiamo perciò che le autorità preposte facciano al più presto chiarezza per stroncare il traffico illecito di un prodotto consumato da milioni di italiani”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi