Home > PARTITI & DINTORNI > Comitato di Salvaguardia Ospedale del Delta: rivogliamo il pediatra h24, ma manca una delibera

Comitato di Salvaguardia Ospedale del Delta: rivogliamo il pediatra h24, ma manca una delibera

replica-trattamenti-durante-incontro-spi-cgil-27-02-2014
Tempo di lettura: 3 minuti

da: Comitato di Salvaguardia Ospedale del Delta

Non è necessaria una laurea in giurisprudenza per capire che le dichiarazioni delle Dirigenze Generali, delle due Aziende Sanitarie ferraresi, rappresentano un “guscio vuoto”. Ci riferiamo in particolare a queste due affermazioni: “In questa visione globale è stata creata una Unità Operativa Complessa Interaziendale nella quale convergono la Pediatria – gestita dall’Ausl di Ferrara – e la Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale che ha sede all’interno del nosocomio a Cona” (Comunicato stampa del 31 gennaio intitolato “ORGANIZZAZIONE ASSISTENZIALE PROVINCIALE IN AMBITO NEONATALE PEDIATRICO” presente sul sito dell’A.O.U. S. Anna) e alla dichiarazione del Direttore Generale Gabriele Rinaldi in cui annunciava che la nuova Unità operativa interaziendale di Pediatria è “già deliberata e in linea con quanto deciso nella Conferenza sanitaria territoriale nel giugno 2013” (dichiarazione comparsa sulla stampa locale il 1 marzo). Si tratta di semplici spot, a nostro avviso, dal momento che il 26 febbraio segnalammo alla stampa l’assenza delle stesse dopo un colloquio telefonico con il Direttore Giavaresco. Inoltre la delibera n. 35, datata 13 febbraio (ma pubblicata ad albo pretorio del Sant’Anna solo il 3 marzo), mostra chiaramente che si sta solo “affidando la redazione di un Piano Operativo per realizzare una rete di Assistenza Pediatrica tra la Pediatria e Neonatologia di Cona e quella dell’Ospedale del Delta”, ovvero un mero studio di fattibilità di una rete pediatrica, a livello provinciale, che non ha nulla a che fare con un’unità operativa complessa interaziendale. Basta conoscere l’italiano per capire che questi signori hanno semplicemente dichiarato l’avvenuta deliberazione di un atto che istituisce un semplice intento. Dire ai cittadini, attraverso comunicati stampa ed interviste, che qualcosa è già stato deliberato, quando si sta solo affidando l’incarico per studiare la questione, significa fare un’informazione scorretta, degna non di Amministratori Pubblici ma di Politici non certo ben motivati: e su questo punto siamo sempre più fermamente convinti nel chiedere le immediate dimissioni dei due Direttori Generali Paolo Saltari (AUSL Ferrara) e Gabriele Rinaldi (AOU Sant’Anna Ferrara), inoltre continueremo a documentarci ed a comunicare con le tante persone che vogliono conoscere veramente come stanno le cose.
Per quanto riguarda il reparto di pediatria del Delta l’Azienda USL non ha fatto altro che dimostrare (attraverso la delibera n. 36, datata 13 febbraio, ma pubblicata ad albo pretorio del Sant’Anna solo il 3 marzo) che non è stata in grado di gestire la situazione del nosocomio di Lagosanto, a discapito della Cittadinanza, ed ha richiesto l’intervento dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, come per dire di “dare una mano”: su questo frangente rimane da valutare attentamente quali sono gli estremi giuridici che hanno utilizzato le due Aziende per fare un passaggio del genere.
Ricordiamo che questa vicenda non riguarda solo il basso ferrarese: ma bensì tutta la Provincia di Ferrara, quindi sarebbe opportuno che tutte le forze politiche di questo contesto si esprimessero una volta per tutte in merito a questa vicenda che, proprio perché riguarda la salute dei bambini, si deve considerare come “scandalosa”.

COMITATO SALVAGARDIA OSPEDALE DEL DELTA
NICOLA ZAGATTI

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi