Home > COMUNICATI STAMPA > Comune di Ferrara, tutti i comunicati del 13 novembre

Comune di Ferrara, tutti i comunicati del 13 novembre

Tempo di lettura: 27 minuti

da: ufficio stampa Comune di Ferrara

La newsletter dell’11 novembre 2014

Attività commerciali- Sabato 15 e domenica 16 novembre alle 15.30 in piazza Trento Trieste
Nuovo appuntamento con “I poeti in strada e le strade con i poeti” per valorizzare le attività del centro storico
13-11-2014

Sabato 15 e domenica 16 novembre (dalle 15.30 alle 18) in piazza della Cattedrale si terrà una nuova edizione de “I poeti in strada e le strade con i poeti”. L’iniziativa è ideata e diretta da Paolo Raddusa in collaborazione e con il patrocinio del Comune di Ferrara/Assessorato al Commercio.

(Comunicato a cura degli organizzatori)

Sarà questa l’occasione per trattare un nuovo tema presente nei Poemi dell’Ariosto e del Tasso, ” le armi e le battaglie” che i poeti e lettori dell’evento svilupperanno recitando i brani più famosi dei due grandi Poemi, sempre accompagnati da un tappeto musicale di flauti e da basi musicali che permetteranno di ricreare, almeno speriamo, quel “patos” che i grandi maestri hanno creato nelle loro grandi opere.

Comunque per tentare di rendere più realistico ed avvincente il “racconto” in collaborazione con l’Ente Palio, in piazza stavolta e non in strada, parteciperà anche la Contrada di San Paolo con i propri Armigeri e la Compagnia del Conte Verde, che intratterranno il pubblico durante le letture con veri e propri ‘duelli di spada’. L’evento torna come promesso, tempo permettendo, per allietare i pomeriggi dei Ferraresi e dei turisti che speriamo abbiamo il piacere di passeggiare e fare shopping per le vie del nostro magnifico Centro Storico. Un sentito ringraziamento all’Arcivescovado che ci ha concesso il nulla osta all’uso della piazza, al regista dell’evento Paolo Raddusa e a tutti i partecipanti che prestano in maniera completamente gratuita il loro tempo e si sono autotassati per l’acquisto del materiale necessario.

La precedente edizione.

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Venerdì 14 novembre alle 17 alla sala Agnelli
Micaela Zambardi presenta le sue poesie e la raccolta ‘Nella coperta del soffio vitale’
13-11-2014

Per il ciclo ‘Momenti di Poesia’, venerdì 14 novembre alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea (via Scienze 17) verrà presentato il volume “Nella coperta del soffio vitale” (Faust Edizioni, 2014) di Micaela Zambardi. Dialogheranno con l’autrice la presidente associazione culturale “Olimpia Morata” Francesca Mariotti e l’assessora all’Ambiente/Lavoro/Attività produttive del Comune di Ferrara (che ha curato anche la prefazione dell’opera). Prevista la partecipazione di Maurizio Ganzaroli, video artista e scrittore e dell’editore Fausto Bassini.

LA SCHEDA – Opera d’esordio nella quale l’autrice (originale voce già nota al panorama locale, grazie all’evento di successo “Poeti in strada”) presenta cinquanta poesie le cui tematiche spaziano dalla fragilità alla passione, dall’eco dei ricordi alla libertà, dai tramonti infuocati al nettare della notte. Queste tematiche si riconducono a una linea principale: la descrizione del percorso di un’anima – dalla giovinezza all’età adulta – nel delicato susseguirsi di battiti e passaggi, sino a raggiungere l’essenza di molteplici stati emotivi. Perché “non esisteva il tempo, passato, presente e futuro, era tutto lì, rinchiuso in quelle giornate passate all’insegna di un incontro”. E, tra gli incontri rimati, in scorcio anche quello dell’autrice con la sua città natale, Ferrara: la Torre dell’Orologio, l’angolo dei 4 esse, il lastricato lucido e la piazza vuota, Berto il benzinaio e l’odore del vecchio quartiere che invade i sensi…

UFFICIO ELETTORALE – Elezioni Regionali 23 novembre 2014
Trasferimento di alcune sezioni elettorali
13-11-2014

A causa del perdurare dei lavori di adeguamento dei locali, la sezione elettorale n. 142 ubicata nell’ex scuola elementare di Corlo, in via Canalazzi 59, è stata trasferita temporaneamente nella succursale della Scuola Elementare in via Monte Oliveto 92 a Baura. Pertanto in occasione delle prossime consultazioni elettorali gli elettori del seggio 142 dovranno recarsi a votare a Baura, senza necessità di modificare la tessera elettorale, trattandosi di spostamento di carattere solo temporaneo.
Le sezioni elettorali nn. 77, 78 e 79, che nelle scorse consultazioni elettorali, a seguito degli eventi sismici del 2012 erano state temporaneamente spostate presso la Scuola elementare Tumiati di Via L. Bosi n. 20, in occasione delle prossime elezioni regionali del 23 novembre torneranno ad essere collocate nella Scuola elementare Mosti di via Bologna 152.

MUSEO RISORGIMENTO E RESISTENZA – Da venerdì 14 novembre in via Ercole d’Este. Visitabile fino a gennaio
Ritorna la mostra in due sezioni “Lo squadrismo raccontato dai fascisti” e “Controcanto Antifascista”
13-11-2014

Da domani venerdì 14 novembre al Museo del Risorgimento e della Resistenza sarà possibile visitare la mostra in due sezioni “Lo squadrismo raccontato dai fascisti. Il Diario 1922 di Italo Balbo” a cura di Antonella Guarnieri e “Controcanto Antifascista” a cura di Delfina Tromboni.

La mostra, che durante le sei settimane di precedente apertura al pubblico (dal 12 aprile al 2 giugno) ha totalizzato ben 1756 presenze ed ha destato l’interesse di visitatori provenienti da diverse parti d’Italia, è stata inserita all’interno del ‘progetto comunEbook’, al quale hanno collaborato Museo del Risorgimento e della Resistenza, Archivio di Stato di Ferrara e Ufficio Sviluppo Comunicazioni del Comune, che si concluderà con la pubblicazione di un Ebook distribuito gratuitamente in rete dal titolo “Lo squadrismo: come lo raccontarono i fascisti,come lo vissero gli antifascisti”, di Antonella Guarnieri, Delfina Tromboni e Davide Guarnieri, che contiene l’intero percorso espositivo. Al raggiungimento di questo risultato ha collaborato, all’interno del progetto “Learning By Doing”, lo studente della 4ª G a.s. 2013/2014 dell’Istituto I.T.I. Carpeggiani di Ferrara Domenico Zitiello.

Visitabile dal 14 novembre all’11 gennaio 2015 alla sala Mostre del Museo (via Ercole I° d’Este 19) dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18.

>>> L’esposizione, sostituisce la prevista “O cara moglie…Lettere di perseguitati politici antifascisti che le famiglie non hanno mai letto”, sospesa per motivi di forza maggiore.

ASSESSORATO ALLO SPORT – Illustrate questa mattina, 13 novembre, in conferenza stampa a Bologna
Le proposte politico amministrative per lo sport in Emilia Romagna
13-11-2014

[Nella foto in testa un momento della conferenza stampa svoltasi il 13 novembre 2014 a Bologna. Da sinistra: Alberto Manzotti, Simone Merli, Luca Rizzo Nervo, Giulio Guerzoni]

Si è svolta questa mattina, giovedì 13 novembre una conferenza stampa nella sala Savonuzzi del Comune di Bologna (piazza Maggiore – BO) di presentazione di un documento elaborato dagli assessori e dai referenti dei Comuni di Ferrara, Bologna, Modena e Regio Emilia che contiene le “Proposte politico amministrative in Emilia Romagna”. Il documento è stato redatto in occasione di un primo incontro svoltosi a Ferrara nel settembre scorso tra gli Assessori allo Sport delle città di Bologna, Modena, Ferrara e Reggio Emilia. Obiettivo dei rappresentanti istituzionali con delega allo Sport è “ripensare il ruolo della Sport nelle politiche della Regione Emilia Romagna”. Negli ultimi anni vi è stata da parte del Governo Regionale “poca attenzione rispetto alle politiche sportive” proprio a partire dalla delega, spesso insieme a quella della cultura, fattore che ne ha diminuito la rilevanza rispetto alle politiche culturali, e con il risultato di lasciare agli Enti Locali l’intero “peso” del sistema sportivo. Pertanto “ripensare” per “ripartire” e come primo passo con una delega regionale dove lo “sport” sia “centrale” questo per consentire una più ampia capacità di manovra, basti pensare all’impiantistica sportiva, ed al complesso di gestione degli impianti perlopiù svolta dal mondo dell’associazionismo sportivo, ovvero migliaia di impianti di proprietà pubblica gestiti e capaci di offrire servizi alla collettività, ma inseriti in un sistema normativo complesso e articolato, capace di “imbrigliarli” in una serie di responsabilità davvero importanti e demotivanti perché poste elusivamente a carico dei dirigenti delle società sportive, di cui molti, con formazione insufficiente per poter affrontarli.

Queste in dettaglio le linee emerse in quell’incontro, concetti ribaditi oggi in occasione della conferenza stampa.

Nell’ambito dell’impiantistica sportiva la Regione potrebbe intervenire con queste azioni:

Istituire un fondo di garanzia regionale, al fine di consentire la ripresa degli investimenti in impiantistica sportiva, ivi compresi gli interventi di manutenzione straordinaria, al fine di tutelare quelle associazioni sportive che decidono di investire sul patrimonio di proprietà pubblica.

Istituire un fondo da destinare ai soggetti che possono investire negli impianti sportivi in interventi rivolti al risparmio energetico ed alle energie rinnovabili (Progetti di riqualificazione energetica).

Proporre al Governo attraverso la Conferenza Stato Regioni un progetto di sgravi fiscali per le associazioni sportive che investono sugli impianti pubblici, con tassazione zero agli intervento rivolti all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Valutare la fattibilità di istituzione da parte dei gestori della distribuzione del gas metano, dell’introduzione di una tariffa agevolata “sport” per i consumi negli impianti sportivi di proprietà pubblica.

Aggiornare la legge nr. 11 del 2007 “disciplina del modalità di affidamento della gestione di impianti sportivi di proprietà degli enti locali”, (es. istituendo procedure semplificate per gli impianti privi di rilevanza economica o con bilanci di gestione esigui).

Usufruire dei fondi della legge regionale 40 del 2002 anche per l’impiantistica sportiva.

Promuovere la costituzione di reti d’Impresa tra le Associazioni Sportive per la gestione di complessi sportivi di particolare rilevanza.

Promozione Sportiva e Manifestazioni Sportive

Aggiornare la legge 13 del 2000 “Norme in materia di Sport”, in virtù della recente abolizione delle Province ed alla riforma del titolo V della Costituzione attualmente in atto.

Costituire una rete dei grandi eventi sportivi organizzati nel territorio regionale al fine di ottenere un calendario regionale da promuovere nel circuito del Turismo.

Impegni

Negli ultimi anni, gestire un associazione sportiva, è diventato particolarmente complicato ed impegnativo, senza trascurare le responsabilità , questo potrebbe comportare in poco tempo ad una diminuzione della rete di associazioni, perché, spesso ci si dimentica che, nella maggioranza dei casi, parliamo di volontari. Da un lato la crisi del volontariato sportivo, e dall’altro la diminuzione dell’attività sportiva svolta in forma organizzata ed il conseguente aumento di quella svolta in forma autonoma, potrebbe determinare, in poco tempo, la chiusura di realtà sportive, il tutto “accelerato” dalla crisi economica in atto. Il risultato porterebbe ad una riduzione di un vero è proprio “capitale sociale” . Per questo assumersi l’impegno di attivarsi al fine di ridurre la burocrazia anche attraverso la semplificazione soprattutto in campo fiscale potrebbe aiutare molto le associazioni sportive ed i loro dirigenti.

Nel gennaio 2016( Decreto Balduzzi) scadrà il termine entro il quale ogni realtà sportiva e/o impianto sportivo dovrà dotarsi di defibrillatore semi automatico, si rischia di arrivare alla scadenza senza aver dotato i propri impianti lasciando sole le società sportive, ma al tempo stesso, ci si dovrà assicurare che chi svolge attività all’interno di palestre e strutture sportive date in concessione ne sia dotato ( es. uso delle palestre in orario exstrascolastico).

I firmatari delle proposte

Luca Rizzo Nervo, Assessore allo Sport del Comune di Bologna

Simone Merli, Assessore allo Sport del Comune di Ferrara

Giulio Guerzoni, Assessore allo Sport del Comune di Modena

Alberto Manzotti, Consigliere di Fondazione per lo Sport del Comune di Reggio Emilia

Nella foto qui sotto: da sinistra: Alberto Manzotti, Simone Merli, Giulio Guerzoni, Luca Rizzo Nervo]

COMITATO PER LA COSTITUZIONE – Lunedì 17 e martedì 18 novembre incontri con cittadini e studenti delle scuole superiori
L’attualità del pensiero di Piero Calamandrei, padre costituente
13-11-2014

[Nella foto a fianco Silvia Calamandrei]

Il Comitato provinciale “Ferrara per la Costituzione” propone il 17 e 18 novembre due momenti di incontro con Silvia Calamandrei, presidente della Biblioteca Archivio “Piero Calamandrei” e nipote del padre costituente e giurista Piero, come contributo alle iniziative per le celebrazioni civili organizzate nel novembre 2014 a Ferrara.

Nell’incontro pubblico di lunedì 17 novembre alle 16 in sala dell’Arengo del Comune (piazza Municipio), si parlerà di “Attualita del pensiero di Piero Calamandrei”. Introdurrà il prof. Francesco Cocozza e relazionerà Silvia Calamandrei.
Sempre sullo stesso tema martedì 18 novembre alle 9 nella sala del Consiglio comunale (residenza municipale) è in programma un incontro aperto alla cittadinanza ma rivolto in particolare agli studenti degli ultimi anni di scuola superiore. In apertura è previsto il saluto del Sindaco e l’introduzione del presidente del Comitato provinciale per la Costituzione Paolo Siconolfi.
Le iniziative, patrocinate dal Comune di Ferrara, sono organizzate dal Comitato provinciale per la Costituzione in collaborazione con l’ANPI e l’Istituto di Storia contemporanea.

Informazioni sul sito internet: www.comitatocostife.blogspot.it

ASSESSORATO SANITA’ – Sabato 15 novembre dalle 10 a Wunderkammer in via Darsena. Aperto a tutti, gratuitamente
Primo esperimento di ‘Future Lab’, laboratorio partecipato per riflettere insieme sul tema della precarietà
13-11-2014

Per la prima volta a Ferrara si terrà un esperimento di ‘Future Lab’, metodo di democrazia partecipata, per riflettere insieme sul tema della precarietà. L’appuntamento è per sabato 15 novembre dalle 10 alle 17 a Wunderkammer in via Darsena 57 e la partecipazione è libera e gratuita. L’iniziativa (dal tema appunto ‘Quali facce ha la precarietà?’) è promossa dal Comune di Ferrara – Assessorato Sanità e Servizi alla Persona, nell’ambito del Programma del Piano Salute e Benessere Sociale del distretto Centro Nord, in collaborazione con Regione Emilia Romagna, Provincia di Ferrara, Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale, AUSL Ferrara, Community Lab, Teatro Nucleo.

Alla presentazione del Future Lab di sabato – in mattinata nella residenza municipale – erano presenti l’assessora comunale alla Sanità/Servizi alla Persona, la responsabile Ufficio Comune Ausl-FE Paola Castagnotto, Tommaso Gradi dell’Ufficio comunale Progetti/Servizio Salute e Politiche socio sanitarie, Natasha Czertok e Greta Marzano della Cooperativa Teatro Nucleo e Serena Maioli del gruppo di progetto Community lab.

(Comunicato a cura degli organizzatori)

Il Future Lab sarà un’occasione per favorire la cittadinanza attiva, far emergere e progettare una visione collettiva di futuro. Esso mira, nella prima fase di critica e catarsi, a portare a galla i limiti del presente, per poi ri-legittimare una visione utopica su un futuro desiderato. L’utopia viene quindi rielaborata, riformulata e concretizzata, affinchè dalla visione si possano costruire strategie e progettualità che permettano di affrontare, partendo dal presente, la strada verso l’orizzonte auspicato.

Il Future Lab non è un’assemblea, una conferenza, un convegno. È un laboratorio guidato e partecipato che parte da idee, pensieri, esperienze e conoscenze dei partecipanti per condividere bisogni e progetti sociali.

Il Future Lab sarà condotto da Vincenza Pellegrino, sociologa e docente dell’Università di Parma. Obiettivo è quello di dare forma a proposte concrete sui servizi di supporto alla precarietà da sottoporre all’attenzione dell’Amministrazione Comunale.
L’idea di incominciare a raccogliere idee ed esperienze dai cittadini nasce dal percorso partecipativo Community Lab, promosso con la collaborazione della Regione Emilia Romagna dal 2013. Il Community Lab è un metodo di lavoro basato sull’analisi consolidata di case studies sulla programmazione partecipata, finalizzato a comprendere meglio le comunità di oggi e le possibili forme di evoluzione del welfare locale grazie all’apporto dei cittadini.
La giornata del 15 novembre si aprirà alle dieci e sarà scandita da tre fasi – la critica, l’utopia, il progetto – guidate da formatori e alternate da “incursioni teatrali” a cura di Teatro Nucleo, utili a favorire la partecipazione e stimolare il dibattito.
A chi lo richiederà, verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Sono previsti il pranzo a buffet a cura della Cooperativa Integrazione Lavoro e un servizio di animazione per i bambini presenti, che saranno coinvolti in un “mini-futurelab” per dare voce anche alla loro visione di futuro.
Vincenza Pellegrino svolge ricerca nell’ambito della sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università di Parma, dove insegna Politiche Sociali presso il Corso di laurea in Servizio Sociale, e nell’ambito della sociologia della scienza presso la S.I.S.S.A (Scuola Internazionale Superiore Studi Avanzati) di Trieste dove insegna Metodologia della ricerca sociale.

Per informazioni e prenotazioni, inviare una mail a t.gradi@comune.fe.it

www.facebook.com/FutureLabFerrara

PROGRAMMA

10.00 Accoglienza e registrazione partecipanti – Apertura dei lavori con la Prof.ssa Vincenza Pellegrino
10.30 Condividiamo le paure individuali ed i problemi relativi alla vita precaria
11.30 A partire dalle paure e dalla critica immaginiamo le nostre Utopie sul futuro!

12 Saluto dell’Assessora alla Sanità del Comune di Ferrara
13.00 Buffet a cura della cooperativa sociale Integrazione Lavoro
13.30 Troviamo percorsi collettivi ai problemi individuali: dalle immagini sul futuro emerse nel corso della mattinata si attiveranno gruppi di lavoro sul cambiamento possibile.
15.30 Restituzione dei gruppi di lavoro in plenaria

E per i bambini presenti……FUTURE LAB – LE VISIONI DEI BAMBINI

10.30-11.30 Giochi Cooperativi
Giochi per conoscere gli altri, giochi in movimento, giochi di parole. Attraverso i giochi cooperativi i partecipanti collaborano insieme verso gli obiettivi che il percorso di animazione propone.
11.30- 12.30 / 13.30-14.30 Il Future Lab dei più piccoli: i Manifesti dei Desideri
Giochi di scrittura/pittura creativa. Creazione dei Manifesti dei desideri con l’utilizzo di stoffe e colori.
12.30-13.30 Pausa Buffet
14.30 – 15.30 Laboratorio di Maschere
Costruzione della maschera attraverso stoffe e materiali di riciclo.

INTERPELLANZA – Presentata dal gruppo consiliare M5S
Interpellanza in merito alla relazione sul rischio idraulico del Consorzio Bonifica
13-11-2014

Questa l’nterpellanza pervenuta:

– la consigliera Morghen (gruppo Movimento 5 Stelle) ha interpellato il Sindaco di Ferrara e l’Assessora all’Ambiente in merito alla relazione-documento sul rischio idraulico trasmessa dal Consorzio Bonifica Pianura di Ferrara.

INAUGURAZIONE – Sabato 15 novembre 2014 alle 10.30 taglio del nastro
Una nuova piazza Bruno Buozzi a Pontelagoscuro
13-11-2014

Il Comune di Ferrara insieme al comitato Vivere Insieme di Pontelagoscuro ha organizzato per sabato 15 novembre alle 10.30 l’inaugurazione della piazza Bruno Buozzi recentemente oggetto di un consistente intervento di riqualificazione.

Questo il programma delle iniziative: alle 10.30 inaugurazione ufficiale alla presenza del Sindaco, dell’Assessore ai Lavori Pubblici e di altre autorità cittadine, con esibizione della Contrada di San Giovanni. Seguiranno l’incontro con i bambini delle scuole di Pontelagoscuro e la consegna al cielo de “La piazza che vorrei”, un rinfresco offerto dal Centro sociale “Il Quadrifoglio”, la mostra fotografica “La piazza com’era e com’è”, l’esposizione di sculture volanti a cura del Gruppo Vulandra, una rappresentazione teatrale a cura del Teatro Comunitario.

In caso di maltempo l’inaugurazione verrà rinviata a data da destinarsi.

PIAZZA BRUNO BUOZZI – LA SCHEDA (A cura dell’Assessorato comunale ai Lavori Pubblici)
La riqualificazione di piazza Bruno Buozzi a Pontelagoscuro è stata progettata per essere realizzata in due successivi lotti funzionali. Il primo lotto, che sarà inaugurato sabato, ha incluso l’area più ampia racchiusa tra via Savonuzzi/via Venezia e via Risorgimento che comprende la Chiesa e il Centro Civico ed è destinata a diventare la piazza propriamente detta ossia il vero luogo di aggregazione sociale a fruizione pedonale. Il secondo lotto, interessa l’area compresa tra corso del Popolo e via Risorgimento, e prevede la conservazione della funzione di asse carrabile con aree di sosta ai lati diventando a senso unico.
Le due aree sono strettamente interrelate grazie alla consequenzialità degli spazi verdi e dei nuovi percorsi pedonali e ciclabili sul fronte meridionale. Il controviale è stato convertito in percorso pedonale e ciclabile, separato dalla parte centrale della piazza da un’ampia fascia verde delimitata da un bordo-seduta rivestito in pietra d’Istria interrotta, in corrispondenza dell’accesso al Centro Civico, dall’inserimento di uno specchio d’acqua con zampillo centrale anch’esso bordato dalla medesima seduta.
Tutta l’area compresa tra la fontana ed il sagrato della chiesa è diventata pedonale ed è delimitata sui fronti est ed ovest da dissuasori (in parte a scomparsa per garantire la prosecuzione del mercato settimanale e l’accesso ai mezzi di soccorso).
Il disegno dell’area, cuore dell’intervento di riqualificazione, è costituito da tre grandi riquadri proporzionati in modo da dare maggiore risalto ai percorsi di accesso ai due principali luoghi di aggregazione civile e religiosa del Centro civico e della chiesa. Il perimetro sud di quest’area viene valorizzato dall’inserimento di un secondo percorso pedonale in pietra naturale, largo circa 2 metri, che ricorda simbolicamente il ponte in ferro tipo Bailey e con esso la storia di Pontelagoscuro, mediante un disegno nella pavimentazione.
I materiali impiegati per le pavimentazioni sono il porfido, la trachite zovonite nelle due varietà di grigia antiacida e calda variegata, il granito grigio chiaro ed un autobloccante in calcestruzzo la cui finitura è stata specificamente studiata con l’obiettivo di ottenere il migliore risultato estetico possibile dovendolo affiancare a della pietra naturale.
Infine ad integrazione delle sedute in pietra d’Istria delimitanti la fontana e le aiuole sono stati installati sul fronte opposto, lungo la doppia fascia di granito demarcante il confine piazza – sagrato, elementi di arredo urbano lineari alternati a piccole aree verdi che saranno alberate nei prossimi mesi. Anche l’lluminazione verrà reaizzata successivamente con nuovi apparecchi illuminanti per sorgenti tipo LED.
L’importo complessivo dell’opera è di 780.000 euro, finanziato per 100.000 euro con contributo di Terna e per 680.000 euro con risorse comunali derivanti da avanzo di amministrazione.
Impresa esecutrice: soc. coop. Consorzio Contarinese escavi e trasporti di Taglio di Po (RO)

CONSIGLIO COMUNALE – Appuntamento alle 15.30 in Municipio. Definiti nella Capigruppo le modalità della seduta
Il Consiglio comunale di lunedì 17 novembre sarà dedicato al ‘question time’
13-11-2014

Ammontano complessivamente a 49 le interrogazioni che i Consiglieri hanno già provveduto a presentare e alle quali la Giunta risponderà nel corso della seduta del Consiglio comunale di Ferrara dedicata al ‘question time’ (domande a risposta immediata), programmata per lunedì 17 novembre alle 15.30 nella residenza municipale. Modalità e tempi della sessione sono stati definiti dalla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari convocata dal presidente del Consiglio Girolamo Calò.

LA SCHEDA – Le interrogazioni realizzate per il ‘question-time’ devono concentrarsi in una sola domanda, formulata in modo chiaro e conciso su argomenti attinenti l’attività generale dell’Amministrazione, connotati da una particolare urgenza e attualità. Il Sindaco o l’Assessore competente ne valutano caratteristiche e contenuti e ne decidono l’ammissibilità. Nel corso della seduta il presentatore dispone poi di un minuto per l’illustrazione e di un minuto per dichiararsi più o meno soddisfatto della risposta (sviluppata in tre minuti) dell’Assessore o del Sindaco. Nel caso di non ammissibilità dell’interrogazione il presentatore viene invitato a formulare diversamente la richiesta o a presentarla come interrogazione ordinaria.

MUSEO STORIA NATURALE – Laboratorio per bambini sabato 15 e domenica 16 novembre alle 15.30 in via De Pisis
Alla scoperta del “mondo al microscopio” per i piccoli Apprendisti Scienziati
13-11-2014

Una nuova avventura attende i ragazzi dai 5 ai 7 anni che sabato 15 e domenica 16 novembre alle 15.30 prenderanno parte al laboratorio per ‘Apprendisti scienziati’ organizzato dal Museo civico di Storia naturale (via De Pisis 24) sul tema “Il mondo al microscopio”.

Con l’aiuto di un microscopio collegato al computer i piccoli partecipanti potranno entrare in un mondo sconosciuto e osservare da vicino foglie, insetti, semi, muffe, ma anche fibre, pelle, peli e tutto quello che la fantasia suggerisce.

Per partecipare è necessaria la prenotazione da effettuare contattando la sezione didattica del Museo di Storia naturale: tel. 0532 203381 – 206297, dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 o all’indirizzo dido.storianaturale@gmail.com (info su www.comune.fe.it/storianaturale) (partecipazione al costo di 4 euro a persona).

CENTRO DOCUMENTAZIONE DONNA – Sabato 15 novembre alle 16 in via Terranuova
Paola Migliori presenta la tesi “Il genere impossibile: l’apporto di Judith Butler al femminismo”
13-11-2014

(Comunicato a cura del Centro Documentazione Donna)

Sabato 15 novembre alle 16 nella sede di via Terranuova 12/b si terrà il primo incontro di presentazione delle tesi che sono state svolte consultando i materiali della Biblioteca del Centro Documentazione Donna. Paola Migliori illustrerà la ricerca “Il genere impossibile: l’apporto di Judith Butler al femminismo” con relatrice Sandra Rossetti e ospite Olivia Guaraldo, studiosa di Judith Butler. La biblioteca del CDD è convenzionata con il Comune di Ferrara e fa parte del Polo bibliotecario Ferrarese. Saranno presenti per un saluto in rappresentanza di Comune e Università il Vicesindaco e assessore alla Cultura e la presidente del Consiglio di parità dell’Università di Ferrara Silvia Borelli.

Judith Butler, filosofa statunitense, è docente di letteratura comparata all’Università di Berkeley ed è una delle studiose femministe più note di questi ultimi anni. Nei suoi testi ha elaborato la teoria della “performatività di genere” che contesta il concetto di “genere” come ruolo acquisito in modo immutabile. Teoria che ha fornito materia di discussione per gli studi femministi, lesbici e queer. Oltre che attiva nei movimenti sulle politiche di genere, dei diritti umani e in quelli contro le guerre, Judith Butler si è espressa criticamente nei confronti della politica israeliana, sostenendo la campagna di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele. Fa parte di Jewish Voice for Peace e della Faculty for Israeli-Palestinian Peace negli Stati Uniti e del Jenin Theatre in Palestina. Ha anche sostenuto il movimento Occupy Wall Street.
La maggior parte dei suoi testi sono stati tradotti anche in italiano. Tra questi ricordiamo:
• Corpi che contano. I limiti discorsivi del “Sesso”, Feltrinelli, 1996, presentazione di Adriana Cavarero (1993, Bodies That Matter: On the Discursive Limits of “Sex”)
• La disfatta del genere, Meltemi, 2006 ; Fare e disfare il genere, Mimesis, 2014 (2004, Undoing Gender)
• Soggetti di desiderio, Laterza, 2009, presentazione di Adriana Cavarero (1988, Subjects of Desire)
• Questione di genere. Il femminismo e la sovversione dell’identità, Laterza, 2013 (1990, Gender Trouble. Feminism and the Subversion of Identity)
• Strade che divergono. Ebraicità e critica del sionismo, Raffaello Cortina, 2013 (2012, Parting Ways: Jewishness and the Critique of Zionism)

Olivia Guaraldo è ricercatrice in Filosofia Politica presso l’Università di Verona, dove è parte del centro di ricerca Politesse-Politica e teoria della sessualità e collabora con il Master di Filosofia della Trasformazione. Studiosa del pensiero arendtiano e del femminismo contemporaneo, in particolare delle questioni legate alla teoria del genere e alla differenza sessuale, ha curato le edizioni italiane dei saggi di Judith Butler Vite precarie (2013) e La disfatta del genere (2006).

ITALIA NOSTRA – Sabato 15 novembre alle 10 in Castello e domenica 16 novembre alle 10.30 al Ridotto del Comunale
Il “Premio nazionale Giorgio Bassani” di Italia Nostra alla terza edizione
13-11-2014

(Testo a cura della sezione di Ferrara di Italia Nostra)

Domenica 16 novembre alle ore 10.30 presso il Ridotto del Teatro Comunale si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio Nazionale Giorgio Bassani, terza edizione. Il Premio è destinato a uno scrittore-giornalista distintosi negli ultimi due anni per i propri scritti a favore della tutela del patrimonio storico, artistico e naturale del Paese ed è stato istituito da Italia Nostra in onore di Giorgio Bassani, presidente Nazionale dell’Associazione dal 1965 al 1980, in occasione del decennale della scomparsa dello scrittore (2010).

La consegna del Premio sarà preceduta da una conferenza del prof. Paolo Maddalena, vice presidente emerito della Corte Costituzionale, sul tema: “Il territorio bene comune”.

La giornata di sabato 15 novembre, dalle ore 10, sarà invece dedicata ad un convegno sulla tutela integrata del Po e del suo delta, presso la sala dell’Imbarcadero 2 del Castello Estense.

La pianura padana è ormai da decenni uno dei territori più urbanizzati ed inquinati d’Europa. Il grande fiume che la solca e la percorre è stato a lungo utilizzato come veicolo di ogni sorta di inquinamento.

E’ tempo di pensare al bacino del Po e dei suoi affluenti come ad un grande corridoio ecologico che attraversa l’intera pianura padana; un sistema di parchi e di aree protette, in parte già esistenti, in parte da creare, ma soprattutto da unire e coordinare attraverso la creazione di un autentico Parco Fluviale, che difenda e accompagni il fiume dal Monviso al mare.

Si allega programma completo della manifestazione.

PROVINCIA DI FERRARA – Nota a cura del presidente della Provincia
Il tavolo in Prefettura sulla situazione onda di piena del fiume Po
13-11-2014

D’accordo tra Provincia, Aipo e Prefettura, si è tenuto in Palazzo Giulio d’Este un vertice sulla situazione ondata di piena del Po, il cui colmo per il Ferrarese è previsto nella notte tra sabato 15 e domenica 16 novembre.

Nella serata di venerdì 14 è previsto il superamento del livello tre, che secondo i parametri della Protezione civile significa situazione di criticità.
L’ondata di piena del fiume in territorio ferrarese è poi destinata a durare oltre le 48 ore, perché risente degli apporti idrici degli affluenti emiliani del Po e delle forti piogge di questi giorni cadute in Piemonte e Lombardia.
La rete di controllo e monitoraggio della situazione è nel frattempo già in azione.
Aipo ha iniziato l’attività di sorveglianza idraulica e da stamani è operativa su tutta l’asta fluviale ferrarese.
In aggiunta, la struttura della Protezione civile della Provincia insieme con le associazioni di volontariato, è pronta a rinforzare l’attività di monitoraggio nelle prossime ore lungo l’intera struttura arginale del fiume.
Lo stretto raccordo istituzionale per tenere sotto controllo la situazione prosegue oggi stesso con un nuovo aggiornamento in programma alle 17 tra Protezione civile provinciale, volontariato e Aipo.
Nel frattempo continua il monitoraggio del flusso d’acqua, che secondo gli ultimi bollettini è dato in crescita di circa tre centimetri all’ora. L’intero sistema di coordinamento è pronto per eventuali interventi che si rendessero necessari in caso di criticità.
Proprio in queste ore, infine, la Provincia sta preparando un’ordinanza di chiusura per motivi cautelari al transito della ciclabile Destra Po da Bondeno fino a Gorino, con analoga richiesta rivolta ai vari Comuni per i rispettivi tratti di competenza.
Erano presenti all’incontro in Prefettura i Comuni di Mesola, Goro, Ro, Berra, Ferrara e Bondeno, Forze dell’ordine, Vigili del fuoco, Aipo e Protezione civile della Provincia.
In un frangente di emergenza faccio appello a tutte le associazioni del volontariato di protezione civile affinché sia garantita la massima operatività e disponibilità, pur in presenza delle ragioni di contrasto recentemente emerse in sede di elezione del Consiglio direttivo del Coordinamento, che vanno in questo momento messe in secondo piano

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi