COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Comune di Ferrara: tutti i comunicati del 2 novembre

Comune di Ferrara: tutti i comunicati del 2 novembre

logo-comune-ferrara
Tempo di lettura: 12 minuti

da: ufficio stampa Comune di Ferrara

VIABILITA’ – Provvedimenti in vigore il 4 e 5 novembre

Modifiche al traffico per lavori in via Modena, corso Isonzo e intersezione a rotatoria corso Isonzo/via Darsena

02-11-2015

IN VIA MODENA CIRCOLAZIONE A SENSO UNICO ALTERNATO PER LAVORI

Per consentire l’esecuzione di lavori di allaccio idrico per conto di Hera, nelle giornate di mercoledì 4 e giovedì 5 novembre, salvo avverse condizioni meteo, in via Modena, in corrispondenza del numero civico 163 (in prossimità dell’intersezione con via Eridano) sarà istituito il senso unico alternato regolato con moviere o impianto semaforico.
L’intervento potrà comportare qualche rallentamento nei tratti interessati.

———————————————-

 

MODIFICHE AL TRAFFICO PER LAVORI IN CORSO ISONZO E SULL’INTERSEZIONE A ROTATORIA CORSO ISONZO/VIA DARSENA

Per consentire lavori di ripristino del manto stradale in corso Isonzo e sull’intersezione a rotatoria corso Isonzo/via Darsena, nelle giornate di mercoledì 4 e giovedì 5 novembre verrà installata un’area di cantiere che provocherà modifiche alla normale circolazione, con deviazioni del traffico segnalate da apposite tabelle.

 

 

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Martedì 3 novembre alle 17 invito alla lettura

‘Trema anche la luna’: poesie e scritti di Paola Sarcià

02-11-2015

Ha per titolo ‘Trema anche la luna’ la raccolta poetica di Paola Sarcià che martedì 3 novembre alle 17 sarà presentata nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea. L’incontro, che vedrà la presenza dell’autrice, sarà introdotto da Sergio Lorenzo Sperti, docente di Storia dell’Arte al Liceo Ariosto di Ferrara.

 

LA SCHEDA a cura degli organizzatori

Un iniziale rapporto con la natura,che si estrania e che poi dirompente rientra a dare la sua forza, a rinvigorire quella umana devastata dal suo materialismo, e natura che ancora si riallontana per viversi da sé e poi amalgamarsi nell’amore, nell’amare il prossimo, partendo da quel sentimento panteistico che non sappiamo più riconoscere. […] Sono poesie brevi, come la brezza che sa sollecitare una pelle addormentata, e insieme intervallate da lunghe righe di pensieri, come cieli che ti sanno guardare, sono insieme versi e righe a formare e a scandire i tempi interni dell’autrice, in questa raccolta dal titolo lirico. […] L’attenzione di questo lavoro poetico prima rivolto alla natura e poi all’urlo cieco dell’umanità, cerca nel viaggio degli scritti di riunire nelle sue contraddizioni poetiche e nelle sue offese realtà, l’essere umano al cosmo.(dall’introduzione di Barbarah Guglielmana)

 

Paola Sarcià, nata Bologna, risiede a Ferrara dal 1986; è docente di inglese presso una Scuola Superiore della città. Scrive poesie dal 2003, ha partecipato a diversi premi nazionali ed è stata inserita in diverse antologie, fra cui l’Antologia del Premio letterario Città di Monza 2005 e 2007; l’Antologia del Premio Marguerite Yourcenar 2006 e 2007 ;è stata premiata con il Premio d’Onore alla IV edizione del Premio Letterario Internazionale Archè “Anguillara Sabazia Città d’Arte” 2006. Nel 2008 ha pubblicato “Occhi di Zagara” Edizioni Il Foglio, con la prefazione di Patrizia Garofalo. È stata inserita nelle antologie “L’Impoetico Mafioso” Edizioni CFR 2010 a cura di Gianmario Lucini con la poesia; “Oltre le nazioni” Edizioni CFR 2011 a cura di Gianmario Lucini; “I Poeti del Duca” a cura di Matteo Bianchi edizioni Kolibris 2013.
Nel 2012 ha pubblicato “Echi dall’Onda” nella collana Orizzonti, Ed. Il Foglio, con la prefazione di Patrizia Garofalo.

 

In ricordo del professor Francesco Dondi

di Tiziano Tagliani *

02-11-2015

“Con questo ricordo vorrei rivolgere il saluto mio e della città al Prof Francesco Dondi che due giorni fa, dopo lunga malattia, ci è venuto a mancare.
É stata non solo una importante figura di riferimento per il nostro Ateneo ferrarese ma anche un prezioso ed instancabile scienziato che ha collaborato a tanti progetti nazionali ed internazionali su le politiche ambientali sostenibili.
In particolare per la città di Ferrara si é dedicato alla realizzazione di numerosi programmi e alla divulgazione dei concetti di etica ambientale per lo sviluppo sostenibile.
Negli anni 2000, come Direttore del Master in Scienze Tecnologie e Management con indirizzo materiali polimerici che vedeva coinvolta la Basell, ha arricchito il corso di studi con diverse tematiche di tipo ambientale : bonifiche, riduzione emissioni, qualità dell’acqua, ecc e, in accordo con il Comune ( in particolare con Alessandro Bratti ex Assessore comunale all’ambiente) ha creato una rete di partner coinvolgendo non solo le istituzioni locali ma anche le multiutility tra cui Hera, tutte le imprese del petrolchimico, quelle dell’ area ex Solvay ed altre ancora anche fuori provincia.
Tanti ragazzi neo laureati attraverso questa esperienza hanno potuto accrescere competenze e professionalità, ed in molti casi il percorso in azienda si è tramutato in vero e proprio posto di lavoro.

Negli ultimi anni si è concentrato sull’impegno etico della scienza, organizzando – anche qui in collaborazione con gli enti locali e le imprese- un grande convegno internazionale a cui ha partecipato il Richard Ernst – Premio Nobel della Chimica 2001.
Vorrei ricordare il suo ultimo impegno per la città: la mostra sull’acqua e sostenibilità ambientale, ostinatamente da lui voluta presso il Castello Estense, per coinvolgere l’intera cittadinanza.Per lui, quindi, quasi un testamento alla città che ha molto amato, al pari di Sermide sua città natale.
Grazie Professor Dondi per quanto ha donato alla città e per aver accresciuto in noi la sensibilità per politiche attente alla sostenibilità ambientale”

 

* Sindaco di Ferrara

ISTITUZIONE SCUOLA – Partita l’iniziativa coordinata dall’Istituzione dei Servizi educativi e dall’Ufficio Verde pubblico

“Cadono le foglie… e noi le raccogliamo”

02-11-2015

Arriva l’autunno e cadono le foglie. Dal 27 ottobre al 12 novembre 2015, insegnanti genitori bambini e operatori del verde, saranno tutti insieme impegnati per la raccolta delle foglie nei giardini dei Nidi, Servizi integrativi e Scuole dell’infanzia comunali della città.

L’iniziativa, promossa e coordinata dall’Istituzione dei Servizi educativi, scolastici e per le famiglie e dall’Ufficio Verde pubblico ed Arredo urbano del Comune di Ferrara, è inserita nel progetto “Scuole come beni comuni” e intende potenziare un coinvolgimento attivo dei genitori in interventi di cura e miglioramento di cortili, aree verdi e edifici scolastici nel territorio comunale.

L’esperienza, per questa seconda annualità, vede il coinvolgimento di stagisti e allievi di Coop.va Sociale “La Città Verde” e dopo l’avvio al Nido “Rampari” (martedì 27 ottobre) proseguirà nei plessi Nido “Giardino” (giovedì 5 novembre, ore 14.00), Scuola “Jovine” (venerdì 6 novembre, ore 16), Nido “Trenino” (sabato 7 novembre, ore 10), Scuola “Gobetti” (sabato 7 novembre, ore 10), Centro “Millegru”, Spazio Bambini “Piccole Gru” e Nido “Il salice” (sabato 7 novembre ore 10.30), Nido “Leopardi” (mercoledì 11 novembre, ore 14) e Scuola “Casa del bambino” (giovedì 12 novembre, ore 15).

Il sostegno e la valorizzazione delle esperienze di cittadinanza e partecipazione attiva che vedono protagonisti bambini, genitori e insegnanti stanno alla base di un progetto che intende incentivare la nascita di reti di solidarietà e di collaborazione tra cittadini e istituzioni.

Il progetto “Scuole come beni comuni” proseguirà, così come lo scorso anno, con la possibilità di accedere, da parte di tutti gli ordini scolastici(dai nidi alle scuole secondarie di secondo grado) a contributi per dieci microprogetti per la realizzazione di attività che si propongono di sviluppare esperienze comunitarie e di socializzazione tra le famiglie , nonché proposte di utilizzo delle risorse strumentali e degli spazi scolastici per sostenere mutualità e reti di relazione comunitarie.

I progetti dovranno essere presentati, utilizzando il modulo predisposto ed inviato alle scuole, entro le ore 14.00 di venerdì 27 novembre presso la sede dell’Istituzione dei Servizi educativi, scolastici e per le famiglie in via G.D’Arezzo n. 2.

 

(Comunicato a cura dall’Istituzione dei Servizi educativi, scolastici e per le famiglie)

CONSERVATORIO FRESCOBALDI – Sabato 7 novembre 2015 ore 17 – Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara

“A casa di…”: Luigi Legnani e il virtuosismo strumentale nell’Ottocento a cura di Maurizio Pagliarini

02-11-2015

Sabato 7 novembre 2015 a partire dalle 17 le sale del Ridotto del Teatro Comunale “C. Abbado” di Ferrara ospiteranno il secondo appuntamento con l’edizione 2015  della rassegna A casa di…”, progetto artistico e musicale itinerante dedicato alle grandi personalità musicali nate o vissute a Ferrara ideato e promosso dal Conservatorio “G. Frescobaldi”.

L’incontro di sabato 7 novembre sarà interamente dedicato alla figura di Luigi Rinaldo Legnani, compositore e chitarrista dalle straordinarie abilità esecutive nato a Ferrara il 7 novembre 1790. Trasferitosi a Ravenna, dove portò a termine la propria formazione musicale, Legnani passa alla storia come uno dei maggiori chitarristi virtuosi di tutti i tempi e tra i più prolifici compositori di musica per il suo strumento. Si esibì in numerose capitali europee riscuotendo unanimi consensi ed ebbe modo di instaurare proficui rapporti di collaborazione con musicisti di grande spessore; uno tra tutti, Nicolò Paganini, che per Legnani nutriva una profonda e sincera ammirazione. Nella sua lunga vita (si spense a Ravenna nel 1877 a 86 anni) Legnani si distinse inoltre come violinista e come tenore; nel 1850, interrotta l’attività concertistica, si ritirò a Ravenna e si dedicò interamente alla liuteria e alla costruzione di strumenti.

Sergio Monaldini, docente di letteratura e studioso di storia della musica e del teatro, introdurrà il pomeriggio con un momento di approfondimento legato alla figura di Luigi Legnani in rapporto al virtuosismo strumentale dell’Ottocento.

A seguire un concerto dedicato a composizioni chitarristiche di Luigi Legnani e dei suoi contemporanei, che si aprirà con la celebre Sonata Concertata per violino e chitarra in La maggiore di Paganini, opera datata 1803 che vedrà impegnati Francesco Ferrati al violino e Weltur Valentini alla chitarra. Di Luigi Legnani si potrà ascoltare il Duetto Concertante per chitarra e flauto op. 23 nell’interpretazione di Agostino Maiurano (chitarra) e Cristina Popa (flauto). Concluderanno il pomeriggio le Variazioni Concertanti su un tema dalla «Cenerentola» di Rossini per chitarra terzina, pianoforte e quartetto d’archi di Luigi Legnani e Maximilian Joseph Leidesdorf con Piergiacomo Buso alla chitarra e Jacopo Bonora al pianoforte, affiancati da Roberta Scabbia e Camilla Gori (violini), Francesca Bassan (viola) e Valentina Migliozzi (violoncello).

“A casa di…” è un’iniziativa del Conservatorio di Musica “G. Frescobaldi” a cura di Maurizio Pagliarini, realizzata in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale, il Comune e la Provincia di Ferrara, Palazzo dei Diamanti, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara e il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Ferrara.

L’ingresso è libero.

 

(Comunicato a cura del Conservatorio di Ferrara Frescobaldi)

 

CONFERENZA STAMPA – Mercoledì 4 novembre alle 11 al Teatro Anatomico (via Scienze 17)

Presentazione dell’Inventario dell’Archivio Caretti e della mostra per Lanfranco Caretti nel centenario della nascita

02-11-2015

Mercoledì 4 novembre alle 11 al Teatro Anatomico della biblioteca comunale Ariostea (via Scienze 17) si terrà la presentazione dell’Inventario dell’Archivio Caretti e della mostra “Pagine, carte e carte tra le pagine”, dedicata a Lanfranco Caretti nel centenario della nascita.

All’incontro con i giornalisti interverranno il vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Ferrara Massimo Maisto, il dirigente del Servizio Biblioteche e Archivi Enrico Spinelli, la curatrice dell’Archivio Caretti e della mostra Angela Ammirati e Anna Casotto archivista della Coop Le Pagine.

BIBLIOTECA BASSANI – Mercoledì 4 novembre alle 17 all’auditorium di via Grosoli a Barco

Al via il ciclo di letture “L’ora del racconto” per bambini dai 4 ai 10 anni

02-11-2015

Appuntamento mercoledì 4 novembre alle 17 all’Auditorium della Biblioteca comunale Bassani (via Grosoli 42 – Barco) con il ciclo di letture “L’ora del racconto” per bambini dai 4 ai 10 anni. Sul tema ‘Io e gli altri’ Martina Natali presenterà i racconti “L’intruso: storia di un orso arruffato” e “Paolona musona”.

L’iniziativa è promossa dal Servizio Biblioteche e Archivi della Biblioteca Comunale Bassani del Comune di Ferrara.

CONFERENZA STAMPA – Giovedì 5 novembre alle 11 al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo a Roma

Presentazione della prossima mostra dei Diamanti “De Chirico a Ferrara. Metafisica e avanguardie”

02-11-2015

Giovedì 5 novembre alle 11, nel Salone del Ministro al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo a Roma (via del Collegio Romano 27), si terrà la conferenza stampa di presentazione della mostra “De Chirico a Ferrara. Metafisica e avanguardie” che sarà allestita a palazzo dei Diamanti dal 14 novembre al 28 febbraio 2016 (e successivamente a Stoccarda dal 18 marzo al 3 luglio 2016).

All’incontro con i giornalisti interverranno Dario Franceschini Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Tiziano Tagliani Sindaco di Ferrara, Massimo Maisto Vicesindaco e Assessore alla Cultura Turismo e Giovani, Lucia Nardi responsabile Iniziative Culturali ENI, Maria Luisa Pacelli direttrice delle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea Fondazione Ferrara Arte e Paolo Baldacci curatore della mostra.

 

A cento anni dalla loro creazione tornano a Ferrara i rari capolavori metafisici che Giorgio de Chirico dipinse nella città estense tra il 1915 e il 1918. La mostra, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalla Staatsgalerie di Stoccarda in collaborazione con l’Archivio dell’Arte Metafisica e curata da Paolo Baldacci e Gerd Roos celebra questa importante stagione dell’arte italiana e documenta la profonda influenza che queste opere ebbero in quegli anni su Carlo Carrà e Giorgio Morandi, e poco dopo sulle avanguardie europee del Dadaismo, del Surrealismo e della Nuova Oggettività.

 

(Comunicazione a cura di Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea Fondazione Ferrara Arte)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi