Home > COMUNICATI STAMPA > Comune di Ferrara, tutti i comunicati del 22 gennaio

Comune di Ferrara, tutti i comunicati del 22 gennaio

logo-comune-ferrara
Tempo di lettura: 14 minuti

da: ufficio stampa Comune di Ferrara

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Incontro con l’autrice venerdì 24 gennaio alle 17. Rinviato l’appuntamento del 23
‘Dominio di morte’, con radici nel passato

Si intitola ‘Dominio di morte’ il libro firmato da E. L. Montecristo che venerdì 24 febbraio alle 17 sarà presentato nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea. L’incontro con l’autrice sarà introdotto da Viola Sassi (editore). Sono inoltre previste letture a cura dell’attrice Adele Trocino.

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
Una serie di morti all’apparenza accidentali innesca una ricerca serrata che corre lungo il filo di una memoria protetta, mentre dal passato emerge una catena di eventi che diventa un domino… di morte.

E. L. Montecristo è insegnante di Storia, ha seguito studi di Archeologia e ama il proprio anonimato quasi quanto ama scrivere.

———-

E’ stata invece rinviata a giovedì 20 febbraio, sempre alla biblioteca Ariostea, la conferenza a cura di Mirna Bonazza, dal titolo ‘La Gerusalemme illustrata’, inizialmente prevista per giovedì 23 gennaio alle 17.

ASSESSORATO LAVORI PUBBLICI – Sopralluogo con l’ass. Modonesi al cantiere di via Bologna

Procedono i lavori di ripristino post sisma della scuola primaria Ercole Mosti

22-01-2014

L’assessore ai Lavori Pubblici Aldo Modonesi, il presidente della Circoscrizione 2 Fausto Facchini, e il dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo “G. Perlasca” Stefano Gargioni hanno effettuato questa mattina, mercoledì 22 gennaio, un sopralluogo al cantiere della scuola Ercole Mosti di via Bologna, danneggiata dal sisma del 2012. Nel corso dell’incontro, al quale hanno partecipato i giornalisti delle redazioni locali, è stato fatto il punto sulla situazione dei lavori insieme ai dirigenti e responsabili tecnici del Comune e dell’impresa esecutrice Opere Edili s.r.l. di Padova, insegnanti della scuola primaria Mosti.

“Complessivamente – ha affermato l’assessore Modonesi – il cronoprogramma dei lavori stabilito nell’appalto è rispettato. Il costo dell’opera è di 976mila euro e ci auguriamo che il cantiere venga concluso in anticipo rispetto al termine previsto dal contratto (luglio 2014) per poter festeggiare in questa sede la fine dell’anno scolastico dell’intero plesso. A febbraio saremo in grado di avviare anche il cantiere per la riqualificazione del piazzale adiacente la scuola con una spesa di circa 400mila euro”.

Soddisfazione è stata espressa dal dirigente scolastico Stefano Gargioni che ha preannunciato gli incontri organizzati il 25 gennaio (alle 9, per le future prime classi) e l’8 febbraio (alle 10.30, per tutte le altre classi) nella sede di via Poletti 65, per illustrare ai genitori i nuovi progetti didattici alla luce dei lavori alla scuola Mosti.

“Ringrazio il sindaco Tagliani e l’assessore Modonesi che stanno mantenendo fede agli impegni assunti con la Circoscrizione e i cittadini – ha affermato il presidente Fausto Facchini – rendendo così nuovamente fruibile e sicura una parte importante del patrimonio di edilizia scolastica del nostro territorio”.

LA SCHEDA (a cura dell’Assessorato ai Lavori Pubblici del Comune)

Ripristino post-sisma della scuola Ercole Mosti – I lavori, avviati nel novembre 2013, sono volti al miglioramento strutturale antisismico per garantire un adeguato livello di sicurezza della costruzione.

Descrizione dell’intervento – Inserimento a livello del solaio del sottotetto di tiranti metallici con capo chiave esterno a paletto; miglioramento dei collegamenti dell’orditura lignea del tetto con piastre e barre metalliche, costruzione di nuove pareti interne per aumentare la resistenza al sisma del fabbricato, consolidamento dei solai lignei realizzando solette collaboranti in cemento armato connesse alle travi, compreso l’ancoraggio di tiranti a presidio del ribaltamento dei muri esterni; consolidamento delle pareti dell’androne al piano terra tramite intonaco armato su entrambe le facce; riparazione dei danni causati dal sisma (lesioni su archi e architravi); sostituzione dei controsoffitti pesanti in arelle con controsoffitti in cartongesso.

Aggiornamento dei lavori e costi – Conclusa la rimozione degli impianti elettrici e la demolizione controsoffitti, sono stati rinforzati architravi, finestre e fondazioni; effettuata anche parziale ricostruzione pareti interne, con predisposizione solai per rinforzo e sostituzione solai di due corridoi. L’importo dell’opera è di 976mila euro.
TEATRO VERDI – Spettacolo venerdì 24 gennaio alle 21 in via X Martiri a Porotto

‘Unbekannt Adressat’, storia di un’amicizia interrotta dall’antisemitismo

22-01-2014

E’ liberamente ispirato al best seller ‘Destinatario sconosciuto’ lo spettacolo ‘Unbekannt Adressat’ che venerdì 24 gennaio alle 21 andrà in scena al teatro G.Verdi di Porotto, in occasione del Giorno della Memoria 2014. A portare in scena la storia epistolare dei due protagonisti separati dall’Olocausto, saranno gli attori Fabrizio Molducci e Alessandro Tampieri, con la regia dello stesso Tampieri e interventi in video dell’attrice Cristiana Raggi.

“L’associazione culturale Teatro G.Verdi di Porotto – annunciano gli organizzatori della serata – è lieta di poter ospitare artisti di fama internazionale e di prima grandezza, per commemorare ancora una volta tramite il messaggio e la diffusione teatrale, le vittime del nazismo”.

Lo spettacolo sostituisce la prevista rappresentazione di ‘Figli della stessa rabbia’ di Shamira Benetti, rinviata ad altra data.

LA SCHEDA:

‘Unbekannt Adressat’

“Sulla scena spoglia, solo due sedie di legno, uguali ma diametralmente opposte. Due punti del palco fermi, distinti e invalicabili, a evidenziare la distanza oceanica che separa due mondi diversi. A evocare il filo spinato che allontanerà sempre di più i due protagonisti, Max e Martin.

In un palcoscenico per così dire tagliato a metà, la sfida dei due attori, Fabrizio Molducci e Alessandro Tampieri, che si relazionano sempre senza interagire mai direttamente. Liberamente tratto dal racconto epistolare ‘Destinatario sconosciuto’ di Kressmann Taylor, ‘Unbekannt Adressat’ porta in scena la storia di due amici e soci in affari, il cui rapporto viene tragicamente segnato dall’ascesa del nazismo e della violenza antisemita.

Lo spettacolo, per la regia e adattamento dello stesso Alessandro Tampieri, unisce al teatro di parola l’intervento video di filmati che vedono come protagonista l’attrice Cristiana Raggi, elemento cardine a scandire i passaggi chiave nello sviluppo drammaturgico della storia.”

Per info. e contatti:
www.teatroverdiporotto.it
teatroverdiporotto@gmail.com
Tel. 389 1150068
Spettacolo ad offerta libera

POLITICHE SOCIALI – Presentazione venerdì 24 gennaio alle 16 in Castello

‘Dalle discriminazioni ai diritti’: il Dossier statistico Immigrazione 2013

22-01-2014

E’ prevista per venerdì 24 gennaio alle 16 nella Sala Consiliare della Provincia di Ferrara, in Castello Estense, la presentazione del Dossier statistico Immigrazione 2013 ‘Dalle discriminazioni ai diritti’, edito dal Centro Studi e Ricerche Idos e dall’Unar – Ufficio nazionale Antidiscriminazioni Razziali.
L’incontro è organizzato dalla Cooperativa sociale Camelot, in collaborazione con il Comune e la Provincia di Ferrara, il Ministero per l’Integrazione ed il Dipartimento delle Pari Opportunità.

Programma:

Ore 16:00 – Saluti istituzionali

Caterina Ferri – Assessore della Provincia di Ferrara alle Politiche e Servizi per il lavoro, Formazione professionale, Servizi sociali, Politiche abitative, Pari Opportunità, Associazionismo
Chiara Sapigni – Assessore del Comune di Ferrara alla Sanità, Servizi alla Persona ed Immigrazione

Ore 16:30 – Presentazione

Relatori:
Franco Pittau – Direttore Centro studi e ricerche IDOS/Dossier Statistico Immigrazione
Andrea Facchini – Servizio Politiche per l’Accoglienza e l’Integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna
Osama Murshed – Operatore di sportello e mediatore interculturale del Centro Servizi Integrati per l’Immigrazione del Comune di Ferrara
Sandra Federici – Presenterà al pubblico l’ultimo numero della rivista “Africa e Mediterraneo” dedicato al tema “Donne nella migrazione”.

Al termine della presentazione verrà lasciato spazio ad interventi del pubblico.
Ai partecipanti sarà consegnata una copia gratuita del Dossier fino ad esaurimento copie

AGENDA DEL SINDACO

Appuntamenti del 23 gennaio 2014

22-01-2014

Giovedì 23 gennaio

ore 11 – presentazione ai giornalisti della “Casa delle associazioni di volontariato di Protezione Civile”, con ass. Modonesi e Sapigni (sala di Giunta, residenza municipale)

ore 18 – incontro con i cittadini delle frazioni di Monestirolo, Marrara, Bova di Marrara e Spinazzino (sede Circolo ACLI, via dei Prati 18 – Monestirolo)

ASSESSORATO ALL’AMBIENTE – Firmato questa mattina in Municipio dall’assessora Zadro

Un Protocollo d’intesa per risolvere il problema degli scarichi fuori dalla pubblica fognatura

22-01-2014

Individua le tipologie di intervento adeguate alle singole situazioni e propone, a prezzi calmierati e attraverso la competenza di professionisti e ditte specializzate, la soluzione e la realizzazione del sistema di trattamento delle acque reflue domestiche per lo scarico fuori dalla pubblica fognatura. E’ il “Protocollo d’intesa” firmato questa mattina nella residenza municipale dall’assessora all’Ambiente Rossella Zadro e dai rappresentanti dei vari organismi coinvolti: C.N.A., Confartigianato, Unindustria, Legacoop, Ordine degli Ingegneri, Ordine degli Architetti, Collegio dei Geometri, Collegio dei Periti, Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali, Ordine dei Geologi Emilia Romagna, Ordine dei Chimici. Erano inoltre presenti all’incontro il dirigente del Servizio Ambiente Ivan Graldi e il responsabile U.O. Alessio Stabellini.

Il Protocollo è scaturito dal progetto sugli scarichi avviato nel 2011 dall’Amministrazione comunale, progetto che ha portato a disporre oggi, grazie ad un attento lavoro informatico di inserimento dati, dell’elenco aggiornato delle autorizzazioni allo scarico rilasciate dall’assessorato all’Ambiente a partire dal 1994. Questo lavoro ha inoltre attivato una vera e propria mappatura soprattutto delle aree che non sono servite dalla pubblica fognatura e consentito così di individuare in particolare tutte le situazioni nelle quali i cittadini devono ricorrere ad interventi autonomi, per i quali è necessaria appunto l’autorizzazione del Servizio Ambiente. Si tratta complessivamente di 4900 situazioni scandite sul territorio davvero vasto del nostro Comune (404 km quadrati): casi i più diversi in cui o non esiste fognatura, o non si è a conoscenza della possibilità di agganciarsi alla rete poco distante, situazioni in cui non c’è chiarezza sugli obblighi delle pertinenze oppure si dispone sia di autorizzazioni valide sia scadute (durano quattro anni e basta chiedere il rinnovo se non sono sopravvenuti cambiamenti). Su quelle in difetto dall’Amministrazione comunale partirà al più presto una verifica, che si esprimerà anche attraverso lettere di richiamo.

L’invito, rivolto a tutti i cittadini interessati da questo problema, è quindi quello di controllare innanzi tutto se si disponga di un’autorizzazione, se la stessa sia scaduta o inesistente e nell’eventualità di prendere visione dell’offerta e delle possibilità contenute nel “Protocollo d’intesa per la progettazione e realizzazione di impianti di trattamento per la depurazione delle acque reflue domestiche per lo scarico fuori dalla pubblica fognatura”. Questo consentirà di mettersi a sistema e di evitare le sanzioni del caso, con l’obbligo successivo di individuare, comunque, una soluzione.

“Si tratta – ha affermato l’assessora Zadro – di un altro dei progetti strategici di questo mandato e mira a risolvere definitivamente una criticità presente sul territorio da sempre. Ora disponiamo di dati sempre aggiornati e di strumenti e professionalità di qualità. Diamo la possibilità ai cittadini di sistemare i propri impianti di trattamento delle acque attraverso sistemi sicuri e a costi calmierati. E’ un modello che guarda all’oggi ed al futuro e che impegnerà i firmatari, i cittadini, il Comune da qui ai prossimi anni. Sistematizza l’approccio ad una criticità, mettendo insieme tutti i soggetti del territorio, a supporto della sicurezza e del risanamento ambientale. E’ anche una buona opportunità per coloro che oggi adottano sistemi obsoleti o poco adeguati, per mettersi in regola con la normativa vigente e prevenire sanzioni che la legge prevede salatissime. Ci auguriamo che i cittadini sappiano approfittare di questa opportunità”.

Nel corso dell’incontro per la firma del ‘Protocollo d’intesa’ (che sarà presto disponibile anche nel sito web del Comune di Ferrara) sono stati inoltre evidenziati l’impegno complessivo messo in campo da Amministrazione comunale e organismi del territorio per un obiettivo a vantaggio di tutto l’ambiente, il prezioso contributo degli iscritti ai vari Ordini e Collegi che si faranno portavoce dell’opportunità nei confronti degli utenti, l’impulso per lavoro e innovazione e insieme l’originalità del protocollo (“un esempio virtuoso e proposto per la prima volta a livello regionale – ha affermato la rappresentante dell’Ordine regionale dei Geologi – del quale ci faremo promotori in prima persona anche in altre province”).

GIORNO MEMORIA 2014 – Il 25 gennaio inaugurazione mostra al Museo del Risorgimento e della Resistenza

Da una ‘valigia nascosta’ memorie di guerra di un internato militare

22-01-2014

Provengono da una ‘valigia nascosta’ le fotografie e il quaderno del sottotenente Arnaldo Pozza, internato militare a Sandbostel durante la Seconda Guerra mondiale, che nelle prossime settimane saranno in mostra al Museo del Risorgimento e della Resistenza di Ferrara (corso Ercole I D’Este, 19). L’esposizione, inserita nel programma delle iniziative ferraresi per il Giorno della Memoria 2014, sarà inaugurata sabato 25 gennaio alle 12, alla presenza del vice prefetto vicario Carlo Torlontano e del vice sindaco di Ferrara Massimo Maisto.
Arnaldo Pozza, sottotenente del Regio Esercito, fu uno degli 800mila internati militari italiani nei territori del Terzo Reich. A 27 anni, dopo l’armistizio, rifiutò di combattere accanto ai nazisti e condivise la sorte di tanti altri soldati italiani che furono catturati, rastrellati e deportati, trovandosi poi a transitare attraverso diversi campi di internamento polacchi, fino a giungere in quello tedesco di Sandbostel.
E’ il figlio Roberto che, dopo la morte del padre, ritrova, fortunosamente una ‘valigia nascosta’, contenente una miriade di fotografie scattate da Arnaldo durante l’occupazione dei Balcani e un quadernetto, redatto durante la permanenza a Sandbostel, che restituisce frammenti della quotidianità degli internati militari, per i quali, come per i prigionieri russi, i tedeschi decisero di non applicare la Convenzione di Ginevra, considerandoli traditori dell’alleanza tra l’Italia fascista e la Germania nazista, sottoponendoli, così, a condizioni di vita ancora più dure e drammatiche.
La mostra, che ha per titolo proprio ‘La valigia nascosta. Istantanee dai Balcani e quaderno del campo del S.Ten. Arnaldo Pozza, Internato militare a Sandbostel Stalag XB (1941-1945)’, raccoglie una parte delle fotografie contenute nel catalogo, a cura del figlio Roberto Pozza, edito dalla casa editrice ferrarese Tresogni, che verrà presentato in occasione dell’inaugurazione di sabato 25 gennaio, oltre ad alcune pagine del quaderno compilato durante la prigionia e ad altre foto che ampliano il quadro dell’occupazione italiana di quei paesi. La ‘valigia nascosta’ ed altri cimeli personali completano l’esposizione.
La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 2 marzo prossimo, dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18.

VIABILITA’ – Provvedimenti in vigore il 24 gennaio dalle 9 alle 13 nell’area del Grattacielo

San Sebastiano: modifiche alla circolazione per le iniziative della Polizia Municipale

22-01-2014

In occasione delle iniziative organizzate nella sala Polivalente del Grattacielo dal Comando di Polizia Municipale di Ferrara per la ricorrenza del Santo Patrono, venerdì 24 gennaio saranno in vigore alcuni provvedimenti di viabilità necessari a consentire la partecipazione delle rappresentanze di altri Comandi di Polizia municipale della provincia.
In particolare, in viale Cavour nel tratto antistante i giardini del Grattacielo, compreso tra i paracarri e viale Costituzione, e nel tratto dall’intersezione con l’anello del Grattacielo ai paracarri, saranno in vigore il divieto di fermata (ambo i lati) e il divieto di transito per tutti i veicoli (ammessi i soli veicoli partecipanti alla manifestazione) dalle 9 alle 13.

MUSEO DI STORIA NATURALE – Due laboratori per ragazzi il 25 e 26 gennaio alle 15,30

Biotecnologi in erba alla ricerca del codice della vita: il Dna

22-01-2014

Sarà un viaggio all’interno della cellula, alla ricerca del codice della vita, quello che potranno compiere i ragazzi dagli 8 ai 12 anni che sabato 25 e domenica 26 gennaio parteciperanno ai due nuovi laboratori per ‘Apprendisti scienziati’ organizzati dal Museo civico di Storia naturale, in collaborazione con l’associazione Didò. Con l’aiuto di semplici strumenti i giovani partecipanti potranno estrarre il dna dalle cellule, come veri biologi.
I laboratori avranno inizio alle 15,30, per una durata di circa due ore.
Per partecipare è necessaria la prenotazione, da effettuare contattando la sezione didattica del Museo (via De Pisis 24, Ferrara) al numero 0532 203381, dal lunedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 o all’indirizzo dido.storianaturale@gmail.com (info su www.comune.fe.it/storianaturale).

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi