COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Comunicato Regione: Reddito di solidarietà

Comunicato Regione: Reddito di solidarietà

Reddito di solidarietà, la vicepresidente Gualmini: “I cittadini che ora Bignami difende, se fosse stato per Forza Italia e i suoi consiglieri regionali, oggi non potrebbero contare su alcun sostegno”

La vicepresidente della Regione Emilia-Romagna replica alle accuse mosse alla Regione dal parlamentare di Forza Italia, Galeazzo Bignami, di non vigilare sul rispetto dei tempi stabiliti nell’ erogazione del Reddito di solidarietà

Bologna – “Se fosse stato per l’allora consigliere regionale Bignami, ora deputato, il reddito di solidarietà non esisterebbe, visto che con grande determinazione Forza Italia ha votato contro la legge regionale che lo istituiva, insieme a tutto il centro destra. I cittadini che ora Bignami difende, se fosse stato per il suo partito e per i consiglieri regionali forzisti, oggi non potrebbero contare su alcun sostegno. Questo i cittadini lo devono sapere”.

Non si fa attendere la replica della vicepresidente della Regione Emilia-Romagna e assessore al welfare, Elisabetta Gualmini, all’accusa mossa dal neo parlamentare di Forza Italia, Galeazzo Bignami, di non vigilare sul rispetto dei tempi stabiliti per l’assegnazione del Reddito di solidarietà. Questo a seguito, secondo il parlamentare, di una serie di segnalazioni da parte di cittadini che avrebbero interessato della situazione il gruppo assembleare della Regione.

“E’ abbastanza incredibile-prosegue la vicepresidente- che Bignami ora ci dica che tale misura serve ai nuclei familiari per assolvere al pagamento anche delle spese necessarie, come le bollette o per effettuare acquisti di generi alimentari, quando risolutamente non la voleva”.

“Se la misura è così importante- si chiede Gualmini- come mai Forza Italia ha votato contro? Non voleva la legge, noi l’abbiamo voluta, abbiamo fatto tutti gli sforzi possibili per cercare i finanziamenti, fare delle stime attendibili, accompagnare la misura con progetti mirati a livello individuale, con l’unico obiettivo di dare un aiuto alle famiglie in difficoltà, molte delle quali, del resto, sono molto soddisfatte della misura”.

“Se poi si verificano ritardi- spiega la vicepresidente- peraltro non dipendenti dalla Regione ma da Inps, è perché una tale rivoluzione (i redditi di inclusione voluti da tutte le forze politiche in campagna elettorale e ora presenti nel contratto di governo Lega-5 stelle) sta mettendo sotto pressione Inps, come è normale che sia nella fase iniziale, e quindi occorre avere un po’ di pazienza”.

“Ci aspettiamo dunque- conclude la vicepresidente Gualmini- che l’on Bignami, in quanto parlamentare della Repubblica, ci aiuti a interloquire con un organo statale come Inps per risolvere i piccoli ritardi, che comunque non mettono in discussione l’ammontare complessivo delle risorse e soprattutto ci aspettiamo che Forza Italia voti con grande convinzione le modifiche alla misura regionale che ci accingiamo a presentare in assemblea. Di questo saremmo molto lieti”.

Tutte le notizie su www.regione.emilia-romagna.it, i comunicati nella sezione ‘Agenzia di informazione e comunicazione’.
Seguici su Twitter (@RegioneER), Facebook (@RegioneEmiliaRomagna) e Telegram (@ERnotizie, @ERcomunicati, @PresidenteER)

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi