Home > COMUNICATI STAMPA > Comunicato Stampa di FERRARA BENE COMUNE su graduatoria ERP

Comunicato Stampa di FERRARA BENE COMUNE su graduatoria ERP

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Associazione Ferrara Comune

Riflessione sulla recente vicenda della graduatoria per l’accesso alle case popolari

Il sindaco di Ferrara ha un concetto di equità sociale alquanto discutibile: insieme alla sua maggioranza, infatti, ha sempre sostenuto che l’assegnazione delle case popolari si fondasse su criteri ingiusti, per via della forte presenza di cittadini stranieri, che rappresentano poco meno del 10% della popolazione, andando così a danneggiare i ferraresi doc. In realtà il precedente regolamento prevedeva già, in base alla legge regionale, anche il criterio della residenzialità storica. Tuttavia, esasperando questo parametro, così come ha fatto il nuovo regolamento, la giunta leghista ha voluto, nella sostanza, impedire ai cittadini stranieri di poter raggiungere i primi posti della graduatoria per l’assegnazione di un alloggio di edilizia sociale.
Altra inconcepibile e discriminante richiesta introdotta nel nuovo regolamento, solo per cittadini stranieri, è un’attestazione ufficiale rilasciata dal proprio paese di origine che certifichi e dimostri di non possedere alcun immobile di proprietà. Questa richiesta per ovvie ragioni non può essere soddisfatta in molti casi, il che rende automaticamente incompleta e inaccettabile la domanda della casa, ma presenta ampi dubbi di equità, oltre che di legalità, come dimostrato dalle recenti sentenze del Tribunale Civile di Milano sull’assegnazione degli alloggi ERP del Comune di Sesto San Giovanni e della Corte d’Appello di Milano sull’accesso ai servizi di mensa e scuolabus del Comune di Lodi.
Il Sindaco si è vantato apertamente del risultato conseguito, considerandola una rivoluzione che riporta equità sociale, mentre, dal nostro punto di vista, non si è fatto altro che ostacolare l’integrazione e l’inclusione delle persone più fragili. Non solo i cittadini immigrati sono stati danneggiati, infatti, ma sono stati fortemente penalizzati anche i nuclei con situazioni di disagio, le giovani coppie, le famiglie con una presenza numerosa di minori e chi ha necessità di un alloggio perché vive in ambienti malsani, al di là della loro provenienza o nazionalità.
Noi riteniamo che i servizi di welfare, di cui l’ente pubblico dispone ed è in grado di erogare, debbano essere distribuiti secondo criteri che privilegino prima di tutto lo stato di bisogno e le situazioni di emergenzialità a cui l’offerta si rivolge, non di certo, dunque, avendo come riferimento criteri di distribuzione percentuale fra italiani e stranieri. Questo concetto, se effettivamente si ricerca il bene di una comunità, lo si deve applicare ad ogni tipo di servizio che il pubblico è in grado di erogare, dall’assistenza agli anziani al servizio sanitario, fino al sostegno per la spesa alimentare. Sarebbe davvero disumano se si volesse offrire questi servizi solamente a chi è ferrarese, italiano, o può vantare una maggiore residenzialità: e su questo punto ci sembra che le sentenze sui buoni spesa (il cui contenzioso giudiziale, portato avanti con insistenza e senza ragionevolezza dall’amministrazione, è costato 60.000 € a tutti i ferraresi – ricordiamolo) abbiano già chiarito dove sta il rispetto dei principi costituzionali.
Fortunatamente proprio i principi costituzionali sono ancora uno straordinario baluardo a difesa di ogni tentativo di discriminare le persone che, come in questo caso, mascherandosi dietro una presunta, ma del tutto fittizia, equità sociale, in realtà provoca emarginazione, conflitti, divisioni, degrado e intolleranza in una comunità. E con riferimento alla promozione del bene della nostra comunità, tema ispiratore del nostro operato come associazione, non possiamo che esprimere un pensiero di sostegno alle parole del nostro Arcivescovo, che di certo ha a cuore il bene comune della nostra città. Pertanto, appare del tutto pretestuoso evocare la presenza di pregiudizi di natura politica con riferimento alle sue dichiarazioni, che noi sosteniamo con forza. Dispiace davvero che il Sindaco, insieme a molti componenti della maggioranza, di fronte ad ogni pensiero che contrasta con l’operato di chi temporaneamente governa la città, parli di interferenze, entrate a gamba tesa o beceri attacchi. Purtroppo anche questi sono segnali inquietanti di quanto sia modesta la cultura democratica di chi, in questo momento così difficile per tutti, ha la responsabilità di governare Ferrara e tutti i suoi cittadini.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi