Home > AVVENIMENTI > EVENTUALMENTE > Con FerraraOff la Biblioteca di Letteratura di Giorgio Bassani diventa itinerante

Con FerraraOff la Biblioteca di Letteratura di Giorgio Bassani diventa itinerante

giardino-finzi-contini-film-giorgio-bassani
Tempo di lettura: 4 minuti

(pubblicato il 28 maggio 2016)

Le opere di Giorgio Bassani che hanno fatto conoscere Ferrara nel mondo e le opere degli autori che Giorgio Bassani ha fatto conoscere al pubblico italiano durante la sua carriera di consulente editoriale per Feltrinelli: è la “Biblioteca itinerante di Letteratura. Omaggio a Giorgio Bassani”, il calendario di incontri e reading dell’Associazione FerraraOff che durerà tutta l’estate fino all’autunno inoltrato. Più di venti appuntamenti da maggio a ottobre per “uscire dal teatro portando FerraraOff e l’opera di Giorgio Bassani, scrittore ed editore, in e alla città”, mi spiega Marco Sgarbi. Un omaggio concreto all’autore nell’anno del centenario della sua nascita, continua Sgarbi, che si realizza in un vero e proprio percorso di letture e incontri “in diversi luoghi più o meno istituzionali” di Ferrara, dando “valore reale alle sue parole sulla città”, e nello stesso tempo “un calendario di iniziative estive continuative legate a teatro e letteratura, una cosa che a Ferrara mancava ormai da un po’”.
Si parte il 31 maggio, nelle sale del Ridotto del Teatro Comunale Claudio Abbado, con un’introduzione a “Il Gattopardo”: Monica Pavani racconterà al pubblico l’avventurosa storia della pubblicazione del romanzo di Tomasi di Lampedusa, voluta proprio da Giorgio Bassani, e come il lavoro di editing su “Il Gattopardo” abbia influenzato la scrittura de “Il giardino dei Finzi Contini”. Durante tutti i sabati di giugno nello spazio teatrale di FerraraOff sarà poi Maria Paiato a dare voce alle pagine del romanzo e alle vicende del principe Fabrizio, di Tancredi e di Angelica.

Tanti i luoghi di cultura lungo l’itinerario: Casa di Ludovico Ariosto, Palazzo Costabili sede del Museo Archeologico, Palazzo Bonacossi, Palazzina Marfisa d’Este, il Chiostro di Santo Spirito, il Museo del Risorgimento e della Resistenza e il Museo di Storia Naturale, il Meis-Museo Nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah. E poi i luoghi in cui le vicende letterarie e biografiche di Bassani si intrecciano: il Tennis Club Marfisa, la biblioteca Ariostea, la Porta degli Angeli. Tappa finale, il 15 ottobre, di nuovo la sala di via Alfonso I d’Este con un reading di Maria Paiato da “Gli occhiali d’oro”.
Ideatore del progetto è il regista e attore Giulio Costa. “Tutto è nato – mi dice Giulio – dalla lettura di “Zebio Còtal” di Guido Cavani: andando a curiosare un po’ nella storia dell’opera ho scoperto che l’autore aveva mandato due delle copie che aveva fatto pubblicare a sue spese a Bassani e a Pasolini e che poi proprio Bassani lo aveva fatto ripubblicare con una prefazione del poeta”. L’obiettivo di “Biblioteca Itinerante di Letteratura”, mi spiega Giulio, è tentare di respirare ancora “quel clima culturale così fecondo”, cercare di ricostruire quegli intrecci di esperienze e di confronti fra intellettuali che non rimanevano chiusi nel proprio studio, seduti alla propria scrivania, ma si impegnavano nella società. Ecco allora gli appuntamenti presso Terraviva, il Jazz Club e il Centro Lgtb di via Ripagrande.
“Il senso dell’iniziativa – continua Costa – è diffondere in maniera capillare la cultura come ha fatto Bassani”, cercando nello stesso tempo “l’approfondimento sul testo e la diffusione sul territorio”. I testi sono stati scelti fra le opere di Giorgio Bassani e fra gli autori, italiani e stranieri, che ha fatto pubblicare da Feltrinelli nella collana chiamata appunto “Biblioteca di Lettearatura”: oltre a Giuseppe Tomasi di Lampedusa e a Pier Paolo Pasolini, Carlo Cassola, Enzo Siciliano, Alberto Arbasino, e poi Karen Blixen, Marguerite Yourcenar, Jorge Luis Borges.

Giulio e Marco poi mi rivelano che oltre a questo calendario di appuntamenti, durante l’estate ci saranno vere e proprie incursioni letterarie a sorpresa in giro per la città, “a metà fra flash mob e guerrilla reading”, grazie alla cargo bike messa a disposizione da Ami, che renderà la biblioteca ‘itinerante’ nel senso letterale del termine. Una delle occasioni di guerrilla reading, per esempio, non poteva che essere il Buskers Festival a fine agosto.
Provo a chiedere se pensano di replicare in futuro mettendo al centro altri temi o altri autori.
Giulio mi risponde che sperano che “questo diventi un appuntamento estivo fisso per Ferrara”; in futuro, aggiunge, vorrebbero provare ad applicare questo modello di happening “a luoghi dismessi della città”, in modo da trasformare le letture in occasioni di riappropriazione e rivalorizzazione di questi spazi.

Per il calendario completo di Biblioteca itinerante di Letteratura clicca [qui]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
TRE CARTOLINE
In ricordo di Bassani
PER RICORDARE GIORGIO BASSANI
DIARIO IN PUBBLICO
Il Bassani nascosto
DI MERCOLEDI’
Camminare con in testa una Passeggiata. Quella di Palazzeschi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi