Home > COMUNICATI STAMPA > Conferenza di Servizi – Accordo di Programma – progetto Spiaggia e Mare Comacchio (FE)

Conferenza di Servizi – Accordo di Programma – progetto Spiaggia e Mare Comacchio (FE)

Da: Ufficio Stampa Circolo Legambiente Delta del Po di Comacchio APS

Accordo di Programma in variante alla pianificazione territoriale ed urbanistica in attuazione dell’Accordo Territoriale “progetto speciale partnership pubblico-privato per la rigenerazione turistica e ambientale della costa”. Istanza di definizione dei contenuti del SIA (scoping) ai sensi dell’art. 14 della LR 4/2018 al progetto definitivo riguardante la riorganizzazione e la riqualificazione funzionale ed ambientale del campeggio/villaggio turistico Spiaggia e Mare in via dei Mille, 62, presentato da Holiday Park “Spiaggia e Mare” localizzato a Porto Garibaldi nel Comune di Comacchio Provincia (FE). Segnalazione e richiesta di chiarimenti.

Considerando che relativamente al progetto denominato “progetto definitivo riguardante la riorganizzazione e la riqualificazione funzionale ed ambientale del campeggio/villaggio turistico Spiaggia e Mare in via dei Mille n. 62, Porto Garibaldi, Comacchio (FE)”, è stata chiesta l’effettuazione di una fase di consultazione preliminare, ai sensi dell’art. 14 della LR 4/2018, volta all’accertamento dell’assenza di elementi o fattori preclusivi alla realizzazione del progetto, derivanti dalla pianificazione territoriale ed urbanistica ovvero da vincoli assoluti presenti nell’area interessata; alla puntuale definizione dei contenuti del SIA e alla puntuale definizione della documentazione e degli elaborati da presentare per l’attivazione del procedimento autorizzatorio unico di VIA”;
che il comune di Comacchio, quale ente competente, ha convocato una apposita conferenza di servizi al fine di esprimersi nel merito;
che il comma 7 dell’art.14 della citata LR 4/2018 prevede che l’accertamento dell’insussistenza di elementi preclusivi nonché la definizione degli elementi di cui al comma 1, lettere b) e c), determinati ai sensi dei commi 1, 2, 3, 4, 5 e 6, vincolano l’autorità competente e le amministrazioni partecipanti alla conferenza di servizi.

Si vuol fare presente al Comune di Comacchio, con richiesta di condivisione a tutti gli enti, e ai rappresentanti degli stessi, partecipanti alla relativa conferenza di servizi, che il vincolo di responsabilità diretta nella pronuncia di detta conferenza, include a nostro avviso sicuramente una responsabilità in merito alla correttezza e legittimità di tutti i contenuti dei documenti, che deve tener conto di tutte le perplessità i dubbi, le osservazioni, che già il nostro Circolo del Delta del Po di Legambiente ha prodotto in questi anni, così come degli specifici dubbi e richiesta di chiarimenti ed esame che sono stati avanzati anche in sede di giustizia amministrativa attraverso vari ricorsi al TAR di Bologna da parte di Legambiente Nazionale. Si rimanda e richiede quindi un attento esame di tutto quanto già a suo tempo segnalato e richiesto in varie sedi e in vari modi.

In particolare poi, si ripropongono all’attenzione ed alla richiesta di chiarimento alcuni aspetti:
Come è stato possibile che un’area destinata a G3 – Verde Urbano Attrezzato sia stata sede di manufatti (case?, casette?): si veda immagine sottostante, indicate da freccia rossa;
Come è stato, o sarà, possibile realizzare manufatti (comprese piscine, etc..) , strutture o ampliamenti, in zone tutelate dall’art.16 del PTCP della Provincia di Ferrara, che al comma 2 così recita: La organizzazione funzionale del complesso (turistico) dovrà essere realizzata prevedendo, in ogni caso: (omissis) … il divieto della nuova realizzazione di manufatti che non abbiano il carattere di precarietà e/o che comportino l’impermeabilizzazione del terreno, se non nei casi tassativamente stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge. Possono essere esclusi dalle misure suddette i soli manufatti per servizi igienici, sia collettivi che ad uso esclusivo, al fine di assicurare un’equilibrata distribuzione degli stessi nell’area, a beneficio degli ospiti;
Il divieto alla realizzazione di vani interrati o seminterrati, a qualsiasi uso adibiti, fatta eccezione per i piccoli vani per apparati tecnici quali pompe, autoclavi, filtri, cisterne di profondità non superiore ai 100 cm.; restano comunque salve più restrittive indicazioni in conseguenza dell’esistenza di ambiti sottoposti a vincolo idrogeologico;
Come è stato possibile accettare, da parte degli enti coinvolti, che nel comune di Comacchio alcuni contenuti che sarebbero propri delle Norme Tecniche di Attuazione – NTA del PRG, relative alla assegnazione delle destinazioni d’uso dei terreni, mentre invece siano stati trattati solamente all’interno del Regolamento Edilizio, comportando in questo modo che tali norme (e quindi la destinazione d’uso dei terreni), siano state cambiate in maniera anomala con un semplice voto del consiglio comunale, senza quindi la corretta e completa procedura di Variante Urbanistica che sarebbe dovuta (comprese le fasi di trasparenza, pubblicazione, valutazione impatti, etc) appunto per varianti degli Strumenti Urbantici di un comune? (ci riferiamo al fatto che terreni originariamente destinati ad ospitare solamente “campeggi”, siano stati poi di fatto trasformati in terreni che possono ospitare “villaggi turistici”);
Come è stato possibile approvare questo “unico” ed enorme Accordo di Programma di interventi di “Rilevante Interesse Pubblico”, senza la benchè minima garanzia economico-finanziaria sulla realizzazione e fattibilità di tutti i progetti? Se pezzi di questa unicità non sono certi, anche tutto l’accordo perde di completezza, logicità e senso. A maggior ragione poi se addirittura nessuno di questi interventi ha avuto garanzie di finanziamento;
Come è possibile che venga già richiesto di variare parte di una progettazione che “avrebbe” già dovuto essere “definitiva” e valutata, in quanto contenuto in un unico Accordo di Programma approvato? Ma già sappiamo che per almeno due grandi aree di intervento, quelle relative a UMPA2 e UMPA4, non esiste nessuna progettazione definitiva…. Come è stato possibile quindi approvare tale Accordo di Programma?

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi