Home > CONTRO VERSO / RUBRICA > CONTRO VERSO
13 anni
ferrovia bibari
Tempo di lettura: 2 minuti

13 anni

Le forze dell’ordine lo sanno bene. Qualche volta la richiesta di fermare la violenza in famiglia non arriva dalle donne o dai vicini di casa: sono i figli o le figlie a chiamare, spinti dalla paura, affrontando il senso di colpa che inevitabilmente li seguirà per aver denunciato un genitore. Questa ragazzina di 13 anni me lo ha raccontato sgomenta per non essersi sentita protetta.

Io, sono stata
quella che ha fatto
la telefonata.

La polizia
-sia benedetta-
è qui a casa mia.

Era infuriato,
in quel momento
ci avrebbe ammazzato

Un magistrato
sconsiderato
me l’ha scarcerato.

Senza fiatare
temo il momento
di ricominciare.

E poi si dice: perché non l’hanno tenuto dentro?
Ma se resta dentro si dice: come fanno a dire quel che farà domani?
Entrambe le eccezioni sono fondate, e nessuna delle due scende dal livello teorico e incontra le caratteristiche reali di quella specifica vicenda.
Nella giustizia si gioca con i dilemmi, perché nulla è perfettamente prevedibile nel comportamento umano. Per fortuna c’è chi ci capisce e per formazione, per esperienza, è in grado di valutare cose come la pericolosità sociale, o almeno arriva a buone approssimazioni. Bisognerebbe provare ad averne fiducia.

CONTRO VERSO, la rubrica di Elena Buccoliero con le filastrocche all’incontrario, le rime bambine destinate agli adulti, torna su Ferraraitalia  il venerdì. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
prostituta prostittuzione
CONTRO VERSO
L’ingorda
CONTRO VERSO
Binario 3
alcol ubriaco
CONTRO VERSO
Il marito afflitto
violenza domestica abuso
CONTRO VERSO
Perché

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi