Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > CONTRO VERSO
A chi arriva per mare
Tempo di lettura: 2 minuti
Si chiamano MSNA, minori stranieri non accompagnati, quegli adolescenti che lasciano i loro paesi, i loro cari, i contesti nei quali sono cresciuti per cercare una vita migliore in Europa, all’altra parte del mare.

A chi arriva per mare                              

Ho lasciato la mia terra
povertà e devastazione.
Un fratello ucciso in guerra,
gli altri senza una ragione,
senza niente per sfamarsi
senza scopo per studiare.
Così ho detto alla mia mamma:
Soffro anch’io ma devo andare.
Ho viaggiato nel deserto
per venire fino qua,
ho solcato il mare aperto.
Nella grande povertà
ho veduto la violenza
che è compagna della fame
e ho sudato nei cantieri
con la calce ed il catrame
per comprare il mio biglietto
acquistato da un bandito
che ha spacciato per traghetto
un legno vecchio e già appassito.
Per tre giorni in traversata
– e la notte fa paura –
senza acqua e senza cibo
la faccenda si fa dura.
Ho soltanto 13 anni
e qualcosa l’ho capito:
se ti metti nei miei panni
mi dirai se c’è un diritto
che mi sappia accarezzare
con le mani di mia madre
che mi possa indirizzare
con lo sguardo di mio padre.
Solo questo è il mio delitto,
scappar via dalla miseria,
e poi anche dalla guerra
che è minaccia ancor più seria.
Io non so se avete posto
nella tavola imbandita.
La fiducia che ho riposto
spero che non sia tradita.

In Italia i minorenni non possono essere rimpatriati. Vi è poi una legge, la n. 47/17 (cd. Legge Zampa) che impone di considerare i giovanissimi migranti come ragazzi, prima che come stranieri. Questo non significa che trovino qui ciò di cui hanno bisogno, né dal punto di vista delle opportunità – di studio, lavoro, integrazione – né da quello dell’accoglienza.

CONTRO VERSO, la rubrica di Elena Buccoliero con le filastrocche all’incontrario, le rime bambine destinate agli adulti, torna su Ferraraitalia tutti i venerdì.
Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
All’ombra del ciliegio
televisione
CONTRO VERSO
Filastrocca della Televisione N.2
CONTRO VERSO
Filastrocca della mamma bambina
Ballerina, balletto, danza
La ballerina di Pontalba

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi