Home > CONTRO VERSO / RUBRICA > CONTRO VERSO
L’occhio nero della mamma
Tempo di lettura: 2 minuti

È ormai provato scientificamente che la violenza in famiglia fa del male ai bambini, quella vista come quella subita. La riconoscono, anche quando non ne sono spettatori diretti, e la loro sorte è affidata alle scelte degli adulti.

L’occhio nero della mamma

La mia mamma ha un occhio nero.
Non lo so se è proprio vero,
lei m’ha detto questa volta
che ha sbattuto nella porta.
S’era fatta ancor più male
scivolando sulle scale.
Una cosa non mi piace:
babbo strilla e mamma tace.
Un agente è stato qui,
lunedì, poi martedì…
Fino al sabato è tornato
l’ispettore ed il tenente
e la mamma gli ha giurato
che non è successo niente.
Lei dev’esser proprio buona
– a me sembra di capire –
se ogni volta lo perdona
on il rischio di morire.
Ora il giudice in udienza
vuol saper la verità,
lo ripete con veemenza,
lo ripete a sazietà.
Dice che io son bambino
e i bambini, per decenza,
han diritto d’imparare
cose belle e non violenza.
“Son caduta per errore”,
dice mamma al magistrato
Sì, lo sbaglio dell’amore…
Lui capisce – ma è spiazzato.
Il mio babbo ormai non cambia,
mamma non lo cambierà.
Ho paura, e pianto, e rabbia…
Chissà come finirà!?

Secondo l’unica ricerca nazionale sul maltrattamento all’infanzia in Italia, condotta da Cismai, Terres des Hommes e Autorità Garante dell’Infanzia e Adolescenza, la violenza assistita è la seconda forma di maltrattamento più diffusa in Italia.
Si dice ‘violenza assistita’ quella in cui il bambino è – non ‘assistente’, ma – spettatore della violenza su un familiare, più spesso la madre ma ipoteticamente anche il padre, i fratelli, i nonni…

CONTRO VERSO, la rubrica di Elena Buccoliero con le filastrocche all’incontrario, le rime bambine destinate agli adulti, torna su Ferraraitalia tutti i venerdì.
Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
CONTRO VERSO
Filastrocca di una mamma brasiliana
Carretto, carretto a due ruote, carrettoni
Un carretto che si chiama Marghera
Pioggia, ombrello
Il ritorno di Mary Poppins e di Costanza
DI MERCOLEDI’
Ancora maschere (e mascherine)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi