Home > INCHIESTE & ANALISI > ALTRI SGUARDI > CONTRO VERSO
Mamma a sua insaputa 
Tempo di lettura: 2 minuti

 

Ci sono casi in cui è difficile mettersi nei panni degli altri. Come con questa signora, che un bel giorno è andata in ospedale per un “forte mal di pancia” e ha partorito una bambina che non sapeva di portare in grembo.

Mamma a sua insaputa 

Ma che sorpresa
la mia pancia tesa!

Che meraviglia…
C’era dentro una figlia!

Sì, nove mesi.
Siamo tutti sorpresi

Una guardata
mi avrà impressionata.

Ci penso tanto.
Che sia lo spirito santo?

Ma che disfatta,
sono proprio distratta.

A mia insaputa
questa bimba è venuta.

Eh, che parapiglia…
ho solo fatto una figlia!

Non è semplice credere che una donna possa arrivare al nono mese di gravidanza senza accorgersi di essere incinta, eppure accade. È davvero un mistero.
Così piena di emozioni è una gravidanza, ricca di sensazioni fisiche, punteggiata da visite e controlli, confermata dagli sguardi degli altri… così intima, relazionale e sociale, da non credere che possa sfuggire a ogni livello di consapevolezza, propria o altrui.

CONTRO VERSO, la rubrica di Elena Buccoliero con le filastrocche all’incontrario, le rime bambine destinate agli adulti, torna su Ferraraitalia  il venerdì. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi