Home > COMUNICATI STAMPA > Copparo: Nuovo bando Cciaa, incontro con le associazioni di categoria.

Copparo: Nuovo bando Cciaa, incontro con le associazioni di categoria.

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Comunicato stampa comune di Copparo.

Analisi dell’andamento del primo bando in vista del secondo con plafond triplicato.

In previsione di un secondo bando gestito in collaborazione con la Camera di Commercio di Ferrara, l’Amministrazione e le associazioni di categoria di Copparo hanno fatto il punto sull’andamento del primo, che ha erogato 100mila euro a sostegno delle attività economiche colpite dalla crisi Covid-19. Il sindaco Fabrizio Pagnoni, gli assessori al Bilancio, Simone Grandi, e alle Attività produttive, Bruna Cirelli, e la responsabile comunale Giulia Minichiello ne hanno analizzato le componenti economiche e procedurali insieme a Paola Bertelli e Simona Tumiati di Ascom, Francesco Robboni di Cna, Alessandra Canella di Confartigianato, Silvia Pulvirenti di Confcooperative, Davide Battini Legacoop.

Sotto la lente di ingrandimento i codici Ateco, che avrebbero escluso alcune categorie, per cui sono stati citati esemplificativamente i distributori di carburante, e incluso attività che nel corso dell’emergenza possono non aver risentito di chiusure o di cali di fatturato, citati i commercialisti, i fisioterapisti, i tabaccai, le rosticcerie, le rivendite di materiali per l’edilizia e per l’agricoltura.

È stato inoltre portato il caso dei lavoratori artistici, «da uniformare», senza distinzioni legate al settore della lavorazione,
sia esso legno, vetro, ceramica, ecc., e di quelli delle gallerie commerciali, per cui le misure hanno utilizzato parametri ad hoc. La richiesta è stata di poter recuperare chi non ha avuto accesso ai ristori per i tempi di presentazione della domanda o per irregolarità ora sanate.
Dal primo cittadino è venuta la conferma del nuovo bando a cui è stato riservato un plafond di 300mila euro. «In chiusura del 2020 abbiamo potuto impegnare una prima somma di 100mila euro: le risorse allora allocabili, sapendo che avremmo messo mano ad altri provvedimenti. Ad approvazione del rendiconto abbiamo avuto la possibilità di mettere in disponibilità questi altri 300mila».

L’assessore Grandi ha ribadito che l’elenco dei codici Ateco è stato stilato partendo dai codici individuati per i tre bandi Tari copparesi, rispetto ai quali le realtà economiche hanno dichiarato se sono state chiuse completamente, parzialmente o hanno avuto difficoltà nell’operare, i quali sono stati integrati con quelli indicati da Camera di Commercio, in possesso di una propria lista di codici penalizzati.
«Il cantiere con la Camera di Commercio è aperto e abbiamo modo di definire un quadro ancor più includente. I fondi sono tali da poter coprire comunque le esigenze di chi sia rimasto escluso dal primo bando».

Giulia Minichiello ne ha ripercorso l’iter tecnico della procedura, così da chiarire alcune perplessità su tempi ed esclusioni. In particolare ha dato conto dei 60 giorni necessari per l’indispensabile controllo istruttorio, a partire dalla regolarità amministrativa e contributiva.
Il primo comitato di valutazione si è tenuto il 12 aprile, con l’individuazione di una prima tranche di attività, subito ristorate, e il secondo il 30 aprile, che ha stilato la graduatoria finale: le esclusioni sono legate a mancanza di firme e documenti e a irregolarità contributive al momento della domanda, rispetto alle quali ammettere una regolarizzazione successiva non sarebbe stato corretto per chi avesse adempiuto a tutti gli obblighi nei tempi.

COMMEMORAZIONE DI DANTE BIGHI:
Martedì l’omaggio al cimitero e la presentazione del programma del Centro Studi.

Si terrà martedì 18 maggio la cerimonia di commemorazione in occasione del 27° anniversario della scomparsa di Dante Bighi, che sarà ricordato alle 10.30 presso la sepoltura al Cimitero di Copparo. Successivamente sarà presentato il progetto 2021 del Centro Studi Dante Bighi.
Due momenti per onorare l’artista che con la sua opera e il suo stesso modo di vivere, ha dato lustro a Copparo, a cui lo ha sempre legato un forte sentimento di appartenenza, anche quando la passione e il lavoro lo hanno portato lontano, in giro per il mondo. Le famose campagne pubblicitarie, i ‘libri oggetto’, le raccolte d’arte e i cenacoli di
artisti lo connotano come un grande personaggio del Novecento.  La preziosa donazione al Comune di opere di arte moderna, con 90 fra quadri e sculture di 70 artisti famosi tra cui Brindisi, Christo, Fontana, Warhol, e il lascito di Villa Bighi con lo splendido parco, ora sede del Centro Studi, rappresentano un gesto d’amore verso il territorio. Il vincolo di questi luoghi a esclusivo utilizzo culturale costituisce una responsabilizzazione collettiva alla custodia e allo sviluppo dell’arte e dell’espressione culturale.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi