Home > COMUNICATI STAMPA > Copparo: zanzara tigre 2016, avviata la campagna di prevenzione e sensibilizzazione

Copparo: zanzara tigre 2016, avviata la campagna di prevenzione e sensibilizzazione

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio comunicazione Comune di Copparo

Sulla base del ‘Piano regionale per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue’ il Comune di Copparo ha emesso un’ordinanza dove sono previste una serie di semplici azioni, da applicare già da questi primi giorni di primavera e fino ad ottobre, mirate ad ottenere una sensibile diminuzione della presenza della zanzara tigre sul territorio e a ridurne l’infestazione.
Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL sarà impegnato nella valutazione del monitoraggio della numerosità della zanzara tigre, nell’informazione ai Comuni, ai cittadini e nel coordinamento delle azioni in caso di emergenze.
Compito della Polizia Municipale sarà quello di vigilare sugli adempimenti agli obblighi contenuti nell’Ordinanza del Sindaco, nonché di prescrivere azioni di adeguamento o di applicare le sanzioni previste.
Il Comune di Copparo ha dato mandato ad AREA, di trattare le aree pubbliche, con interventi mirati da aprile ad ottobre, ma questa lotta non può avere esiti positivi senza un attivo coinvolgimento della popolazione. È quindi necessario che i cittadini mettano in atto misure di prevenzione e di trattamento nelle aree di loro competenza.
Cosa fare: trattare regolarmente (ogni settimana) i tombini e le zone di scolo e ristagno con prodotti larvicidi a base di Bacillus thuringensis, eliminare i sottovasi o, se impossibile, evitare il ristagno di acqua al loro interno (vuotarli sul terreno ogni 4-5 giorni), verificare che le grondaie siano pulite e non ostruite (se ostruite vi ristagna l’acqua piovana), che il raccordo del tubo di grondaia con la caditoia stradale sia ermeticamente sigillato (se no le zanzare riescono a penetrarlo per deporre le uova), verificare che non vi siano aperture di collegamento con l’esterno dai vespai allagati (fondamenta degli edifici), coprire le cisterne e tutti i contenitori dove si raccoglie l’acqua piovana con coperchi ermetici, teli o zanzariere ben tese, tenere pulite fontane e vasche ornamentali, eventualmente introducendo pesci rossi che sono predatori delle larve di zanzara tigre.
Cosa invece non fare: accumulare copertoni e altri contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità di acqua stagnante, lasciare che l’acqua ristagni sui teli utilizzati per coprire cumuli di materiale e legna, lasciare gli annaffiatoi e i secchi con l’apertura verso l’alto, lasciare le piscine gonfiabili e altri giochi pieni di acqua per più giorni, svuotare nei tombini i sottovasi o altri contenitori che contengono acqua e larve.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi