18 Novembre 2016

Le famiglie del nuovo millennio?
Coppie di fatto e coppie omosessuali

Redazione

Tempo di lettura: 5 minuti

di Cecilia Sorpilli

Ci si sposa di meno e più tardi e le convivenze aumentano vertiginosamente; lo conferma l’Istat nel report “Matrimoni, separazioni e divorzi”, in cui emerge che le convivenze in Italia sono arrivate a 641.000 nel 2013-2014. Aumentano soprattutto le convivenze giovanili vissute come “matrimonio di prova” e come sostiene Anna Laura Zanatta, docente di sociologia della famiglia presso l’Università di Roma La Sapienza, “Il matrimonio sta cambiando natura: esso si sta trasformando da rito di passaggio all’età adulta in rito di conferma della vita familiare e di coppia”. È possibile ipotizzare che la preferenza dei giovani per la convivenza sia una delle risposte all’incertezza dell’occupazione giovanile perché viene vissuta come una “strategia adattiva” alla precarietà delle condizioni di vita; la convivenza, infatti, viene percepita come meno vincolante rispetto al matrimonio per quanto riguarda l’aspetto economico.
Dalle ricerche sociologiche emerge che le persone conviventi sono più giovani, ma generano meno figli e hanno un grado elevato di istruzione e un buon inserimento nel mondo del lavoro. Singly, professore di sociologia presso l’Università Paris Descartes, considera la convivenza come un compromesso tra le generazioni. Secondo lo studioso la convivenza tende a ridurre le distanze tra la maturità biologica e sociale dei giovani in una società in cui le relazioni sessuali sono sempre più precoci, mentre la stabilizzazione nel mondo del lavoro sempre più tardiva. La convivenza permette di iniziare una vita di coppia senza abbandonare gli studi od ostacolare l’inizio della carriera professionale e per questi motivi le famiglie iniziano ad accettare questa nuova forma di vita familiare scelta spesso dai propri figli.
Barbagli, professore emerito di sociologia dell’Università di Bologna, individua alcune motivazioni che spingono le coppie alla convivenza. Ci sono persone che convivono perché risposandosi perderebbero alcuni benefici economici, come l’assegno di mantenimento per chi è divorziato o la pensione di reversibilità per chi è vedovo, altre che convivono perché rifiutano l’idea del matrimonio e altre ancora che scelgono di convivere perché contestano la divisione tradizionale dei ruoli all’interno del nucleo familiare. Infine c’è chi sceglie la convivenza come matrimonio di prova che serve a rassicurare chi teme di aver scelto il coniuge sbagliato e secondo Barbagli queste convivenze “sono figlie dell’ansia, della paura condivisa da uomini e donne che anche il proprio matrimonio finisca a pezzi come quello dei genitori o degli amici”.
All’interno di questa costellazione familiare possono inserirsi anche le famiglie omosessuali, anche se la recentissima legge del 20 maggio 2016, n. 76 “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”, oltre a tentare di disciplinare legalmente il variegato mondo delle convivenze, ha istituto “l’unione civile tra persone dello stesso sesso quale specifica formazione sociale”, riconoscendo a queste famiglie alcuni diritti civili fin a ora negati.
Colombo, professore ordinario di sociologia dell’università di Bologna, spiega che le coppie omosessuali si innamorano e hanno esigenze affettive e di sostegno reciproco, instaurano relazioni stabili e durature, desiderano dei figli al pari delle coppie eterosessuali. Non essendoci all’interno di una coppia omosessuale differenze di genere, in queste coppie non si verifica la tradizionale divisione nella distribuzione dei ruoli tra uomini e donne e quindi si suddividono i compiti familiari in modo molto più egualitario. Molte famiglie omosessuali hanno figli; alcuni hanno figli nati o adottati durante una unione eterosessuale precedente, altri sono diventati genitori grazie alla fecondazione assistita e altri sono riusciti a intraprendere il percorso dell’adozione nei paesi in cui ciò è permesso. Le famiglie omosessuali con figli devono affrontare numerosi problemi, come disapprovazione dell’ambiente sociale, mancanza di norme sociali che regolano ruoli e comportamenti, in particolare tra figli e partner del compagno o della compagna; purtroppo in Italia la legge sulle unioni civili non ha colmato questa lacuna legislativa.
Appare opportuno chiarire, poiché vi è un acceso dibattito attorno a questo tema, che l’omosessualità dei genitori non influisce in senso disfunzionale sull’identità di genere, né sull’identità generale dei figli. Brofenbrenner, professore emerito di sviluppo umano e psicologia alla Cornell University, nonché creatore della disciplina ‘ecologia dello sviluppo umano’, riferendosi alle teorizzazioni sull’attaccamento, sostiene che il bambino ha bisogno non solo di un essere umano con cui avere una relazione affettiva, ma anche di un’altra figura che dia supporto, appoggio e risalto alla prima, aggiungendo che è utile, ma non assolutamente necessario, che queste due persone siano di sesso opposto. Daniel Stern, psichiatra e psicoanalista statunitense nonché uno dei principali esponenti dell’Infant Research in psicoanalisi, definisce la genitorialità come una funzione autonoma e processuale dell’essere umano preesistente all’atto del concepire, che ne è soltanto una, seppur fondamentale, non necessaria espressione. La genitorialità viene descritta come il prodotto simbolico/rappresentazionale delle primissime interazioni di cura, delineandosi così come una dimensione interna che fa parte dello sviluppo di ogni persona, generata e sperimentata grazie alla relazione con l’altro. Essendo quindi la genitorialità una funzione generata dalla sperimentazione della relazione di cura con l’altro e non un ruolo, appartiene e può essere esercitata da ogni individuo a prescindere dal proprio orientamento sessuale. Per tali motivi anche le coppie omosessuali hanno il diritto e le capacità di esercitare una funzione genitoriale adeguata, come dimostrano ricerche riguardo minori cresciuti in famiglie con genitori omosessuali che hanno avuto un corretto sviluppo psicofisico al pari di bambini cresciuti con coppie eterosessuali.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

  • rondini

    Per certi versi / La partenza delle rondini

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • IRAN: Dopo la morte di Mahsa Amini
    si riaccende in tutto il paese la rivolta delle donne

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi