COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Corso di Studio in Tecnologie agrarie e acquacoltura del Delta: parte la collaborazione tra Unife e Consorzio Pescatori di Goro

Corso di Studio in Tecnologie agrarie e acquacoltura del Delta: parte la collaborazione tra Unife e Consorzio Pescatori di Goro

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Organizzatori

Tirocini di laurea, attività seminariale, e collaborazioni su attività di ricerca ad hoc: sono queste le attività previste dalla futura collaborazione tra l’Università degli Studi di Ferrara e il Consorzio Pescatori di Goro per il nuovo Corso di Studi in Tecnologie agrarie e acquacoltura del Delta, la nuova laurea triennale che esordirà nell’anno accademico 2020/2021.

“Questo nuovo corso di studi – afferma il prof. Michele Mistri, coordinatore del corso – ha lo scopo di preparare laureati in possesso di una solida preparazione interdisciplinare, in grado di applicare le tecnologie agrarie alle molteplici problematiche connesse all’utilizzo efficiente e sostenibile delle risorse naturali, in un territorio fragile e di pregio naturalistico peculiare. La nuova laurea pone particolare attenzione alle caratteristiche di innovazione che vedono il settore dell’agricoltura/acquacoltura in costante sviluppo, e che richiedono un continuo ed efficiente aggiornamento, che tenga il passo con l’incalzante incremento delle conoscenze scientifiche e delle loro applicazioni tecnologiche alla moderna Agricoltura 4.0, quali l’agricoltura di precisione, il geo-mapping, i sensori e il telerilevamento. In questo ambito, la collaborazione con le imprese di settore come le cooperative della pesca e dell’acquacoltura, ed il Copego in particolare, è per noi prioritaria. Questo per consentire ai nostri studenti di conoscere da vicino il settore in cui andranno a operare, e sperimentare sul campo le conoscenze acquisite in ambito universitario. La presenza sul territorio di una realtà importante come il Copego genera valore per tutti, anche per l’Università ed i suoi studenti”.

Copego è la più grande organizzazione di produttori del settore acquacoltura d’Italia e, con i suoi 600 soci, soddisfa il 55% della richiesta italiana di vongole e il 40% della richiesta europea. Gestisce, in forma cooperativa, concessioni all’interno della Sacca di Goro, con attenzione alla salvaguardia delle risorse ambientali e alla distribuzione di reddito e benessere diffuso. “Copego è diventato un’eccellenza internazionale nel settore grazie alla professionalità acquisita in tanti anni di impegno e duro lavoro, un bagaglio di esperienza che vogliamo mettere a disposizione degli studenti” afferma il presidente Massimo Genari. “Per Copego la collaborazione con questo nuovo corso di studi è anche una grande opportunità di scambio, che può consentirci di qualificare operatori e soci e di avviare progetti di ricerca, capaci di portare innovazione per il consorzio”.

“Quello della pesca e in particolare dell’acquacoltura è un settore strategico per l’economia ferrarese – afferma la coordinatrice territoriale di Legacoop Estense Chiara Bertelli – perché genera occupazione e reddito lungo una filiera che ha ancora potenzialità inespresse. Come Legacoop, intendiamo dare il nostro supporto a Unife e alle cooperative di pesca, perché la collaborazione reciproca possa generare nuove opportunità per tutto il territorio, all’insegna dello sviluppo sostenibile”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi