Home > COMUNICATI STAMPA > Crisi Open.Co e Lavoranti in legno, incontro del tavolo oggi in Regione

Crisi Open.Co e Lavoranti in legno, incontro del tavolo oggi in Regione

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

L’assessore Costi: “Percorso coerente con i contenuti dell’accordo regionale sulla filiera delle costruzioni del 2 aprile scorso”. L’appuntamento successivo il 29 settembre

Verso un piano di riorganizzazione delle imprese cooperative del settore degli infissi e dei serramenti. E’ la prospettiva delineata oggi in Regione al tavolo per la crisi di Open.Co (Modena e Reggio Emilia) e Lavoranti in legno (Ferrara), istituito il 31 luglio scorso in viale Aldo Moro. All’incontro, convocato dall’assessore regionale alle Attività produttive Palma Costi, erano presenti i rappresentanti delle istituzioni locali di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, delle organizzazioni sindacali, di Legacoop Emilia-Romagna, e i presidenti di Open.Co e Lavoranti in legno. Il piano di riorganizzazione, illustrato da Legacoop Emilia-Romagna e condiviso dalle imprese cooperative, prevede il coinvolgimento degli stabilimenti di Open.Co., Lavoranti in legno ed eventuali altre cooperative. “Il piano – sottolinea l’assessore Costi – indica un percorso coerente con i contenuti dell’accordo regionale sulla filiera delle costruzioni del 2 aprile scorso, ed ha l’obiettivo di preservare tutti i siti produttivi esistenti, attraverso processi di integrazione e specializzazione”.

Con l’incontro di oggi (il successivo è già stato fissato per il 29 settembre) le imprese cooperative si impegnano a individuare soluzioni legali, amministrative e operative che consentano – nella fase transitoria precedente la realizzazione del piano – di garantire l’attività produttiva e l’assolvimento degli ordini senza soluzioni di continuità, anche nell’ambito delle procedure concorsuali attuali. Il piano industriale, e il conseguente piano organizzativo, sarà oggetto di presentazione e confronto negoziale all’interno del tavolo della crisi. “Sempre in quella sede – ha aggiunto l’assessore – verranno valutati gli impatti sull’occupazione, e saranno individuati gli strumenti di protezione del reddito più adeguati alla salvaguardia dei lavoratori”. La Regione e le istituzioni locali si impegnano inoltre a costituire specifici tavoli di confronto con le organizzazioni sindacali e con le imprese cooperative coinvolte, in modo da individuare possibili processi di riconversione industriale, al fine di preservare il livello attuale di occupazione. “La Regione – ha concluso Costi – metterà in atto tutti gli strumenti di cui dispone per sostenere l’operazione dl rilancio delle attività di produzione”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi