Home > IL QUOTIDIANO > Cronaca nera: quando l’Italia si specchia in Macerata

Cronaca nera: quando l’Italia si specchia in Macerata

L’oscura morte di Pamela e il raid fascista ci raccontano il malessere degli italiani, la cattiva coscienza della politica, il voyerismo dell’informazione.

Macerata 1: Uno, anzi due fascismi
Si può essere più fascista dei fascisti? Si direbbe proprio di sì.
Forza Nuova ha un conto aperto con i cugini di Casa Pound. In questi ultimi anni la storica formazione estremista, che evidentemente si ritiene la legittima depositaria di camicia nera e saluto romano, si è sentita ‘scavalcata a destra’ dai movimentisti di Casa Pound, decisamente più moderni, molto più presenti sul territorio – non solo a Ostia e dintorni – e molto più forti, più organizzati.
Così mentre Casa Pound – che un’Italia distratta (distratta?) ha permesso di presentarsi alle prossime elezioni – si permette il lusso di prendere le distanze dal pistolero vendicatore della razza bianca, Forza Nuova sfila per le strade di Macerata.
Ma la manifestazione era autorizzata? Certo che no, ma una quarantina di militanti di Forza Nuova ci hanno provato lo stesso. Erano in pochi, ma ce l’hanno fatta, in barba a Casa Pound, alla questura e alla decenza costituzionale. E visto che chi doveva impedire la marcia fascista non ha potuto o voluto impedirla, un gruppo dell’area dei Centri Sociali e di Autonomia hanno organizzato una contromarcia. Da qui gli inevitabili scontri, tra i manifestanti e i manifestanti e le forze dell’ordine.
Dopo gli scontri è arrivato il nuovo, rigoroso, invalicabile divieto di manifestazioni pubbliche nella città di Macerata. Divieto per tutti, senza distinzioni: per chi vuole solidarizzare verso gli assalitori, come i gruppi, i comitati e le associazioni chi vogliono marciare a fianco delle vittime.
Da questa presunta decisione salomonica – ché, come noto, il vero Salomone diceva per scherzo ed era assai più saggio – verrà tutto il contrario della calma sociale. Impedire di scendere in piazza a coloro che vogliono manifestare per la democrazia, contro la violenza e per difendere i diritti degli immigrati, dei più deboli, dei senza diritti, porterà a nuova tensione e a nuovi scontri. (Articolo redatto prima del corteo, ndr)

Macerata 2 : ma di chi è la colpa?
Tutti gli altri, cioè il 90 e più per cento delle forze politiche, ha deciso che a Macerata non andrà a manifestare. Non per questo hanno seppellito le asce di guerra. Fra tre settimane si vota e la polemica non si placa.
Naturalmente tutti condannano il raid razzista, a parte i ma… Salvini attacca: l’Islam è incostituzionale e tutta la colpa è del Pd, del governo e della “invasione di migranti” che crea disagio e scontro sociale! Risponde Renzi: è la Lega che pesca nel torbido, scatena la guerra tra i poveri ed è la responsabile ultima del clima da far west!
Eppure, mai come questa volta le condanne e le accuse incrociate non riescono a chiudere la partita, anzi, lasciano a noi spettatori molta confusione e più di un dubbio. Mai come ora il reciproco rimpallo delle responsabilità, come pure gli impegni solenni a risolvere il problema alla radice non sono credibili, non riescono a convincerci della giustezza di questa o quella soluzione.
Il batti e ribatti, tutto in proiezione elettorale, tra i due Matteo, sembra in realtà nascondere un generale imbarazzo, un segretissimo senso di impotenza. Che non riguarda solo Lega e Partito Democratico, ma tutti i partiti e tutta la classe politica italiana.
E’ difficile infatti credere alle ricette proposte da una parte e dall’altra. Gli accordi e i soldi alla Libia e il foglio di via alle Ong umanitarie del prefetto di ferro Minniti? I poliziotti di quartiere e i militari a presidiare le strade invocati da Berlusconi? Le ‘deportazioni di massa’ proposte dalla Lega e Fratelli d’Italia? Non si tratta solo di strade sbagliate e illiberali (anche l’ONU ha bocciato il decreto Minniti), ma di soluzioni irrealistiche, di inutili prove muscolari che mancano l’obiettivo e rischiano di peggiorare i problemi.
La battaglia sulle cifre degli sbarchi ci ha accompagnato negli ultimi sei mesi e tutti i partiti sembrano contenti di aver ridotto i flussi e di aver pagato la Libia per rinchiudere migliaia di disperati nei lager d’oltremare. Ma senza una vera soluzione alla disperazione africana, gli sbarchi continueranno. Arriveranno da nuovi porti, troveranno nuovi approdi e nessun decreto riuscirà a fermarli.
Ma c’è molto altro che sono in pochi a voler considerare. Al di là della continua emergenza profughi, ci sono i milioni di stranieri che già vivono nel nostro Paese – proprio come quelli che camminavano per Macerata e che si sono beccati una pallottola – quelli arrivati da anni e da anni “in attesa di asilo”, quelli costretti a vivere ai margini, senza diritti, senza la prospettiva di una vita dignitosa.
Se vogliamo la pace sociale, promuovere una serena convivenza, combattere la marginalità e il degrado sociale, togliere spazio e occasioni all’estremismo e all’odio razziale, abbiamo una sola strada da percorrere. Affrontare seriamente non solo il problema dell’accoglienza degli ultimi arrivati – lo stiamo facendo troppo poco e spesso male – ma riformare in toto la nostra legislazione e le nostre norme sull’immigrazione.
La chiusura all’immigrazione legale, le strade sbarrate verso il diritto d’asilo, la mancata approvazione della Ius soli, hanno prodotto in ogni città una ‘Italia parallela’, una società parallela di diseredati, figli di un dio minore. E come possiamo offrire agli italiani – a tutti – una convivenza sicura e serena, se condanniamo i nuovi arrivati a una esistenza fuori dalla legalità?
E’ lo stesso ‘sistema italiano’, la porta in faccia alla immigrazione legale e al diritto di cittadinanza, a costringere gli immigrati a essere fuorilegge, a vivere ai margini e nelle periferie, a subire per primi il ricatto del lavoro nero e sottopagato, a diventare, in alcuni casi, manovalanza a costo zero per i mercanti della droga.

Macerata 3 : contro l’Italia guardona
“Ultime nuove sul delitto di Macerata!”
Sì perché, se la politica si interroga o finge di interrogarsi sul raid fascista, televisioni e social preferiscono occuparsi della povera Pamela Mastropietro, solo diciott’anni per morire, essere fatta a pezzi e impacchettata in due trolley.
Anch’io mi auguro che venga fatta luce, sia resa giustizia, trovati colpevoli, complici e tutto il resto. In Italia non accade troppo spesso. Ma confesso che non ne posso proprio più di Chi l’ha visto, Quarto grado e trasmissioni consimili.
Quando i mulini erano bianchi (Barilla), o al tempo delle “Porte aperte” (Sciascia), quando insomma a comandare c’era il “Predappiofesso”, il “Batrace stivaluto” – come Carlo Emilio Gadda scriveva di Mussolini – la cronaca nera non esisteva proprio. Niente furti, niente rapine, niente stupri, omicidi, delitti passionali. Niente sangue sui giornali controllati dal regime.
Ovviamente cosi non era, perché Homo homini lupus vigeva ben prima del Ventennio; nessun contratto sociale è mai riuscito a metterlo in gabbia. La censura fascista aveva solo sotterrato, reso invisibili i comportamenti e gli atti criminali. Così, appena finita la seconda guerra, la stampa libera si buttò a pesce su Rina Fort, subito soprannominata “la belva di San Gregorio”. Il Corriere della Sera del 1° dicembre 1946 titolava in grassetto: “Massacrati in via San Gregorio una madre coi tre figlioletti”.
Con Rina Fort – su di lei, sul processo, fino alla sua oscura uscita di prigione per fine pena, ha scritto pagine memorabili Dino Buzzati – nasce (ri-nasce) la cronaca nera nei media italiani. Da allora, grazie alla pertinace attenzione di stampa e televisione, ogni anno può essere intitolato a un grande delitto: una sorta di storia d’Italia attraverso la cronaca criminale. Il caso Montesi (1953), il mistero di via Veneto (1963), Milena Sutter (1971), il massacro del Circeo (1975), il mostro di Firenze (1968-1985), il delitto di via Carlo Poma (1990), quello dell’Olgiata (1991), quello dell’imprenditore Gucci (1995), le bestie di satana (1998- 2004), l’infanticidio di Cogne (2002), l’omicidio di Meredith Kercher (2007), la strage di Erba (2006), il delitto di Avetrana e quello di Yara Gambirasio (2010).
Ogni “efferato fatto di sangue” – ne tralascio volutamente almeno una trentina – è passato agli annali e alla rete con un nome evocativo, un inconfondibile marchio di fabbrica. Intanto, la passione per il delitto, la vivisezione televisiva del dna, la chiacchiera (idiota) tra improbabili esperti, avvocati rampanti e ‘giornalisti criminalisti’ ha letteralmente invaso i palinsesti.
Il prodotto evidentemente funziona. Le storie si assomigliano tutte ma con un po’ di fiction, qualche modellino, e pugnali, rivoltelle e provette lo spettacolo e gli ascolti sono assicurati. Non c’è pietà per Sarah Scazzi o Pamela Mastropietro, il loro destino è morire altre cento volte per il piacere di un’Italia trattata come un popolo di guardoni.
Davvero ci meritiamo questa vivisezione morbosa e criminale, questa becera istigazione al voyerismo? E cosa c’entra questo commercio con il dovere di cronaca e la libertà di informazione?
Hanno deciso di non mandare in onda le teste mozzate dall’Isis. Giusto, ma date un taglio, una regola, un minimo di misura, un confine anche a questo stillicidio di sangue mediatico. Non per dar ragione alla censura, non per tornare al Ventennio, ma per minimo di buongusto. E per chi, dopo il sangue, dopo l’orrore, ha diritto a un po’ di riposo.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA VIGNETTA
Priorità d’oltralpe e priorità nostrane
L’odio
Quando si dice una cosa di sinistra: Zingaretti tira fuori dal freezer lo Ius Soli
metodo naomo post fb
Nuovi modelli per affrontare il presente

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi