Home > COMUNICATI STAMPA > Cronacacomune: la newsletter del 25 gennaio 2016

Cronacacomune: la newsletter del 25 gennaio 2016

da: ufficio stampa del Comune di Ferrara

CONFERENZA STAMPA – Mercoledì 27 gennaio alle 11.30 nella sala dell’Arengo del Municipio
Presentazione del Concorso fotografico “I Backstage della Moda estense”
25-01-2016

Mercoledì 27 gennaio alle 11.30 nella sala dell’Arengo della residenza municipale si terrà la conferenza stampa di presentazione del concorso fotografico “I Backstage della Moda estense”. Grazie al progetto, ideato dal FOTOclub Ferrara, i fotografi potranno immortalare le modelle nelle Maison della moda o nelle Boutique di abbigliamento di città e provincia per scoprire le creazioni di moda ferraresi, presentarle al mondo dei social e valorizzare le produzioni del territorio.
All’incontro con i giornalisti saranno presenti l’assessore al Commercio del Comune di Ferrara Roberto Serra, il presidente del FOTOclub Ferrara Maurizio Tieghi, la psicologa/formatrice e consulente di immagine Federica Pescarin, il responsabile commerciale area Ferrara UniCredit Francesco Boccellari, Annalisa Barison di Corte Beneficio e rappresentanti delle imprese coinvolte nel progetto.

BIBLIOTECA TEBALDI – Martedì 26 gennaio dalle 17 incontro per bimbi dai 3 ai 10 anni
Racconti da brivido per piccoli e grandi lettori
25-01-2016

E’ previsto per martedì 26 gennaio alle 17 il nuovo appuntamento con le ‘Letture da brivido’, per bimbi dai 3 ai 10 anni, alla biblioteca comunale Tebaldi di San Giorgio, in via Ferrariola 12.

Ad aprire l’incontro sarà la lettura del racconto firmato da Marie Farre ‘Papà è un orco’. Dopo la lettura da parte di un adulto, verrà data la possibilità, ai bambini partecipanti, di esprimesi a loro volta in veste di narratori in erba portando le proprie proposte.
La rassegna di lettura è a cura di Roberta Filippini e del Gruppo piccoli e grandi lettori della biblioteca Tebaldi.

BIBLIOTECA LUPPI – Martedì 26 gennaio alle 17.20 in via Arginone 320
Letture di Rita Montanari per bambini dai 2 agli 8 anni
25-01-2016

Nuovo appuntamento, martedì 26 gennaio alle 17.20 alla biblioteca comunale Aldo Luppi di Porotto (via Arginone 320), con il ciclo di letture ‘Belle storie a Porotto’ per bambini dai 2 agli 8 anni. Ad animare il pomeriggio saranno le letture di Rita Montanari tratte del suo volume “L’acchiappanuvole”.

ASSESSORATO ALLA CULTURA – Presentato da sindaco Tagliani e assessori Maisto e Serra
Il ‘Calendario 2016 degli eventi culturali e turistici’, nel segno dell’Orlando Furioso
25-01-2016

Si è svolta questa mattina, lunedì 25 gennaio in residenza municipale, la conferenza stampa di presentazione del ‘Calendario 2016 degli eventi culturali e turistici’ a cura dell’Assessorato al Turismo/Cultura del Comune di Ferrara. All’incontro con i giornalisti sono intervenuti il sindaco Tiziano Tagliani, l’assessore alla Cultura/Turismo Massimo Maisto, l’assessore al Commercio Roberto Serra e la dirigente dell’Ufficio Manifestazioni culturali e turistiche Maria Teresa Pinna che hanno illustrato programmi e gli elementi principali di una programmazione che ha l’obiettivo di valorizzare sia i beni artistici e monumentali della nostra città sia il tessuto culturale costituito dalle organizzazioni professionali del settore e del mondo associativo.

“Occorre che tutti i soggetti coinvolti direttamente e indirettamente nella programmazione culturale di questa città – ha affermato il sindaco Tagliani – facciano uno sforzo per salvaguardare la qualità delle iniziative proposte ogni anno. Ferrara è protagonista delle politiche culturali nazionali e questa consapevolezza ci deve far superare quell’atteggiamento critico che spesso mette in evidenza più quello che non va rispetto al complesso di inizative di notevole valore programmate e messe in campo”. Numeroso il pubblico che ha partecipato all’incontro rivolto ai giornalisti, costituito da operatori culturali e turistici. L’assessore Maisto ha rivolto un ricordo a Cesare Borsetti, scomparso nel febbraio dell’anno scorso, “uno dei più attivi e capaci organizzatori di eventi del nostro territorio”.

LE SCHEDE (a cura ddell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Ferrara)

La realizzazione di un calendario eventi capillare si è considerata prioritaria perché, dopo un confronto a un tavolo nazionale con altre città dalla spiccata attitudine al turismo consapevole, è emerso come Ferrara produca una quantità e una qualità di iniziative senza paragoni in regione. “L’obiettivo principale è stato di natura economica – afferma il vicesindaco Maisto – la bellezza della nostra città, oltre che essere attrattiva, si è dimostrata accogliente grazie alla possibilità da parte di chi la visita di poter scegliere sempre qualcosa di diverso. È doveroso investire sul nostro passato restaurandolo attraverso il presente, rendendolo attuale e più appetibile con un’offerta varia sia culturale sia d’intrattenimento pubblico”.
In calendario si noterà che nessun ambito prevale sugli altri, non c’è un genere che vada per la maggiore: si mescolano spettacolo, arte, sport, enogastronomia, collezionismo e tanto altro. È la prova di quanto il tessuto urbano abbia bisogno non solo dei cittadini, ma soprattutto dei turisti, riscoprendo di continuo le potenzialità ferraresi e così rinnovandole. “Non a caso – motiva Maisto – il mensile ‘Hotel&Finanza’ di gennaio ha inserito Ferrara al primo posto (+3,1 punti sull’anno scorso), rispetto a colossi quali la vicina Parma, Napoli, Brescia, Milano e Perugia, per quel che riguarda la ripresa economica della categoria alberghiera; una riprova incoraggiante della percezione condivisa di quanto la città sia stata vitale durante le recenti festività”. E non ne hanno giovato solo quella trentina di alberghi oggetto dello studio, bensì l’intero sistema, le centinaia di bar, ristoranti e commercianti che propongono i loro prodotti sull’onda della vivacità e dell’inventiva nostrane.
“All’inizio – prosegue il Vicesindaco – strutturare un calendario significava semplicemente mettere in ordine le iniziative preesistenti, in gran parte di nostra emanazione. In breve tempo però, rafforzando la rete tra Comune e coloro che fanno impresa per mezzo delle manifestazioni, sono aumentate a dismisura le proposte dal mondo dei privati, che si fanno avanti di anno in anno in maniera autonoma”. D’altro canto, riorganizzare il palinsesto complessivo degli eventi ha permesso all’Assessorato alla Cultura e al Turismo di notare ciò che mancava all’offerta cittadina, i punti deboli da colmare per accrescerne il carattere e la caratura al di là delle Mura.
La luna, immagine fondamentale nel poema ariostesco, svetta in mano all’Orlando in copertina. È evidente il nesso tra mensilità e fasi del ciclo lunare, ma è altrettanto importante il concetto che il cavaliere afferra. “Bisogna mirare alla luna per raggiungere l’albero, puntare al meglio per riuscire a superare ogni volta i propri limiti e crescere concretamente. Nel Furioso la Luna è il luogo simbolico dove finiscono tutte le qualità e le idee perdute sulla Terra, tra cui il buon senso del nostro eroe, smarrito a causa dell’amore infelice. Perciò l’augurio implicito, che sentiamo di condividere con ciascun ferrarese, è di ritrovare ciò che ha perso. Alla maniera di Astolfo che salvò Orlando, riportandogli in sella all’ippogrifo la preziosa bottiglietta con dentro il suo senno, noi – conclude Maisto – speriamo di mantenere nell’anno nuovo la grinta per organizzare e sostenere con l’entusiasmo e la passione di sempre manifestazioni di alto livello”.

Il paladino Orlando protagonista del calendario ‘e20′ 2016

Il grande protagonista del calendario e20 2016 è il paladino Orlando, il personaggio principale di una delle più famose opere di poesia cavalleresca, l’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto. In occasione del cinque centenario dalla sua prima edizione, infatti, la scelta è caduta proprio sull’attore attorno a cui ruotano le vicende del Furioso, affidandogli il ruolo di narratore e di fil rouge del nostro taccuino e20. In una città d’arte come Ferrara la connessione tra cultura e turismo è fondamentale, ed è evidente quindi la necessità di uno strumento che unisca il panorama degli eventi con la città d’arte, rendendoli intercomunicanti e reciprocamente utili. Ecco perché il taccuino e20 ricopre un ruolo di tale importanza: è il mezzo tramite il quale la città si offre al turista, riflettendo la propria proposta su pagine dalla grafica attraente e ben congegnate nell’ottica promozionale.
Le manifestazioni sono state scelte per la potenzialità turistica e la capacità di richiamare grande pubblico all’interno delle mura estensi, ma non solo: la volontà è pure di presentare un programma partecipato e in sinergia con il mondo dell’associazionismo culturale ferrarese, nel tentativo di dare spazio anche ad alcuni eventi più “giovani”, come per esempio il Fe Comics&Games, quest’anno alla sua seconda edizione. In questo modo, affiancando ai pilastri dell’offerta culturale di Ferrara, quali Ferrara Sotto le Stelle, Buskers Festival e Internazionale, manifestazioni maggiormente “di nicchia” o rivolte a un pubblico diverso, si è cercato di presentare un panorama variegato e completo, che copra e soddisfi le differenti richieste della cittadinanza e dei turisti. Inoltre, come ogni anno, si cerca di inserire manifestazioni di diverso genere: il calendario comprende infatti alcuni eventi sportivi, quali il Gran Fondo del Po o la Ferrara Marathon, e pure eventi dedicati ai più piccoli come Una città a mattoncini o il festival degli aquiloni, Vulandra. Una menzione d’onore è riservata naturalmente alla mostra “Orlando Furioso. 500 anni Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi”, che verrà allestita a settembre a Palazzo dei Diamanti: un punto di forza prestigioso e una manifestazione essenziale nella programmazione ariostesca. L’esibizione sarà pure un’occasione per intensificare il dialogo tra le opere in mostra e il patrimonio culturale diffuso della città.
Questo calendario si presenta come un taccuino da sfogliare, mese per mese, su cui annotare le proprie impressioni, i pensieri, le idee in rapporto agli eventi che si susseguiranno nel corso dell’anno. È uno strumento che accompagna il lettore attraverso le manifestazioni e le iniziative di Ferrara, arricchendo il calendario di eventi con la particolarissima presenza ariostesca.
Non si è pensato solo alla celebre ricorrenza, ma anche alla funzione di Ariosto nel panorama culturale della città: durante uno dei momenti storici di maggior splendore fu una delle più geniali e proficue menti del passato ferrarese; il suo contributo letterario e il suo rapporto con la corte Estense è parte integrante della storia collettiva nazionale, e di esso si trova tuttora traccia nell’immaginario individuale. In copertina vediamo inoltre la connessione di Ariosto con la sua città, che è anche la nostra, grazie al Castello Estense posizionato in primo piano, sullo scrittoio del poeta, e il paladino Orlando che si pavoneggia nella sua lucente armatura. Vi sono rappresentati gli episodi più significativi del poema, dalla fuga di Angelica all’esperienza onirica del Castello di Atlante, dalla raffigurazione dell’isola di Alcina alla follia di Orlando. Non potevano mancare, in questo contesto, alcuni versi che si affiancano alle illustrazioni realizzate dalla matita di Paolo Bevilacqua, lo stesso grafico che ha creato la ormai familiare sagoma di Ariosto per l’Ente Palio di Ferrara, che si ritrova già in alcuni angoli del centro storico.
È importante sottolineare, nell’ottica dell’impegno nella rievocazione storica del Palio e del legame forte che ha la città con la storia, che in questo particolare anno Ferrara si arricchirà di nuove suggestioni, imponendosi nel contesto di celebrazione ariostesca con differenti significati e significanti.

SERVIZI ALLA PERSONA – Invio documentazione entro il 31 gennaio 2016
Con il progetto “Last Minute Market” gli esercenti virtuosi hanno lo sconto TARI
25-01-2016

Il Progetto “Last Minute Market”, coordinato dal Comune di Ferrara e attivo dal 2004, attraverso la collaborazione di diversi esercizi commerciali consente di recuperare beni alimentari ancora integri, non commercializzati perché prossimi alla scadenza, che vengono donati a diverse ONLUS del territorio a sostegno del contrasto alla povertà. In questo modo viene realizzato un duplice obiettivo importante: aiutare le persone in difficoltà e contrastare lo spreco alimentare.

Nel 2014 grazie a questo Progetto sono stati distribuiti 84.942 chilogrammi di generi alimentari (10.306,30 in più del 2013).

Il Comune di Ferrara riconosce il valore di questa iniziativa attraverso uno sconto sulla quota variabile della tassa sui rifiuti, la TARI, gestita direttamente dal Comune.

In base all’articolo 27 del Regolamento TARI gli esercenti coinvolti nel progetto, per poter usufruire di questa riduzione, devono inviare al Comune la documentazione per l’anno 2015 entro il 31 gennaio 2016.

Gli esercenti che aderiscono al progetto sono già stati contattati: è comunque possibile accedere alla documentazione e alle informazioni sul progetto a questo link http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=7198) e inoltrare la documentazione attraverso posta elettronica.

A cura dell’Assessorato comunale Servizi alla Persona

MUSEI CIVICI – Riapertura al pubblico dal 27 gennaio
Martedì 26 gennaio Museo di Storia naturale chiuso per lavori agli impianti elettrici
25-01-2016

Per consentire l’esecuzione di lavori sugli impianti elettrici, a cura di Enel, il Museo civico di Storia Naturale di Ferrara resterà chiuso al pubblico per l’intera giornata di martedì 26 gennaio 2016.

Le attività della struttura museale di via Filippo de Pisis riprenderanno regolarmente mercoledì 27 gennaio.

BIBLIOTECA ARIOSTEA – Martedì 26 gennaio alle 17 Vetrina letteraria
‘Riflessi ritratti’ nei versi poetici di Simonetta Sandra Maestri
25-01-2016

Inducono alla riflessione su fatti di cronaca troppo spesso spettacolarizzati le poesie di Simonetta Sandra Maestri raccolte nella silloge ‘Riflessi ritratti’ che martedì 26 gennaio alle 17 sarà presentata nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea. Nel corso dell’incontro, organizzato in collaborazione con il Gruppo Scrittori Ferraresi, dialogherà con l’autrice Camilla Ghedini e interverrà Gianna Vancini.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
La dimensione della quotidianità e della cronaca si incarna in “ritratti” essenziali e affilati. Poesie simili a schegge commosse e sentite vogliono indurre e inducono il lettore a non dimenticare, a non rimuovere certi fatti tragici troppo spesso trasformati dalla cronaca in episodi spettacolari. I “ritratti” di Simonetta Sandra Maestri riescono a ricondurre il lettore a una dimensione profondamente umana e partecipe; in questa capacità di “guida” ristagna il potenziale educativo di un’opera essenziale e precisa. Versi come «Vorrei stendere i miei pensieri / come panni ai fili sotto il sole» riassumono con nitidezza un “ponte poetico” proiettato verso un mondo comunque delicato. Come giustamente afferma la giornalista Camilla Ghedini nell’introduzione, a Simonetta va dato il merito del coraggio. (Matteo Pazzi)

Simonetta Sandra Maestri, iscritta all’Ordine dei Giornalisti, è autrice di saggi e articoli. Ha pubblicato la silloge lirica “Cristalli dell’anima” (Este Edition, 2012). Le sue poesie, che appaiono in numerose antologie letterarie, sono state premiate nei concorsi nazionali “Il Golfo” e “Dino Tebaldi”, nonché nel Concorso internazionale di Poesia Memorial Melania Rea II e III edizione 2014 e 2015.

EDUCAZIONE STRADALE – Il 26 gennaio all’Iti Copernico-Carpeggiani
A Ferrara il truck del progetto “Young & Road” per spiegare ai più giovani l’importanza della sicurezza stradale
25-01-2016

(Comunicato a cura dell’Iti Copernico-Carpeggiani)

Martedì 26 gennaio 2016, alla sede dell’I.T.I. “Copernico-Carpeggiani” di Ferrara (via Pontegradella 25), arriverà nella mattinata, dopo aver toccato diverse città d’Italia, il “Truck” del progetto di Educazione alla Sicurezza Stradale “Young & Road”.
L’iniziativa è finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, promossa dall’Osservatorio Regionale per la Sicurezza Stradale dell’Emilia Romagna d’intesa con l’Ufficio VI – Ambito Territoriale di Ferrara e con la collaborazione dell’Istituto di Istruzione di Secondo Grado “Copernico-Carpeggiani” di Ferrara.
Ferrara sarà la prima città dell’Emilia Romagna coinvolta nel progetto, poi il Truck proseguirà per Forlì ed infine Bologna.
A bordo del Tir, unico nel suo genere, sono montati un maxi schermo, telecamere e simulatori di crash test e di ribaltamento per promuovere, in sicurezza, l’uso delle cinture.
Gruppi di studenti, sia dell’ITI che dell’IPSIA “Ercole I d’Este”, si alterneranno nella partecipazione all’iniziativa.
Attraverso tecniche di comunicazione multimediale, testimonianze, video, musica e con un linguaggio semplice e diretto verranno trattati temi della legalità, dell’informazione e dell’educazione alla sicurezza stradale.
Saranno presenti, oltre al Dirigente Scolastico dell’Istituto “Copernico-Carpeggiani” Roberto Giovannetti, lo staff organizzativo dell’Osservatorio per l’educazione alla sicurezza stradale della regione Emilia Romagna, il vicario del prefetto Adriana Sabato, l’assessore ai Lavori Pubblici e Mobilità del Comune di Ferrara Aldo Modonesi, il delegato alla Mobilità Trasporti e Viabilità Provincia di Ferrara Piero Lodi, il comandante della Sezione Polizia Stradale di Ferrara Marco Coralli, il comandante della Polizia Municipale di Ferrara Laura Trentini e il direttore Compartimentale Emilia Romagna e Marche dell’ACI Donata Melpignano.

MATISSE E DON PATRUNI, OGGI…
di M. Cristina Nascosi Sandri

25-01-2016

Son passati nove anni ormai dalla scomparsa di Don Franco Patruno, una delle poche eccellenze intellettuali della ferraresità degli ultimi decenni, avvenuta nel mese di gennaio di 9 anni fa.
Figura indimenticabile, eppure non ricordata mai quanto sarebbe giusto, è comunque facilmente associabile nel ricordo – almeno di chi scrive – ad alcuni grandi della pittura di cui volle occuparsi, molte volte nella vita.
E così accade che anche la mostra aperta da poco a Palazzo Chiablese di Torino, ‘Matisse e il suo tempo’, riporti alla memoria alcuni scritti di Don Franco ed in particolare quelli sulla religiosità di Matisse e di Chagall pubblicati in un preziosissimo manualetto di molti anni fa, Chagall e Matisse: due templi della spiritualità in Provenza, èdito da Book , in cui descriveva da par suo le sublimi opere matissiane racchiuse nella Chapelle du Rosaire, la Cappella Matisse a Vence, in Provenza, raro esempio di arte totale e mono-autoriale.
La mostra di Torino è curata da Cécile Debray del Centre Pompidou di Parigi, il catalogo pure è a cura sua, pubblicato da 24 ore Cultura e sarà in parete fino al 15 maggio 2016: sarebbe stata particolarmente grata a Patruno – conoscendolo – perché il suo fil rouge descrive una sorta di ‘spirito del tempo’, quello che unisce Matisse e gli altri artisti e che coinvolge momenti finora poco studiati, come il Modernismo degli anni Quaranta e Cinquanta.
Racconta, infatti, del legame tra il pittore ed altri pittori suoi contemporanei.
Esposte nelle sale torinesi cinquanta opere di Matisse (quadri, sculture e le 20 tavole «Jazz» realizzate con la tecnica dello stampino) e 47 altri artisti, tra cui Modigliani, Severini, Mirò, Gris, Dufy, Le Corbusier, Masson e Braque.

A proposito del lavoro per JAZZ, Matisse ebbe a dire: “Ho realizzato queste pagine di scrittura per pacificare le reazioni simultanee delle mie improvvisazioni cromatiche e ritmiche, pagine a formare come un ‘fondo sonoro’…”

Alcune tra le venti tavole del testo di JAZZ erano state esposte e presentate ad Artelibro di Bologna, nel settembre del 2012, nell’edizione in fac-simile della Electa: lo splendido libro di Henri Matisse è, senza dubbio, il più bel libro d’artista pubblicato nel corso del Novecento.
Uscito nel 1947 da Tériade, raffinato editore d’arte parigino ( lo stesso della rivista Verve ), fu stampato in tiratura limitata, solo 250 copie. Quelle oggi ancora in circolazione, in alcuni musei e presso collezionisti privati, hanno un inestimabile valore di mercato.

CONFERENZA STAMPA – Mercoledì 27 gennaio alle 10.30 nella Sala degli Arazzi della residenza municipale
Presentazione dell’edizione 2016 del ‘Carnevale Rinascimentale a Ferrara’
25-01-2016

Mercoledì 27 gennaio alle 10.30, nella sala degli Arazzi della residenza municipale (piazza Municipio 2), sarà illustrato alla stampa il programma delle iniziative culturali e ricreative promosse dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con numerose istituzioni e associazioni cittadine, in occasione dell’edizione 2016 del ‘Carnevale Rinascimentale a Ferrara’, dal 4 al 7 febbraio prossimi.

All’incontro con i giornalisti interverranno, tra gli altri, gli assessori comunali Massimo Maisto, Aldo Modonesi e Roberto Serra, il presidente dell’Ente Palio Alessandro Fortini e i rappresentanti delle associazioni coinvolte nell’iniziativa.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi