Home > IL SETTIMANALE > Crystal Palace, gioiello dell’architettura in vetro e acciaio del primissimo Expo

Crystal Palace, gioiello dell’architettura in vetro e acciaio del primissimo Expo

crystal-palace-expo
Tempo di lettura: 5 minuti

Se si parla di Expo si è immediatamente indotti a pensare a Milano 2015. E’ invece il ricordo dell'”Expo delle Meraviglie” che voglio recuperare. Fu l’evento internazionale all’interno del quale venne progettato il Crystal Palace o il Palazzo di cristallo, costruito per celebrare nel piὺ fastoso e florido clima vittoriano la prima grande Esposizione universale.
“The great exhibition of the works of industry of all nations”, promossa dalla Royal Society of Arts come celebrazione delle moderne tecniche industriali, invenzioni e merci inaugurata dalla Regina Vittoria, si tenne a Londra a Hyde Park dal 1° maggio all’ 11 ottobre del 1851.

crystal-palace-expoIl Crystal Palace, un insieme di meraviglie estetiche e tecnologiche per il tempo, è il primo e monumentale fabbricato per certi versi rivoluzionario nel concetto architettonico e nei materiali utilizzati. Prende vita e forma all’interno di un contesto economico e sociale, europeo e mondiale, in profonda trasformazione grazie al contributo di eventi rilevanti come l`affermarsi e la crescita dell’industrializzazione inglese e centro-europea e la pubblicazione nel 1848 del Manifesto di Karl Marx e Friedrich Engels.
Il team di progettisti della struttura capitanati dall`architetto Joseph Paxton, giardiniere costruttore di serre, si misurò nella realizzazione dell’opera in tempi brevi, nove mesi, per un progetto fuori dagli schemi architettonici fino ad allora imperanti, e attraverso l’utilizzo in tutta la costruzione di due materiali allora sostanzialmente all’esordio della loro carriera d’utilizzo per fabbricati con quella destinazione: l’acciaio e il vetro.

crystal-palace-expoIl Crystal Palace è l’icona per antonomasia di una nuova modalità di progettare, per diversi osservatori apripista dellapoetica della leggerezza e della trasparenza”, la Glasarkitektur, un vero capolavoro di ingegneria ispirato se vogliamo alle grandi serre e che ebbe un intenso seguito e grande fortuna con le architetture che ancora oggi ammiriamo nelle stazioni ferroviarie e nelle eleganti gallerie urbane delle più importanti città italiane ed europee. Evitato l’impiego di pietre e di mattoni Paxton decide di guardare con grande fiducia e coraggio al materiale trasparente per eccellenza, da utilizzare per l’involucro esterno, nelle coperture e nelle pareti verticali: il vetro, sostenuto perimetralmente da una struttura portante leggera in acciaio ed incidendo profondamente nel rapporto fra esterno e interno della realizzazione.
Il Crystal Palace conteneva l’Esposizione universale con padiglioni espositivi, percorsi e servizi in genere per i visitatori, quindi il vetro avrebbe dovuto consentire un rifornimento consistente di luce in quanto all’interno erano ubicati oltre ai materiali esposti negli spazi dedicati, anche alti alberi e una grande quantità di piante che in questo modo potevano vivere e crescere all’interno degli spazi espositivi.

crystal-palace-expoTutte le lastre in vetro erano modulari, ne furono impiegate quasi 84.000 metri quadrati pari a 260.000 lastre in vetro piano di sei millimetri di spessore per una formato circa di un metro per tre, la dimensione massima producibile in quel momento storico e corrispondente ad un terzo della produzione vetraria inglese, la più importante quantitativamente in quel tempo nel mondo. Per fare un confronto comprensibile e sottolineare l’ardita scelta dei progettisti di allora, nel rivestimento esterno in vetro della torre Burj Khalifa a Dubai alta 830 metri e costruita 150 anni dopo sono stati impiegati quasi 170mila metri quadrati di vetro.

crystal-palace-expoMa un triste destino attendeva questo gioiello dell’architettura in vetro e acciaio. Ultimata l’Esposizione, l’intero edificio fu smontato nei suoi singoli componenti, (in analogia a ciὸ che è previsto per i padiglioni a Expo Milano 2015), trasportati con autotreni e rimontati in un altro luogo a sud di Londra, Sydenham Hill, che dal 1852 divenne la nuova ubicazione del gigante trasparente, sede di altre manifestazioni e attività. Il 30 novembre 1936 un furioso e disastroso incendio distrusse completamente l’edificio; le cronache del tempo descrivono così l’accaduto: “Di notte, luce e fumo potevano essere riconosciuti a chilometri di distanza”. Si chiudeva nel modo più drammatico la meteora del Crystal Palace, la fine di un`epoca si disse, la più spettacolare creatura di Joseph Paxton e del tempo, che aveva ospitato 28 nazioni di tutti i continenti con oltre tredicimila oggetti esposti e con la partecipazione di sei milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Selvaggio è il cuore
L’amore raccontato nel Messico della rivoluzione è l’ultimo romanzo di Nicoletta Canazza
TERZO TEMPO
Save the Bridge
La rivoluzione di Guido d’Arezzo… O Guido da Pomposa?
Come rendere un’abbazia la prima d’Italia (e farla rimanere tale per otto secoli)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi