Home > IL SETTIMANALE > Dai campi al campo per la rivincita: un calcio al pallone e uno al razzismo

Dai campi al campo per la rivincita: un calcio al pallone e uno al razzismo

koa-bosco
Tempo di lettura: 3 minuti

Siamo in Calabria, una delle regioni più controverse della nostra cara Italia. Da una parte panorami mozzafiato, il calore della gente e buon cibo; dall’altra, l’ombra delle “n’drine” mafiose, dell’omertà e un tessuto sociale che sembra sgretolarsi giorno dopo giorno. E’ qui però, che nasce speranza.

Sono una ventina, tutti africani: senegalesi, ganesi, ivoriani e altri provenienti addirittura dal Burkina Faso. Sono calciatori, o meglio, braccianti-calciatori. Sì, perché di giorno lottano per un tozzo di pane, si spaccano la schiena nei campi di agrumi per riuscire a mangiare qualcosa e continuare la loro vita di stenti e fortune.

koa-bosco

Alcuni calciatori del Koa

E’ dopo il lavoro però che arriva la parte più bella della giornata: la sera. Ad allenarsi, a sfogare la rabbia, ma soprattutto la passione sul terreno di gioco. Via gli stivali da lavoro, è il momento delle scarpe coi tacchetti. Vecchie, consumate, ma quanto mai desiderate. Arrivano all’allenamento stravolti, ma fanno di tutto per essere nell’11 titolare. Il loro stadio, in senso lato, è la Piana di Gioia Tauro: arrivano da paesi come San Ferdinando, Rosarno, Palmi. Posti difficili in cui vivere, soprattutto se sei un immigrato e non hai un lavoro stabile. Si chiamanoKnights of the altar” (l’acronimo Koa è il nome della squadra di calcio, invece), i “Cavalieri dell’altare”, nome di un gruppo gospel composto da immigrati che, come il team sportivo, fa parte di “Uniti contro le frontiere”, progetto umanitario che include anche la formazione e l’alfabetizzazione.

Tutto nasce nel 2010, da un’idea di Don Roberto Meduri, sacerdote della parrocchia Sant’Antonio da Padova situata nella contrada Bosco di Rosarno: prima per quei ragazzi il pallone era solo un passatempo, un modo per ingannare il tempo quando non si lavorava. Ora è un vero e proprio impegno, giocano infatti in terza categoria. Lo scopo del progetto è quello di integrare i ragazzi africani nel tessuto sociale della zona, in attesa che trovino un impiego più soddisfacente e saldo.
L’allenatore è Domenico Mammoliti, allenatore di Gioia Tauro con diverse esperienze in panchina; il capitano invece, la guida tecnica in campo della squadra, è il 26enne senegalese Khadim Seye, che nel suo Paese ha anche collezionato qualche presenza con la nazionale Under 17 e ora è il capitano del Koa. La domenica si va a giocare in treno, poi a piedi fino al campo di gioco. Sempre più spesso però, qualche volenteroso mette a disposizione la propria macchina. Anche nell’organizzazione si è “squadra”.

Partita dopo partita, i giovani africani hanno preso consapevolezza dei propri mezzi, ormai si sentono a casa a scendere in campo con la maglia da calcio. Le divise sono gialle e nere, ricordano i colori dell’Africa, insieme al verde, il colore della Piana. Un modo per affrontare il razzismo, piaga sociale quanto mai estesa in Italia, guardarlo in faccia e sconfiggerlo attraverso l’integrazione e la speranza che si legge negli occhi di questi ragazzi. Un futuro migliore li attende, gli agrumeti e gli insulti, in quelle domeniche di calcio, sono un ricordo lontano.

Foto di Salvatore Colloridi

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA SCUOLA DELL’I CARE:
Dalla classe al patto formativo
Clap clap clap
Santi, Madonne e uso strumentale della fede
Elezioni a Ferrara: destra ferma ai voti del 2009, il Pd ha perso nelle roccaforti. Ora serve l’orgoglio della sinistra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi