Home > COMUNICATI STAMPA > Dal laboratorio all’impresa: Alga&Zyme Factory. La nuova start up di Unife per la Green Economy

Dal laboratorio all’impresa: Alga&Zyme Factory. La nuova start up di Unife per la Green Economy

da: ufficio Comunicazione ed Eventi Unife

Un incontro pubblico per presentare alla città Alga&Zyme Factory s.r.l., il nuovo spin off dell’Università di Ferrara nel campo della Green Economy, quello in programma mercoledì 15 ottobre alle ore 16.30, nella Sala Arengo del Comune di Ferrara (P.zza Municipale,2).
Relatrice dell’evento, promosso dal Soroptimist Club di Ferrara e introdotto da Francesco Di Virgilio, Delegato del Rettore per la ricerca e il trasferimento tecnologico, spin off e brevetti, sarà Simonetta Pancaldi, docente di Botanica del Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie di Unife, Responsabile Scientifico della nuova iniziativa imprenditoriale costituitasi il 14 maggio scorso.
Spiega Pancaldi, “ Alga&Zyme Factory è frutto del trasferimento tecnologico di ricerche scientifiche di eccellenza nell’ambito delle biotecnologie, che rivestono notevole interesse dal punto di vista economico ed ambientale. Il business, che si fonda sulla collaborazione di ricercatori delle Università di Ferrara (Dipartimento di Scienze della vita e biotecnologie) e di Pavia (Dipartimento di Biologia e biotecnologie), è finalizzato alla messa a punto di processi biotecnologici mediante l’impiego di microalghe e di enzimi cellulosolitici prodotti in piante di tabacco”
“Alga&Zyme Factory – prosegue Pancaldi – propone una filiera verde ben integrata tra le due scuole universitarie, che permette ad un tempo di abbattere il carico di azoto dei reflui zootecnici mediante l’impiego di microalghe autoctone (gruppo ferrarese) e di utilizzare enzimi cellulosolitici termostabili prodotti in piante di tabacco per migliorare ed accelerare la digestione di rifiuti organici contenenti cellulosa, favorendo così la produzione di biogas e bioetanolo (scuola pavese)”.
“L’impiego di ceppi selezionati di microalghe in condizioni adeguate di coltura – specifica Pancaldi – ha inoltre aperto la strada ad altre applicazioni che vanno oltre a quelle sulla fitodepurazione e che sfociano nella possibilità di produzione di biofertilizzanti, prodotti per la nutraceutica e la cosmeceutica, biocombustibili e bioplastiche. “
La Società, che ha già ricevuto importanti riconoscimenti in ambito nazionale per innovazione, fattibilità ed impatto, ha al suo attivo due brevetti e offre anche a partner industriali una piattaforma tecnologica innovativa per servizi ed attività di ricerca e sviluppo.
Sottolinea Carla Biondi, docente di Fisiologia di Unife e Presidente di Soroptimist Ferrara: “Collaboriamo da tempo e con importanti progetti con il mondo universitario, per sostenere e valorizzare la ricerca scientifica, tra cui vale la pena citare il Premio Soroptimist, istituito nel 1984 e destinato a giovani laureate presso l’Ateneo ferrarese. In perfetta coerenza con tale impegno, si colloca l’iniziativa di mercoledì 15 ottobre: daremo risalto, con la conferenza di Simonetta Pancaldi, al tema della tutela dell’ambiente, sempre più pressante di fronte al dissesto prodotto dalla travolgente e incontrollata industrializzazione moderna”.

Per maggiori dettaglio: s.pancaldi@algazymefactory.com

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi