14 Novembre 2021

Dalla tavola rotonda Cargofer:
“Un binario ecologico per ridurre l’impatto ambientale del traffico merci”

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 5 minuti

il treno di margherita binario

 

Tavola rotonda a Bondeno con la regia di Cargofer per lo sviluppo della Zona logistica semplificata

Un binario ecologico per ridurre l’impatto ambientale del traffico merci

“Un luogo magico” lo ha definito Ilaria Vesentini, giornalista del Sole 24 ore, introducendo gli ospiti della tavola rotonda attorno alla quale – nella suggestiva cornice della Sala Polifunzionale di Bondeno – si è ragionato di intermodalità nei trasporti come cardine di accesso alla mobilità ecologica. Il tema ha rilievo mondiale. Ma l’iniziativa bondenese è stata propiziata non da una multinazionale, bensì da una intraprendente azienda locale, Cargofer, che ha caparbiamente deciso di perseguire la via dei trasporti ecocompatibili, coniugando le esigenze aziendali al rispetto ambientale. Obiettivo: propiziare un futuro affrancato dagli elementi nocivi al nostro ecosistema.
“Cargofer ha una struttura che si sviluppa su 20 ettari ed è dotata di quattro chilometri di binari attrezzati per tutte le tipologie di trasporto. Per realizzare il nostro ambizioso progetto – ha spiegato l’amministratrice delegata Alice Pirani rivolgendosi agli imprenditori e ai politici presenti – è necessario promuovere una rete integrata. Obiettivo? In nove anni incrementare del 30 percento i volumi attuali. Lo vogliamo fare insieme?”, ha domandato ai colleghi presenti.

All’appello, rivolto alle aziende e ai decision maker presenti, hanno fatto eco ulteriori e puntuali considerazioni della moderatrice, Ilaria Vesentini: “La regione Emilia Romagna sta evolvendo rapidamente – ha sottolineato, a commento delle parole dell’amministratrice di Cargofer e introducendo gli altri ospiti -. Ancora oggi la maggioranza del trasporto merci viaggia via mare, ma per completare in maniera virtuosa il ciclo della distribuzione bisogna favorire l’intermodalità che però resta tuttora una chimera”.

Così sollecitato, per primo si è espresso l’assessore Andrea Corsini: “La strategia che la Regione Emilia Romagna sta definendo con imprenditori e stakeholder – ha affermato – tiene conto di questi obiettivi. Le risorse si possono ricavare dai fondi destinati al Pnnr per rinforzare e incentivare il trasporto merci su ferro. Già abbiamo messo a disposizione soldi per chi segue questa direttrice. Il passaggio alla logistica integrata è fondamentale. Si sta lavorando alla definizione delle filiere della Zona logistica semplificata, già oggi di 4.500 ettari, con la possibilità di incrementarla fino al tetto di 4.900 stabilito dalla legge. Confidiamo di arrivare a traguardo con l’approvazione del provvedimento in Consiglio regionale fra dicembre e gennaio. Sono convinto – ha concluso – che la fase che si è già aperta possa propiziare un grande rilancio della logistica sostenibile”.

Il sindaco di Bondeno, Simone Saletti, ha sottolineato come sia stato “decisivo l’intervento del Comune per ricomprendere la città nella Zls dalla quale il comune matildeo era inizialmente stato escluso. Il risultato è stato raggiunto grazie alla spinta congiunta del tessuto produttivo locale. Il nostro territorio ha voglia di riscatto e il Pnnr può essere il volano per il rilancio, ma va ripristinata la piena funzionalità della rete ferroviaria e sviluppata nel suo complesso la dotazione infrastrutturale”.

“Il metodo del confronto – ha poi sottolineato il presidente della Provincia, Nicola Minarelli – è fondamentale. A livello territoriale bisogna aggredire la crisi demografica, affrontare la tematica green a 360 gradi e favorire la nuova occupazione. Va sfruttata la nostra collocazione strategica di cerniera fra due assi nodali: quello fra il Brennero e il porto di Ravenna che si interseca sulla direttrice di scorrimento viario orientale fra nord e sud. Ma la fragilità di questo ragionamento – ha osservato puntuto Minarelli – è dato dall’incapacità dell’amministrazione comunale di progettare interventi ad ampio respiro”.

Per Gian Luigi Zaina, ferrarese, vicepresidente di Confindustria Emilia “il primo aspetto da considerare è la necessità di dare una direzione strategica alla nostra provincia. Popolazione e reddito delle imprese sono i primi parametri da tener monitorati. Osserviamo che l’agricoltura mantiene il fatturato ma riduce gli addetti. Il nostro deve diventare un vero comparto agroindustriale per poter in autonomia provvedere alla valorizzazione di un prodotto che resta povero – quando è venduto senza essere trasformato – ma che assume valore e diviene un prodotto ricco se lavorato in zona . In questa prospettiva anche l’aeroporto Marconi di Bologna sarebbe un importante hub da sfruttare per la commercializzazione. Sono sempre di più le aziende che operano nel settore della logistica, che si dimostra vera spina dorsale dell’industria: il caso Amazon lo testimonia in maniera eclatante. In quest’ottica – ha aggiunto Zaina – Bondeno può assumere una centralità, con un raggio d’azione da Brescia a Ravenna. E anche la catena del ferro, del grano e di altri prodotti fondamentali può beneficiarne. Ma c’è la necessità di sviluppare l’industria della trasformazione e di creare una filiera per il prodotto locale – sfruttando il Pnnr – per fare economia di scala”.

“Il fatto che Ferrara in questi anni abbia ottenuto risultati importanti – secondo Davide Bellotti di Cna – non è casuale, ma frutto di programmazione. La crescita della popolazione universitaria può accompagnare il consolidamento di questa tendenza e garantire il rinnovamento degli assetti di vertice, valorizzando ciò che è già stato fatto e incrementando ancora la produttività”.

In chiusura, Alice Pirani ha sottolineato “la necessità di fare squadra fra tutti i soggetti che hanno ruoli attivi e ha segnalato la difficoltà per ‘l’ultimo miglio’ delle consegne: i costi aumentano – a partire dal gasolio – e sono difficili da comprimere. Noi, come Cargofer, possiamo essere retroporto e agevolare le imprese per spedire e ricevere, ma non possiamo restare slegati dalle infrastrutture che garantiscono i collegamenti: non possiamo lavorare con profitto se restiamo entità staccate, ma dobbiamo coordinarci fra di noi”.

(Sergio Gessi, addetto alla comunicazione dell’evento)



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi