Home > COMUNICATI STAMPA > Dalle Marche al Nord Est, il Gruppo Hera è al “Top”

Dalle Marche al Nord Est, il Gruppo Hera è al “Top”

da: ufficio stampa Hera

Marche Multiservizi, controllata dal Gruppo, vince il premio come migliore utility italiana. Hera, invece, quest’anno si aggiudica il riconoscimento nel campo della formazione e delle risorse umane.

Due premi, un solo Gruppo. Il Top Utility “assoluto”, premio annuale dedicato all’eccellenza delle utility italiane, è andato quest’anno a Marche Multiservizi, società controllata dal Gruppo Hera che opera nella provincia di Pesaro-Urbino. Hera, invece, si aggiudica quest’anno il riconoscimento per l’ottimo operato nell’ambito della formazione aziendale e risorse umane. I premi sono stati consegnati questa mattina a Roma, nell’ambito di un convegno dal titolo “La trasformazione delle utility nell’Italia che cambia”.

Top Utility, centro di ricerca indipendente che pubblica questi studi da 4 anni, analizza le 100 maggiori utility italiane. Nel 2014 queste hanno fatturato circa 120 miliardi di euro rappresentando il 7,4% circa del Pil italiano e dando lavoro a 131 mila persone. Nell’insieme, coprono il 56% dell’energia elettrica generata in Italia (dati Aeegsi), il 35% dei rifiuti urbani raccolti (dati Ispra) e il 63% dell’acqua distribuita (dati Istat). Le classifiche stilate nelle diverse categorie si sono basate su 186 indicatori. E l’algoritmo risultante, valutato da un comitato scientifico composto da docenti universitari, ha permesso di creare il ranking delle Top Utility.

Marche Multiservizi, controllata dal Gruppo Hera, opera nella gestione del ciclo idrico integrato, dei servizi di igiene ambientale e nella distribuzione del gas metano. È la “Top Utility” di quest’anno, premiata “per il costante impegno nel raggiungimento di performance di eccellenza – si legge nella motivazione – nel complesso delle funzioni aziendali e delle attività sul territorio”. Marche Multiservizi costituisce la prima multiutility delle Marche sia per volume d’affari che per dimensioni industriali e la prima fusione a livello regionale tra aziende operanti nel settore dei servizi pubblici locali.

Hera, invece, che ha già vinto negli anni sia il premio come migliore utility che vari riconoscimenti in altre categorie, quest’anno è prima nella classifica dedicata alle attività di formazione, training e attenzione alle risorse umane. Complessivamente, il Gruppo Hera ha erogato nel 2015 circa 262 mila ore di formazione, con ben 31,4 ore pro capite, coinvolgendo il 99% del personale (compresi i dipendenti nel Triveneto di AcegasApsAmga e nelle Marche). Dati che mettono, appunto, Hera ai primissimi posti nazionali, visto che secondo il rapporto Top Utility la media nazionale si ferma a 14,2 ore per lavoratore con un coinvolgimento del 76%.

Per la multiutility, infatti, il capitale umano è considerato la risorsa principale, con la quale condividere i valori distintivi della cultura aziendale e la formazione riveste un ruolo fondamentale come fattore indispensabile per l’evoluzione e lo sviluppo professionale delle persone e, quindi, per la crescita globale del valore dell’impresa.
A tal fine è stata creata dal 2011 HerAcademy, la Corporate University del Gruppo, con l’obiettivo di sviluppare ulteriormente competenze e comportamenti di eccellenza, confrontandosi con le migliori esperienze di successo con il contributo di importanti realtà accademiche territoriali e il coinvolgimento degli stakeholder. La corporate university è integrata con i processi formativi, i quali sono caratterizzati da elevati standard qualitativi e si rivolgono a tutti gli 8.500 dipendenti attraverso la programmazione di attività formative che utilizzano, inoltre, risorse interne per circa il 40% delle docenze. Quindi, sono gli stessi dipendenti del Gruppo che mettono a frutto le competenze acquisite e i valori aziendali per condividerli al proprio interno.
Il sistema formativo di Hera coinvolge tutti i livelli: dai neoassunti ai profili manageriali, fino al personale operativo, che partecipa a progetti ad hoc come la “Scuola dei Mestieri”, focalizzato sul passaggio di conoscenze tecniche tra gli operatori. Infatti, fin dalla sua nascita il Gruppo ha sentito l’esigenza di sistematizzare in 15 “Quaderni di Mestieri” (oggi disponibili anche in digitale) le competenze distintive dei diversi mestieri operativi caratteristici dell’azienda, da chi raccoglie i rifiuti a chi allaccia nuovi contatori. Dal 2011, inoltre, sono state avviate delle comunità di pratica per famiglie professionali e tematiche, con l’utilizzo di wiki e di forum su una piattaforma digitale aziendale: l’obiettivo è aggiornare e trasmettere il “saper fare” tra colleghi che si occupano delle stesse attività, favorendo il dialogo al di là del ruolo e dell’età. E anche manager e top manager prendono parte e contribuiscono ad alcune comunità tematiche, come quella sull’energy management in cui interagisce direttamente l’Amministratore Delegato.

Infine, Il Gruppo ha definito una strategia organica di rapporto con il sistema educativo – Hera Educational – attraverso lo sviluppo di un modello per la gestione di percorsi di alternanza scuola-lavoro (in partenza nelle prossime settimane con 180 percorsi di alternanza e stage estivi in 3 anni) e la realizzazione dell’iniziativa “Hera ti insegna un mestiere” basata sulla co-progettazione e realizzazione di percorsi didattici presso istituti tecnici del territorio di riferimento.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi