Home > AVVENIMENTI > IL FATTO > IL FATTO
Dall’emergenza smog alla svolta ecologica: grande Ztl e pedonalizzazione di largo Castello

IL FATTO
Dall’emergenza smog alla svolta ecologica: grande Ztl e pedonalizzazione di largo Castello

ferrara-mappa

Ampliamento della Ztl e pedonalizzazione del tratto stradale Giovecca-Cavour in prossimità del castello Estense. Anche l’emergenza smog spinge nella direzione di una svolta ecologica. E in tema di vivibilità urbana, nella conferenza stampa di fine anno sindaco e giunta hanno fornito indicazioni chiare e condivisibili. L’idea di allargare la Ztl dall’area dell’antico ‘castrum’ al Castelnuovo, attraverso un ampliamento che ingloberà la zona compresa fra via Mayr e via Baluardi consente di dare vivibilità e respiro a una porzione storica della città (quella del primo insediamento abitativo) e riprogettare tutto un vasto e pregevole comparto che necessità di essere riqualificato. In programma per il 2016, infatti, c’è già la risistemazione di via Saraceno, mentre nel 2017 si prevede la riapertura dell’ex teatro Verdi che, secondo gli auspici di molti, diverrà una piazza coperta polifunzionale nella quale potrebbero trovare spazio fra gli altri i laboratori per il turismo sostenibile e la mobilità ciclabile.

Ma particolarmente attesa è la soluzione al nodo cruciale della mobilità del centro, a ridosso del più insigne monumento estense, il castello, ora lambito da un continuo transito veicolare sul lato nord. L’idea di introdurre un senso unico di marcia lungo l’asse viario che va dal montagnone alla stazione non convince: non eliminerebbe il passaggio delle automobili né l’inquinamento e non garantirebbe neppure significativi benefici agli automobilisti, poiché il senso unico di marcia comporterebbe comunque soste e rallentamenti in prossimità di incroci e semafori.

Spezzare invece il passaggio, verosimilmente fra Palestro e via Armari, garantirà respiro e decoro all’area monumentale e ricucirà la cesura fra la parte medievale e quella rinascimentale costituita dall’addizione erculea, ridando a tutti gli effetti al castello la sua antica centralità. Anche corso Ercole d’Este godrà di nuova bellezza, integrandosi perfettamente nel piano urbano del nucleo integralmente pedonalizzato.
Al riguardo c’è l’esigenza che davvero vengano ridotti i permessi di transito in Ztl e aboliti parcheggi e stalli di taxi e privati.
In proposito, a tutela dei portatori di handicap, un’idea potrebbe essere quella di una convenzione con la Curia, che dispone di un ampia area di sosta interna, in gradi di ospitare un’ottantina di vetture [leggi], per mettere a disposizione dei disabili un adeguato numero di posteggi, tali da garantire lo stazionamento in luogo nascosto alla vista, ovviando all’attuale indecente spettacolo dei veicoli che ogni giorno sostano lungo tutto l’asse di corso Martiri. Potrebbe essere la soluzione che concilia la salvaguardia del contesto architettonico e la tutela dei diritti.

Quanto ai prevedibili disagi per gli automobilisti in seguito all’interruzione del transito in prossimità del castello – preventivata dal sindaco, ma non ancora deliberata – si potranno in parte limitare i problemi con un’attenta riorganizzazione della viabilità anche nelle strade laterali di collegamento a Giovecca e Cavour, oltre che sugli assi esterni.
Una soluzione integrativa potrebbe essere quella di potenziare la rete delle bici pubbliche (e gratuite) in prossimità dei grandi parcheggi, a vantaggio di tutti coloro che arrivano in città. Si garantirebbe così l’attraversamento ecologico del centro, con beneficio per polmoni e portafogli. E sarebbe una misura a basso impatto e a basso costo anche per l’Amministrazione, alternativa a un oneroso rafforzamento della rete dei bus. Meglio dunque promuovere e incentivare la mobilità a due ruote, in sintonia con la vocazione cittadina.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Potere al Popolo pensa alle Regionali e intanto si insedia in Gad. I militanti: “Spazio aperto a tutti”
“Elogio della democrazia” l’ultima conferenza ferrarese di Remo Bodei, il filosofo che coniugò ragione e passione: il video integrale
I giorni dell’abbandono: pensionati in piazza per difendere la propria dignità
Ferrara-Antica
DIARIO IN PUBBLICO
Ferrara e quel fervore d’arte e di cultura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi