Home > ALTRI SGUARDI > Dall’unione civile al matrimonio, la cattolicissima Irlanda al voto per i diritti omosessuali

Dall’unione civile al matrimonio, la cattolicissima Irlanda al voto per i diritti omosessuali

irlanda-omosessuali
Shares

DUBLINO – Tempo di referendum, si respira un aria frenetica in Irlanda. Difficile fare due passi senza che un attivista ti fermi per una chiacchierata o per porgerti un volantino od una spilla da suffragetta. Locali da ballo organizzano serate a tema, alberghi e hotel mettono a disposizione le loro halls per convegni e dibattiti, per radio non si parla d’altro. Domani (22 maggio) la popolazione è chiamata alle urne per modificare la Costituzione. “To make a long story short”, o per farla breve, se dovesse passare il “si” due persone dello stesso sesso potranno sposarsi civilmente – contrarre ufficialmente matrimonio – ed essere coperti dagli stessi diritti costituzionali di una coppia eterosessuale.
L’Irlanda ha già introdotto una forma di unione civile per coppie omosessuali nel 2010 (Civil partnership) per cercare di dare un’accenno di prima protezione giuridica ad unioni tra individui dello stesso stesso.
La comunità Lgbt ha tuttavia, e fin da subito, contestato alcuni punti oscuri di questa normativa. In particolare il fatto che i diritti acquisiti attraverso l’unione civile disciplinata cinque anni fa, non fossero “costituzionalmente garantiti” – solo i diritti acquisiti dal matrimonio hanno copertura costituzionale – e di conseguenza, eventualmente modificabili per legge ordinaria dal partito o coalizione che si dovesse trovare al governo in futuro. Insomma, il sospetto di poter divenire argomento di dibattito elettorale , o peggio, voto di scambio. La Costituzione e invece modificabile solo tramite referendum popolare. E ancora, una modifica costituzionale deve prima essere dibattuta e approvata da entrambe le Camera del Parlamento, e una volta approvata a maggioranza popolare, firmata da Presidente della Repubblica. Un iter abbastanza complesso.
irlanda-omosessuali1
Insomma, sul tema la parola passa ai cittadini. La cattolicissima Irlanda diventerà – oppure no – l’ennesimo Paese a garantire matrimoni tra coppie dello stesso sesso in Europa dopo Uk, Lussemburgo, Francia, Danimarca, Islanda, Spagna, Portogallo, Svezia, Norvegia, Belgio, Olanda? Dal canto suo il governo non sembra volere mettere il bastone tra le ruote, l’impressione e che l’esecutivo di Enda Kenny del Fina Gael – partito che potremmo definire di area democristiana e considerato più spostato a destra in rapporto ai diretti rivali del Fianna Fáil – sia fondamentalmente favorevole alla riforma. Pubblicità governative campeggiano sui muri: “Non importa come voterai, l’importante e che tu vada a votare” oppure “Fai sentire la tua voce”.
I canali di Stato danno ampio spazio all’argomento con pubblicità informative e Talk show serali. Il ministro della Sanità, Leo Varadkar – omosessuale dichiarato – si e pubblicamente espresso a favore del “si”, con l’intenzione di rassicurare i cittadini che questa modifica costituzionale non porterà a nessuna “rivoluzione” nella società irlandese, alquanto tradizionale, cattolica e basata sul matrimonio. Anche l’ala della sinistra e radicale e apertamente favorevole al sì, in testa Sinn Fein e Labour che invitano i loro elettori ad approvare i cambi costituzionali proposti dal referendum.

Sul fronte del “no” si posizionano ufficialmente due delle quattro maggiori Chiese d’Irlanda: la Chiesa Cattolica , con tutti I vescovi sul territorio contrati ai cambi constituzionali, e la Chiesa Presbiteriana che tramite una nota ufficiale conferma la sua visione del matrimonio come istituzione siglata solamente tra uomo e donna. Poster, volantini e informazioni porta a porta sono invece organizzati dal gruppo “Mothers and Fathers matters”, appositamente creato per fare campagna al “no” sul referendum. L’argomentazione è basata sulla salvaguardia della famiglia tradizionale come unica famiglia. Ed il fatto che, se dovesse passare il si, le coppie omosessuali che contraggono matrimonio avrebbero estattamente gli stessi diritti all’adozione della coppia eterosessuale. L’accento è posto sul bambino, che necessiterebbe di crescere con una coppia eterosessuale, e con chiare figure di madre e padre. Altri dubbi sono relativi alle modifiche delle nozioni di educazioni civica che una vittoria del “si” comporterebbe nelle scuole – diventando a questo punto il matrimonio un’istituzione tra individui indipendentemente dal sesso, e legittimando questo concetto agli occhi delle nuove generazioni.

Gli ultimi polls organizzati dai maggiorni quotidiani (The Guardian, Irish Times, Irish Examiner) danno al “si” un vantaggio consistente e, anche se piu cautamente negli ultimi giorni, danno la vittoria come cosa fatta.
L’impressione e che il movimento del sì possa fare il pieno nei centri urbani, dove e impossibile non notare il gran numero di persone che esibiscono sul petto la spilla “yes equality”, esprimendo e supportando pubblicamente la loro intenzione di voto. Rimane tuttavia l’incognita dell’Irlanda rurale, tradizionale e cattolicissima, grande serbatoio del voto ‘democristiano’, piu restia ai cambiamenti e ancorata alle tradizioni.

Comunque vada, e comunque la si pensi sull’argomento, la piccolo Irlanda si pone su questa tematica come un gigante di democrazia, dimostrando la maturità necessaria per dare voce ai suoi cittadini, decidendo di fare orecchie da mercante ai moniti di uno dei sue due Re, quello che siede sul trono di Pietro, lasciandolo sì alla guida di faccende spirituali, ma prendendo in mano le proprie decisioni politiche e civili.

Per maggiori informazioni sul fronte del “NO” : http://mothersandfathersmatter.org/

Per maggiori informazioni sul fronte del “SI” : https://www.yesequality.ie/

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Gli amanti delle sei
Ultimi bagliori degli Anni Dieci
PER CERTI VERSI
La canzone del Principe /2
Ferrara tiene accesa la luce sui diritti umani

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi