Giorno: 9 Maggio 2016

Terremoto: Coldiretti, bene proroga lavori per Aziende Agricole

da: ufficio stampa Coldiretti Emilia-Romagna

Soddisfazione per la proroga al dicembre 2018 della conclusione dei lavori e la rendicontazione delle spese per le aziende agricole danneggiate dal sisma del maggio 2012. È quanto ha espresso Coldiretti Emilia Romagna nell’apprendere la notizia diffusa dal Presidente regionale Stefano Bonaccini.

“La proroga per consentire alle aziende di concludere i lavori e presentare la rendicontazione – ha detto il presidente regionale, Mauro Tonello – è una risposta positiva a quanto Coldiretti aveva chiesto nella manifestazione del 28 aprile al Paladozza di Bologna, alla quale avevano partecipato più di 7.000 coltivatori, davanti ai quali il presidente Bonaccini si era impegnato per una positiva risoluzione”. Con la proroga – commenta Coldiretti Emilia Romagna – c’è la possibilità di attivare tutte le misure necessarie per completare l’opera di ricostruzione di strutture aziendali che permetteranno di ritornare alla piena attività agricola in uno dei territori più produttivi dell’agricoltura emiliano romagnola.

Oggi a Comacchio si è tenuto il Tavolo del Turismo

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

Nel corso dell’odierno incontro del Tavolo del Turismo sono stati affrontati temi di primo piano, particolarmente sentiti tanto dall’Amministrazione Comunale, quanto dagli operatori, primo fra i quali la sicurezza ed il decoro del retro-spiaggia dei lidi.  Il Sindaco Marco Fabbri ha invocato una maggiore sensibilizzazione da parte degli associati, al fine di impedire l’abbandono indiscriminato di rifiuti nelle aree limitrofe alla spiaggia, ricordando che la violazione a carico di titolari di imprese comporta una denuncia penale e non una semplice sanzione amministrativa. Il Sindaco ha poi confermato la volontà di incidere rispetto al fenomeno della micro-criminalità, estendendo l’impianto di illuminazione pubblica dal retro-spiaggia del Lido di Spina ai suoi vialetti di accesso.
Il fenomeno dell’abusivismo commerciale è stato oggetto di un lungo confronto ed approfondimento in Sala Consiglio, con l’intervento tecnico del Comandante del Corpo di Polizia Municipale, Paolo Claps. “Quest’anno riusciremo a potenziare i servizi di prevenzione e di contrasto all’abusivismo – ha sottolineato il Sindaco Marco Fabbri -, incrementando le risorse disponibili. Arriveremo a 20 unità durante la stagione estiva, rispetto alle 11 dello scorso anno. Gli sforzi compiuti dall’Amministrazione Comunale – ha aggiunto il Sindaco – sono anche indirizzati a sostenere il Posto Fisso dei Carabinieri del Lido delle Nazioni, con costo utenze ed affitto a nostro carico.” Il Sindaco ha poi spiegato al Consigliere Davide Michetti, esponente della minoranza al tavolo del Turismo, che la convocazione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica compete alla Prefettura di Ferrara e non all’Amministrazione Comunale, non tenuta ad entrare nel merito dei destinatari della stessa, i cui componenti sono previsti per legge. Il Sindaco, prima di lasciare la parola ai rappresentanti delle associazioni di categoria e degli stabilimenti balneari, ha confermato la prosecuzione di una serie di attività e di interventi mirati a contrastare la piaga dell’abusivismo, dal progetto “Un mare di legalità”, coordinato dalla stessa Prefettura di Ferrara, sino alla recente proposta con manifestazione di interesse per una convenzione pubblico-privata, volta alla fruizione di aree di arenile privato, oggetto di degrado. Alla luce della positiva sperimentazione compiuta su un tratto di spiaggia privata del Lido delle Nazioni, dove l’insediamento di un’attività turistica stagionale ha prodotto benefici, fungendo anche da deterrente rispetto ai mercatini abusivi in spiaggia, l’Amministrazione Comunale punta a replicare il medesimo modello in altri punti della costa.  Il Comandante del Polizia Municipale Paolo Claps ha evidenziato che “Il fenomeno dell’abusivismo non riguarda solo l’arenile, ma anche le aree mercatali e i luoghi del passeggio serale. Il gazebo che a rotazione presidia tratti di arenile più esposti al fenomeno composta sistematicamente l’impiego di quattro operatori per ogni turno.” Anche per questa stagione balneare proseguiranno gli interventi interforze, con dispiego di tutte le risorse e dei mezzi disponibili. Al suggerimento lanciato da Marco Magnani, Presidente della Cooperativa degli stabilimenti balneari dei Lidi Estensi e Spina, per individuare merce abusiva e/o contraffatta all’interno degli appartamenti presi in affitto dagli stessi venditori abusivi, il Comandante Paolo Claps ha spiegato che il domicilio è un diritto costituzionalmente garantito, mentre l’accesso alla proprietà privata può avvenire solo in possesso di un mandato di perquisizione o di ispezione (per sospetta presenza di armi, droga o esplosivi) e non per altre circostanze. Sono intervenuti anche Gianfranco Vitali e Massimo Cestari (rispettivamente presidente e consigliere dell’Ascom di Comacchio), Luigi Bertoncelli (Presidente del consorzio del Lido degli Estensi) Nicola Bocchimpani (presidente Asbalneari dei Lidi Nazioni-Pomposa e Scacchi), Luca Callegarini e Roberto Bellotti (rispettivamente funzionario provinciale e presidente locale di Confesercenti). Il Sindaco Marco Fabbri ha consegnato infine agli intervenuti il calendario dei campionamenti a mare che saranno effettuati dall’Arpae a cadenza bi-settimanale dal 30 maggio prossimo, sottolineando che l’adozione di un’ordinanza di chiusura temporanea della balneazione, qualora si dovesse riscontrare lo sforamento dei parametri previsti, NON E’ UN ATTO DISCREZIONALE DEL SINDACO, MA OBBLIGATORIO PER LEGGE. A Marco Magnani, Presidente della Cooperativa degli stabilimenti balneari dei Lidi Estensi e Spina, sono state fornite informazioni circa i tempi calendarizzati dalla Regione Emilia Romagna per il ripascimento dell’arenile del Lido di Spina. Salvo imprevisti, il termine dei citati lavori è previsto per il 25 maggio prossimo. Un ulteriore argomento di confronto ha riguardato il Lido di Volano ed il contenzioso in atto tra la Provincia di Ferrara ed un privato assegnatario di un’area sulla quale non potrà essere realizzato un campeggio, cosa che al momento impedisce all’Amministrazione Comunale di poter intervenire. Rispetto al camperismo abusivo, fenomeno a più riprese riscontrato in un’area di parcheggio del retro-spiaggia del Lido di Volano, il Comandante della Polizia Municipale Paolo Claps ha spiegato che non possono essere adottate ordinanze per interdire la sosta dei veicoli nell’area in questione. Ha tuttavia assunto l’impegno ad effettuare un sopralluogo per verificare se possano essere inseriti dispositivi in grado di scoraggiare il camperismo. Un aggiornamento sull’avvio della fase di pre-esercizio della nuova Ztl del centro storico, con il controllo elettronico dei varchi, è stato l’ultimo punto all’ordine del giorno.
Hanno partecipato all’incontro del Tavolo del Turismo anche il Vice Sindaco Denis Fantinuoli, l’Assessore al Turismo Sergio Provasi ed il Dirigente del Settore Turismo e Cultura Roberto Cantagalli.

Quanto cresce in Emilia Romagna la cantina dei vini salvati dall’oblio

da: ufficio stampa Coldiretti Emilia Romagna

Cibus: domani 10 maggio dalle ore 10.00 presso le Fiere di Parma – padiglione 7 stand 063.
In mostra i vini ottenuti da vitigni che hanno rischiato di scomparire.

A fianco dei vini più famosi, come Sangiovese, Lambrusco, Gutturnio, Albana, negli ultimi anni in Emilia Romagna hanno cominciato a fare la loro comparsa una serie di vini i cui nomi erano noti solo agli esperti o ai più anziani. Si tratta di vini che hanno rischiato di sparire perché poco produttivi o perché difficili da coltivare e vinificare, ma che adesso sono in crescita costante nel vigneto dell’Emilia Romagna.

Coldiretti Emilia Romagna domani, martedì 10 maggio a partire dalle ore 9.00 presenterà a Cibus, padiglione 7, stand 63, la “Cantina dei vini salvati dall’oblio” che stanno conquistando il favore dei consumatori. Si tratta di vini strettamente legati al territorio dell’Emilia Romagna, che sono stati salvati grazie alla cura di ricercatori e viticoltori che li hanno recuperati e riportati alla produzione.

Sempre domani, alle ore 11.00 nello stand di Coldiretti ci sarà il taglio di una forma di Parmigiano di Vacche Rosse reggiane dell’azienda Grana D’Oro, mentre alle 12,30 si svolgerà un cooking show a base di riso italiano e basilico aromatico curato dall’agrichef Carlo Pontini dell’agriturismo Casa Nuova di Rivergaro (Piacenza), presidente di Terranostra Emilia Romagna.

Proseguirà l’asta del Parmigiano Reggiano dell’azienda Bonat il cui ricavato sarà destinato in beneficenza per sostenere nelle aree più povere del mondo 38 interventi di agricoltura familiare a favore di 114.248 famiglie di contadini promossi da Focsiv, la Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario.

Alle ore 13.00, allo stand Coldiretti i presidenti provinciali dell’associazione pensionati Coldiretti dell’Emilia Romagna, incontreranno la giunta nazionale dell’associazione, guidati dal presidente Giorgio Grenzi e il consigliere ecclesiastico nazionale di Coldiretti don Paolo Bonetti.

L’attività di Coldiretti a Cibus 2016 può essere seguita su facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/coldirERcibus.

 

Ricostruzione post sisma imprese agricole, via libera dall’Ue per proroga a dicembre 2018. Bonaccini: “Un’ottima notizia. Governo e Regione hanno fatto un buon lavoro”

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Bruxelles autorizza la proroga per concludere i lavori e per presentare la rendicontazione delle spese. I dettagli operativi saranno definiti in una prossima ordinanza del commissario per la Ricostruzione.

Bologna – Ci sarà più tempo, circa due anni in più, per la ricostruzione delle imprese agricole dell’Emilia danneggiate dal sisma del 20 e 29 maggio 2012.

È questo, in sintesi, quanto stabilito dalla Commissione europea che ha deciso la proroga  fino al 31 dicembre 2018 dei termini per il pagamento di aiuti compensativi per le regioni Emilia-Romagna e Lombardia. La decisione, del 4 maggio scorso, è arrivata questa mattina da Bruxelles con una comunicazione ufficiale della rappresentanza permanente Ue indirizzata al Governo, al ministero delle Politiche agricole e al ministero degli Esteri.

É la prima volta – commenta il presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario per la Ricostruzione, Stefano Bonaccini che l’Unione europea concede una proroga che vada oltre i 4 anni per i benefici fiscali e legati agli adempimenti per i risarcimenti. Un risultato ottenuto anche grazie al lavoro del Governo e all’efficacia del nostro operato. Dunque, andremo alla fine del 2018, e questa è una boccata d’ossigeno vitale per gli imprenditori agricoli impegnati nella ricostruzione delle proprie imprese danneggiate dal sisma“.

Le imprese agricole emiliane danneggiate avranno esattamente un anno e 7 mesi in più per concludere i lavori e per presentare la rendicontazione delle spese. Una precedente proroga aveva già spostato i termini a fine maggio 2017; ora con questa nuova concessione sono stati riconosciuti ulteriori 19 mesi complessivi, portando le proroghe a 2,5 anni totali rispetto a quanto previsto normalmente dagli orientamenti sugli aiuti di stato in agricoltura.

Nelle prossime settimane il commissario Bonaccini dovrà, alla luce di questa novità, emanare un’apposita ordinanza per fissare modi e tempistiche che regolino nel dettaglio la ricostruzione delle imprese agricole.

Mercoledì 18 maggio lo spettacolo “Frankenstein” al cinema in diretta dalla Royal Opera House

da: ufficio stampa QMi

La nuova attesa produzione di balletto della Royal Opera House sarà proiettata live a Ferrara  presso la Multisala Apollo e Uci Cinemas Ferrara.

La danza della Royal Opera House di Londra arriva nelle sale di tutta Italia con la prima mondiale diFrankenstein, il capolavoro gotico di Mary Shelley che saràproiettato in diretta dal prestigioso teatro inglesemercoledì 18 maggio alle 20:15 distribuito daQMI/Stardust.

Il celebre romanzo dell’autrice britannica si trasforma in balletto nella nuova produzione del Royal Ballet, firmata dal giovane e talentuoso coreografo Liam Scarlett e conLaura Morera, Federico Bonelli e Steven McRae nei ruoli dei protagonisti. Scarlett ha scelto il compositore Lowell Liebermann perché componesse una musica nuova, creata ad hoc per il suo inedito, appassionante balletto.

“La maggior parte delle persone ha una visione molto preconcetta di Frankenstein – racconta il coreografo – e non molti conoscono la storia in profondità. Io vedo la creatura di Mary Shelley come un bambino: non può parlare, non sa camminare ed è alla ricerca di qualcuno che lo guidi e lo ami. E’ una creatura vulnerabile abbandonata da suo “padre”, e quello che innesca la terribile catena di eventi della storia non è altro che la sensazione molto umana di sentirsi mancare la terra sotto i piedi”.

La ROH Live Cinema Season permette al pubblico di tutto il mondo di assistere nella sala cinematografica più vicina a casa ai prestigiosi spettacoli in scena al Covent Garden. In Italia, ladistribuzione della stagione live al cinema è a cura di QMI Stardust. Le proiezioni nei cinema sono arricchite da interviste e filmati dietro le quinte dei protagonisti della Royal Opera House e l’interazione con gli spettatori continua grazie al live twitting sul grande schermo.

 

Costo biglietto: 15-10 euro

Per l’elenco completo dei titoli e delle sale coinvolte: www.rohalcinema.it

Cibus: partita l’asta Parmigiano Reggiano Extravecchio per sostenere l’agricoltura familiare nei paesi poveri

da: ufficio stampa Coldiretti Emilia Romagna

Raccolti già 500 euro nella prima asta, che proseguirà nei prossimi giorni.

Parmigiano Reggiano extravecchio (3, 5, 15 anni) è stato messo oggi all’asta a Cibus per raccogliere fondi a favore delle imprese familiari dei Paesi poveri. L’iniziativa si è svolta allo stand di Coldiretti subito dopo l’apertura di una forma del Re dei Formaggi. Nella prima asta sono stati raccolti già 500 euro per i primi tagli di Parmigiano Reggiano extravecchio.

Messo a disposizione dall’azienda agricola Bonat, il Parmigiano Extravecchio sarà messo all’asta tutti i giorni presso lo stand 63 del padiglione 7 e il ricavato verrà destinato in beneficenza per la quattordicesima Campagna nazionale “Abbiamo RISO per una cosa seria” della Focsiv la Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario, a favore dell’agricoltura familiare in Italia e nel mondo. La campagna è promossa insieme con Coldiretti e Fondazione Campagna Amica e con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole e forestali.

Si tratta di un grande progetto che sostiene in Italia il villaggio solidale, realizzato insieme con Coldiretti in Puglia, per dare ospitalità agli immigrati sottraendoli allo sfruttamento del caporalato tramite regolare contratto per la raccolta del pomodoro in imprese agricole Coldiretti, e 38 interventi nelle aree più povere del mondo a favore di 114.248 famiglie contadine.

La raccolta di fondi con Parmigiano Extravecchio potrà essere seguita su facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/coldirERcibus

Con la fase due della dichiarazione precompilata, continua la campagna di comunicazione dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna

da: Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale di Ferrara

Prosegue con una nuova serie di appuntamenti la campagna di comunicazione dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna sulla dichiarazione dei redditi 2016, che dal 2 maggio è entrata nel vivo: è ora possibile, infatti, modificare e inviare la dichiarazione direttamente on line.  Nei nuovi interventi in tv e alla radio i funzionari dell’Agenzia spiegano come farlo, quali sono le agevolazioni fiscali più comuni, come risolvere i dubbi più frequenti.

Gli appuntamenti in tv e alla radio. Si inizia il 9 maggio, con un appuntamento quotidiano su TeleEstense (canale 16) tutti i giorni fino al 15 maggio alle 19 e in replica alle 22.45. L’approfondimento prosegue su 7Gold, all’interno di Aria Pulita, il 10 e il 17 maggio a partire dalle ore 8.30. L’11 maggio è la volta di Radio Icaro, dalle 9, con l’intervento in diretta di un funzionario dell’Agenzia delle Entrate. Dal 16 al 21 maggio l’informazione fiscale passa su Telesanterno (canale 18), alle ore 20:55, e su Teleferrara Live (canale 188) alle 21.25. Infine, per i contribuenti ferraresi sarà possibile anche ascoltare in radio tutti i suggerimenti dell’Agenzia a proposito della dichiarazione precompilata, su RadioSound Ferrara a partire dal 16 maggio, alle ore 11.45.

La web-radio. Da qualche settimana è on air la nuova web-radio dell’Agenzia delle Entrate Emilia-Romagna, all’indirizzo https://www.spreaker.com/user/agenziaentrateemiliaromagna, con le prime sette puntate interamente dedicate alla dichiarazione dei redditi 2016.

Gli incontri in quartiere. Dal web al faccia a faccia: proseguono gli incontri di quartiere a Bologna (12, 19, 24 maggio) e nelle province dell’Emilia-Romagna, con i prossimi appuntamenti a Carpi il 10 maggio, a Vignola l’11, a Parma il 24 e 25 maggio.  Il calendario degli incontri è disponibile sul sito internet regionale http://emiliaromagna.agenziaentrate.it

L’assistenza in ufficio.  Attivo in tutti gli uffici delle Entrate uno specifico servizio di assistenza per i contribuenti che hanno bisogno di chiarimenti sulla dichiarazione dei redditi. Da quest’anno il servizio riguarda sia il modello  730, sia il modello Unico Persone Fisiche. I funzionari sono a disposizione dei contribuenti per fornire l’assistenza necessaria, mentre l’invio va comunque effettuato on line oppure tramite un intermediario (es. CAF, professionisti abilitati).

 

 

L’Alberti e la riscoperta di Luciano: il Momus

da: Istituto di Studi Rinascimentali

Un Convegno Internazionale il 13 e il 14 maggio 2016 presso il Palazzo Bonacossi a Ferrara.

All’«hostinato rigore», da Leonardo trascelto per proprio motto, gli uomini del Rinascimento aggiunsero a mo’ di pendant il «serio ludere», ossia un’invito al «giocar seriamente». Caro ai più diversi autori – dall’Alberti e dal Castiglione a Tommaso Moro, Michel de Montaigne e Blaise de Vigenère –, e di ben altra portata rispetto al metodo dei «serious games» sviluppatosi a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, la tradizione del «lusus serius» fa leva sulla rilettura di taluni classici, in primis Luciano di Samosata e Apuleio, e impregna di sé non meno l’umanesimo letterario che le arti dell’Età del Rinascimento. Essa si esprime non solamente nelle Facezie, uno dei cui maestri è stato Poggio Bracciolini, ma altresì nei libri d’emblemi e nelle opere a sfondo politico; tant’è che lo scherzo cela sovente un proposito polemico, laddove un tono leggero, ovvero umoristico, può far luce su tutta una problematica sociale. Un delicato equilibrio s’instaura allora tra leggerezza e gravità, ironia e ideologia, humour e melanconia, comicità ed etica. In concreto, si tratta non soltanto di trattare un argomento serio in modo spassoso, per esempio divulgando la filosofia (neo-)platonica, ma anche, e più finemente, di riconoscere al «divertente» una valenza conoscitiva.
Alcuni degli aspetti di tale impegnativa tematica vengono ora proposti allo studio in occasione dei tre diversi convegni previsti nel maggio 2016 a Ferrara, su L’Alberti e la riscoperta di Luciano : Il Momvs (testo sotto ogni riguardo capitale, che al riso unisce la «dignitas» dell’argomento e la «gravitas» dell’espressione, e di cui verrà presentata la prima, autentica edizione critica, accompagnata da un inedito e fondamentale commento filologico, linguistico, storico e letterario), nell’inverno 2016-2017 a Parigi, sul tema Dalle premesse medievali al lucianismo d’Erasmo : Il serio lvdere in Europa, e infine nell’inverno 2017-2018 a Madrid, sul tema Dal Momvs alla letteratura picaresca e/o libertina : Il serio lvdere in Europa.

Venerdì 20 maggio il saluto creativo di Alessandro Bergonzoni al Ferrara Sharing Festival

da: ufficio stampa Sedicieventiunnamed

Alessandro Bergonzoni, attore e autore teatrale, porterà il suo saluto creativo al pubblico del Ferrara Sharing Festival, venerdì 20 maggio alle ore 21.00, nella Sala Estense, in Piazza del Municipio.

L’incontro, aperto al pubblico e a partecipazione gratuita, si terrà della giornata di apertura dell’evento che, organizzato da Sedicieventi con il Patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ferrara, inviterà Istituzioni, Associazioni, esperti del settore e semplici cittadini a confrontarsi  sui temi, attualissimi, della cosiddetta “economia della condivisione”.

Un’occasione imperdibile, dunque, non solo per partecipare al dibattito, ma anche per lasciarsi avvincere dall’energia affabulatoria dell’amato artista bolognese.

Vi aspettiamo al Ferrara Sharing Festival, a Ferrara dal 20 al 22 maggio 2016.

Venite a trovarci!

www.sharingfestival.it
Facebook, Twitter e Instagram: @SharingFestival

Arriva la terza ristampa di “Come l’ortica” di Cristina Romano

da: ufficio stampa Comunicazione Globale Promotion

Il primo romanzo al mondo che tratta il tema DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento).
Con più di 3000 copie vendute arriva la terza ristampa del volume con un nuovo font per facilitare la lettura.

Ad un anno e mezzo dal’uscita del libro, dopo aver varcato i confini nazionali, con oltre 3000 copie vendute e un grande interesse da parte dei media e anche di tante famiglie, “Come l’Ortica” giunge alla terza ristampa con un prezzo ridotto a fronte dei moltissimi preorder e con  un nuovo font per facilitare la lettura ha chi ha difficoltà di apprendimento. Infatti i bambini dislessici troveranno un carattere a loro congeniale che, al contempo, non inficerà minimamente la lettura di chi non ha alcun tipo di disturbo.

L’audio libro, per cui ha prestato la voce Mietta, sarà inoltre disponibile gratuitamente per tutte le scuole d’Italia che ne facciano richiesta alla casa editrice, rivelandosi uno strumento compensativo determinante nella fase di lettura.

“Come l’ortica”, il primo romanzo al mondo che racconta, attraverso uno spaccato sulla famiglia contemporanea, in una storia avvincente e commovente, i Disturbi Specifici di Apprendimento (dislessia, discalculia, disgrafia e disortografia).  I Disturbi Specifici di Apprendimento (o DSA)non sono malattie, ma diversità neurobiologiche, delle quali la scienza si sta occupando da poco e che hanno bisogno di essere conosciute e divulgate.

“Come l’ortica”, ovvero, ciò che si trova di urticante e fastidioso in qualsiasi giardino: così si sente un bambino con DSA il quale, semplicemente, non sia stato riconosciuto come tale. Può la non conoscenza rendere scettici e timorosi verso una disuguaglianza?

Il testo è riconosciuto dall’Associazione Italiana Dislessia, nella persona del Professor Giacomo Stella (unico personaggio reale all’interno del romanzo).

L’editore, in accordo con l’autrice, ha preferito privarsi del diritto di Copyright e concedere la possibilità a tutti di espandere il testo attraverso fotocopie, mail, file audio, social network… purché se ne parli e si conoscano il più possibile i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA).

Cristina Romano, è scrittrice di romanzi e racconti. Insegnante di scuola elementare, è tutti i giorni in contatto con bambini che hanno difficoltà di lettura e apprendimento segnali che troppo spesso non vengono riconosciuti dalle istituzioni e sottovalutati o, a volte, ignorati dai genitori.

«Tanti libri tecnici ma nessun romanzo – ha spiegato l’autrice – niente che potesse avvicinare e sensibilizzare la gente comune all’argomento dei dsa, niente che potesse coinvolgere anche i “non addetti ai lavori”. È stato questo a farmi pensare ad un modo nuovo di parlare di questa diffusa diversità neurobiologica, ovvero attraverso un modo “vecchio” di narrazione: il romanzo. Un romanzo che, però, nel dipanarsi della storia, abbondasse di informazioni e chiarimenti per chiunque ne avesse necessità o semplice curiosità, ma ancor di più per chi non conoscesse affatto l’argomento».

L’APPUNTAMENTO
Mercoledì 11 maggio Gianni Flamini presenta il libro “La Repubblica in ostaggio” alla libreria Ibs+Libraccio

da: ufficio stampa Ibs+Libraccio Eventi Ferrara

Alle ore 18:00, presso la storica sala dell’Oratorio San Crispino Libreria Ibs+Libraccio di Ferrara
In collaborazione con il quotidiano online FerraraItalia
Dialoga con l’autore il giornalista Gian Pietro Testa

image003
La copertina del libro

La storia italiana repubblicana è connotata da uno specifico tratto: una dimensione oscura, eversiva e illegale, che trova spesso scarsa accoglienza nei manuali ufficiali di storia. Il libro di Gianni Flamini, uno dei maggiori esperti di storia del terrorismo, costituisce un’accurata e completa ricostruzione d’insieme di questo aspetto della storia nazionale: a partire dal ruolo della mafia nel periodo successivo allo sbarco in Sicilia degli alleati, fino alle stragi e agli attentati del ’92-93.

 

gianni-flamini_11531
Gianni Flamini

Gianni Flamini, giornalista italiano, da più di 30 anni si occupa di terrorismo globale e antiterrorismo, sovversione e politica parallela. Tra i suoi libri-inchiesta, ricordiamo: La banda della Magliana (Kaos, 2002), L’Italia dei colpi di Stato (Newton Compton, 2007), Le anime nere del capitalismo (Newton Compton, 2009), Il libro che i servizi segreti non ti farebbero mai leggere (Newton Compton, 2010), Lo scambio (Nutrimenti, 2012).

mafia-nord

Caduta di un’icona dell’antimafia

di Lorenzo Bissi

Pino Maniaci è un paladino dell’antimafia che da molti anni trasmette nel telegiornale di Telejato inchieste sulle infiltrazioni mafiose nel territorio di Partinico e nella provincia di Palermo. Grazie al suo operato, non solo tiene continuamente alta l’attenzione sui fenomeni illeciti del territorio, ma è riuscito ad ottenere un posto fra i primi “cento eroi mondiali dell’informazione” secondo l’ONG Reporters sans frontieres. Proseguendo caparbiamente nella sua lotta, durante dicembre dell’anno 2014 ha denunciato l’impiccagione dei suoi cani, sostenendo di essere vittima dei soprusi di “Cosa Nostra”, che avrebbe voluto intimidirlo per farlo tacere sulle inchieste da lui condotte.
Purtroppo però dobbiamo dimenticarci di tutto questo. Pochi giorni fa, secondo quanto riportano i giornali, sarebbero emersi video e intercettazioni che mostrerebbero Maniaci sotto un’altra luce: a quanto pare avrebbe estorto soldi e favori a due sindaci della provincia di Palermo in cambio di un trattamento di favore sulla sua emittente televisiva. Tutto girerebbe intorno all’amante di Maniaci: sarebbe stato l’ex marito di lei a uccidere le povere bestiole e il direttore del telegiornale avrebbe pilotato l’avvenimento per avere visibilità. Inoltre, sempre per lei, avrebbe estorto favori e denaro ai due sindaci per garantirle un lavoro e un alto tenore di vita.
Chiariamo che al momento Pino Maniaci è indagato per estorsione e sottoposto al divieto di dimora nelle province di Palermo e Trapani, ma non c’è ancora nessuna sentenza. Antonio Ingroia, legale di Maniaci, sostiene che siano proprio le inchieste da lui guidate che lo hanno portato nella situazione odierna, mentre riguardo alle intercettazioni premette che il linguaggio del suo cliente potrebbe essere facilmente mal interpretato, poiché di uso quotidiano, dunque ruvido e dialettale.
Purtroppo, se alla fine tutto ciò risultasse comprovato nelle aule di giustizia, sarebbe non solo scandaloso, ma molto molto triste.

Un giovane qualunque, come me per esempio, vedendo colonne dell’antimafia di quel calibro crollare, come può sentirsi? Dove può trovare la motivazione e la forza di lottare? Solo nella rabbia. Tutto ciò è proprio il contrario di quello che l’antimafia significa. Nella lotta per la legalità serve credibilità, che si ottiene attraverso comportamenti eticamente e moralmente corretti.
Quel che è peggio è che dai video sembra che Maniaci abbia imparato qualcosa a lavorare a stretto contatto con la mafia: il metodo con cui agire per ottenere denaro e favori dai sindaci, attraverso l’intimidazione e la violenza, seppure verbale.
La cosa più bizzarra è che spesso chi lotta quotidianamente contro la corruzione e l’illegalità in certe realtà, chi viene oppresso non ha mai ricevuto chiamate di solidarietà da politici e presidenti, ma se la deve vedere da solo contro un mondo che non fa altro che scoraggiarlo.

Mercoledì 11 maggio incontro M5S con i cittadini a Ferrara

da: Movimento 5 Stelle Ferrara

Consiglieri e attivisti del Movimento 5 Stelle invitano i ferraresi all’incontro di mercoledì 11 maggio, ore 21,00 , sala della musica via Boccaleone, 21.
Continua l’ attività di contatto con i cittadini attraverso diverse  modalità e strumenti : dallo sportello anticrisi ai banchetti del sabato, dagli eventi a tema agli incontri mensili aperti.
La serata inizierà con un breve resoconto dell’attività consiliare dei primi mesi del 2016, ma verrà poi dedicata all’ascolto dei cittadini presenti, alle richieste, alle domande e alle idee, con particolare attenzione verso le  problematiche legate ai beni comuni e al benessere sociale della nostra città.
Per chi lo desidera, inoltre, è l’occasione per prendere contatti e partecipare attivamente alla vita del Movimento, in base alle aree di interesse e compatibilmente con la propria disponibilità.

Venerdì 22 maggio il saluto creativo di Alessandro Bergonzoni al Ferrara Sharing Festival

da: organizzatori

Alessandro Bergonzoni, attore e autore teatrale, porterà il suo saluto creativo al pubblico del Ferrara Sharing Festival, venerdì 22 maggio alle ore 21.00, nella Sala Estense, in Piazza del Municipio.

L’incontro, aperto al pubblico e a partecipazione gratuita, si terrà della giornata di apertura dell’evento che, organizzato da Sedicieventi con il Patrocinio della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ferrara, inviterà Istituzioni, Associazioni, esperti del settore e semplici cittadini a confrontarsi  sui temi, attualissimi, della cosiddetta “economia della condivisione”.

Un’occasione imperdibile, dunque, non solo per partecipare al dibattito, ma anche per lasciarsi avvincere dall’energia affabulatoria dell’amato artista bolognese.

Vi aspettiamo al Ferrara Sharing Festival, a Ferrara dal 20 al 22 maggio 2016.

Domani al Cinema Boldini la proiezione del film “Anomalisa”

da: Arci Ferrara

Martedì 10 maggio ore 21.00 – ingresso 5 euro
Versione originale con sottotitoli in italiano

Prosegue il 10 maggio alle ore 21, con la proiezione di ANOMALISA, la rassegna del Cinema Boldini dedicata ai film inediti, proiettati in versione originale con sottotitoli in italiano.

Anomalisa segna il debutto alla regia di un lungometraggio animato (in coppia con Duke Johnson) di Charlie Kaufman, due volte nominationall’Oscar per le sceneggiature di Essere John Malkovich e Il ladro di orchidee, e vincitore per Se mi lasci ti cancello. E’ la tecnica della stop-motion, finanziata con una campagna di crowdfunding tramite Kickstarter – a portare sullo schermo una sua commedia teatrale.

Michael Stone, marito, padre e apprezzato autore del libro “How May I Help You Help Them?” (Come posso aiutarvi ad aiutarli?) è un uomo paralizzato dall’ordinarietà della sua vita. In occasione di un viaggio d’affari a Cincinnati dove deve tenere una conferenza ad un congresso di professionisti del settore servizio clienti, pernotta al Fregoli Hotel. Lì scopre, con sua grande meraviglia, una possibile via di uscita dalla sua disperazione nei panni di una rappresentante di una ditta di dolci di Akron di nome Lisa, una donna senza grandi pretese che potrebbe essere o meno il grande amore della sua vita.

Il tema portante qui è, come in Se mi lasci ti cancello, la disarmante capacità che ha l’essere umano di intralciare la propria ricerca della felicità, confondendo fatalmente la crudeltà del destino con la propriaincapacità ad accettarne l’imperfezione. Michael trascorre tutta la vicenda ritenendosi diverso e temendo l’omologazione, e Kaufman con enorme abilità costruisce una vera empatìa tra noi e quest’uomo di mezz’età la cui sofferenza interiore, sulle prime, ci appare comprensibile seppur indice di debolezza.

Kaufman tuttavia non è un autore accondiscendente, è uno di quelli che crede nello spiazzare lo spettatore per metterlo di fronte a un ribaltamento del punto di vista, salutare ma amaro come il medicinale che da bambini proprio non volevamo ingoiare. Michael è una vittima o è patetico? La disperata ricerca di un senso alto, “superiore”, nei rapporti umani è una sofferenza che segna menti privilegiate o un atto di presunzione che trascina potenziali affetti e bei momenti in un gorgo di nulla? E’ il mondo che non ci merita o siamo noi che non ci meritiamo il mondo?

Lo spettatore si chiede inizialmente perché tutti i personaggi, tranne Michael, abbiano la stessa voce maschile sia che si tratti di uomini che di donne. Quando poi entra in scena Lisa si può finalmente ascoltare l’unica voce femminile e a questo punto le ipotesi potrebbero essere molteplici, andando dalla disumanizzazione di un mondo di pupazzi a quella della messa in rilievo dell’unicità del possibile ‘vero amore’.
C’è però una risposta molto più aderente al film e anche più ‘scientifica’ anche se sottaciuta, perché Michael Stone sceglie non casualmente il Fregoli Hotel. La storia del teatro ci ricorda come Leopoldo Fregoli sia stato un grande imitatore ma soprattutto un grandissimo trasformista sulle scene di tutto il mondo. Non tutti però sanno che al suo nome è legata una sindrome che definisce una malattia psichiatrica in cui il paziente si sente perseguitato da una singola persona la quale, secondo il suo delirio, assume le sembianze di coloro che lo circondano, non abbandonandolo mai. Riletto in questa chiave il film assume tutta un’altra rilevanza e la colazione mattutina in hotel si rivela come un piccolo gioiello di scrittura in costante equilibrio tra ironia e tragedia.

Premio Oscar 2016 come Miglior film d’animazione e Gran Premio della Giuria a Venezia 2015, Anomalisa è una bellissima e tenera fuga dalla realtà, assurdamente comica, che lascia allo spettatore una consapevolezza: che la ricerca dello “splendore eterno della mente immacolata” è ancora per Kaufman ciò che rende l’essere umano così irresistibilmente tragicomico.

Per informazioni:

Sala Boldini, via Previati 18 – Ferrara.

www.cinemaboldini.it – www.arciferrara.org

Tel. Cinema (sera) – 0532.247050

Arci Ferrara – 0532.241419

Lo “Snackspo” dell’Ariosto trionfa in Germania

da: Liceo Ariosto Ferrara

Una classe terza del Liceo ferrarese si aggiudica il podio internazionale del Premio della gioventù

Sono gli studenti della classe IIIY, a indirizzo linguistico, del Liceo Statale Ariosto di Ferrara, i vincitori di uno degli ambiti riconoscimenti indetti dal Premio della Gioventù Jugendpreis.

I ragazzi hanno partecipato, insieme agli studenti di altre regioni europee, all’edizione 2016 di questo concorso internazionale europeo istituito dalla fondazione della regione Assia, in Germania, e promosso da Emilia-Romagna, Aquitania (Francia) e Wielkopolska (Polonia). L’obiettivo del concorso è sensibilizzare i giovani, dai 13 ai 23 anni, di scuole medie, superiori e università, su temi attuali per sostenere il loro impegno verso il territorio e per valorizzare le loro competenze comunicative e linguistiche.

Il tema di questa edizione era “Il cibo: economia, scienza e cultura”. E quale occasione migliore per i nostri studenti di linguistico, per parteciparvi? Incitati dalla loro insegnante di tedesco, la professoressa Roberta Bergamaschi, hanno realizzato un cortometraggio ambientato in un’immaginaria esposizione universale delle merendine chiamata “Snackspo”,per affrontare in maniera un po’ ironica la critica al sistema industriale dell’alimentazione. Lo scopo dei ragazzi è criticare il consumo, soprattutto da parte dei giovani, di snack confezionati e cibi nocivi, che portano ad un incremento di malattie, nella speranza di promuovere un’alimentazione sana e sostenibile, un argomento attualmente molto discusso e presentato recentemente all’Expo 2015 di Milano.

Gli studenti si sono impegnati utilizzando tempo ed energie per portare a termine il progetto, svolto principalmente nei pomeriggi dopo la scuola, grazie alla disponibilità del personale scolastico e degli ambienti in cui sono state girate le scene del cortometraggio. I ragazzi hanno scritto il copione in tedesco e lo hanno recitato, hanno organizzato gli elementi della parte scenica, si sono occupati del montaggio delle scene e delle musiche del video.

Alla fine il loro duro lavoro è stato ricompensato tramite la vincita del premio in denaro e di un soggiorno in Germania per rappresentare a livello internazionale l’Emilia-Romagna e il Liceo Ariosto.

(a cura della classe 3Y)

 

IL COLLABORATORE VICARIO – Prof. Fabrizio Fiocchi –

 

Festa dell’Europa, Bonaccini: “Celebriamo questa giornata puntando sul lavoro, sulle imprese, sulle ricchezze del nostro territorio e delle nostre comunità”

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia Romagna

Si ad un centro storico vivo, no ad inutili ingessature: Si ad un centro storico vivo, no ad inutili ingessature: un intervento di Ascom Cento

da: ufficio stampa Ascom

Siamo da sempre e rimaniamo contrari come Ascom Confcommercio a qualsiasi blindatura del nostro centro storico centese- spiega con chiarezza Marco Ameliopresidente Ascom Cento – ci troviamo di fronte al recepimento di una norma regionale “Piano Aria Integrato Regionale – PAIR 2020″ che obbliga i Comuni che hanno le dimensioni oltre i 30mila abitanti (come è il caso di Cento) ad una serie di puntuali e rigide limitazioni al traffico veicolare. Già nei mesi scorsi abbiamo incontrato il Comune e stiamo lavorando a rendere questa norma adeguata alla nostra realtà. Mi spiego con un esempio – prosegue Amelio – il centro storico è come una vettura di Formula 1: deve avere un aerodinamica filante ma avere parimenti anche un grande motore. Come Associazione di categoria, maggiormente rappresentativa del Terziario, stiamo lavorando per creare quindi contenuti importanti: non solo eventi o manifestazioni per la visibilità (l’aerodinamica ) del centro storico ma anche misure durature (il motore): parcheggi facilmente accessibili e raggiungibili ed aggiungo incentivi e defiscalizzazioni per quanti decidano di investire ex novo o rimanere in centro storico. Altrimenti con le sole parole o dichiarazioni di principio si fa solo demagogia sulle spalle dei commercianti che con impegno e passione ogni giorno alzano la saracinesca e danno lustro alla città di Cento. Il problema non tocca solo i capoluoghi di provincia (Ferrara, Bologna…) ma anche altre realtà paragonabili a Cento come Faenza ed Imola e crediamo che sia corretta avviare un percorso di confronto con le Amministrazioni di queste realtà cittadine per capire cosa fare. Come Ascom Confcommercio abbiamo un solo obiettivo: permettere a Cento lo sviluppo, concreto e realizzabile, senza inutili ingessature ma anche senza false illusioni” conclude Amelio.

Hera: nuove condotte gas nella zona medioevale di Ferrara

da: ufficio stampa Hera

Avviati i lavori per un impianto più efficiente e sicuro

Hera ha posto le basi del cantiere per la realizzazione di lavori di rifacimento sulla rete gas nella zona urbana medioevale, una delle zone più antiche e suggestive della città.

Il progetto di Hera prevede la sostituzione della rete esistente con nuove condotte in polietilene e acciaio rivestito, di diametro variabile dai 15 ai 9 centimetri,  per una lunghezza complessiva di circa 300 metri. Inoltre agli incroci saranno ricostruite le connessioni con le condotte gas esistenti.

I lavori sono iniziati partendo da via Voltacasotto, nel tratto compreso tra via C. Mayr a via Spilimbecco. Successivamente il cantiere si sposterà in via Mozzo della Tegola, nel tratto compreso tra via De Romei e il fondo della strada; poi in via Buonporto, nel tratto tra  via C. Mayr e il civico 18. L’ultimo stralcio riguarderà via Delle Volte, nei tratti tra via Buonporto e il civico 78 e tra vicolo Chiodaiuoli e via delle Scienze.

Dopo il collaudo e la messa in servizio inizieranno le operazioni di ricollegamento di circa 30 allacci d’utenza alla nuova rete di distribuzione. La conclusione dei lavori è prevista per la fine di luglio. Le opere, affidate alla ditta Magyar, saranno coordinate dai Tecnici di Hera.

Il progetto nasce dalla necessità di sostituire tratti di tubatura che hanno raggiunto un certo grado di utilizzo e rientra nel piano pluriennale di Hera di sostituzione delle vecchie condotte gas. L’opera garantirà una migliore e costante erogazione del servizio ed una maggiore sicurezza per i cittadini.

Durante l’esecuzione dei lavori la viabilità sarà interrotta, tuttavia, ai residenti e alle attività commerciali saranno garantiti gli accessi pedonali e carrabili e facilitate le operazioni di carico/scarico,  cercando di limitare il più possibile i disagi.

Si legge… Biodiversità

da: Museo civico di Storia Naturale Ferrara

Giornata Mondiale della Biodiversità, domenica 22 maggio 2016, ore 10.30-12.30

Logo BiodiversitàIl Museo celebrerà la Giornata Mondiale della Biodiversità 2016 partecipando agli eventi coordinati dal Centro di Educazione alla Sostenibilità IDEA del Comune di Ferrara.

In particolare, il Museo di Storia Naturale ospiterà domenica 22 maggio, dalle ore 10.30 alle 12.30, una delle tappe della maratona di lettura “Si legge … Biodiversità”, sostenuta dalla Regione Emilia Romagna in collaborazione con i CEAS regionali.
Le altre sedi ferraresi della maratona saranno il Parco Urbano Bassani e l’Associazione Terraviva, in via delle Erbe (nelle vicinanze di Piazza Ariostea).

Tutti coloro che volessero cimentarsi in 5-10 minuti di lettura in pubblico di brani attinenti al tema “Biodiversità”, scelti fra quelli più amati oppure da testi messi a disposizione presso la Biblioteca Bassani di Barco, potranno pre-iscriversi rivolgendosi al Centro IDEA tel: 0532/742624 mail: idea@comune.fe.it.

I più volenterosi potranno apprendere le tecniche di lettura in pubblico partecipando, nelle giornate del 10 e 17 maggio 2016presso la Biblioteca Bassani dalle ore 16:30 alle ore 19:00, ad unlaboratorio gratuito di narrazione e lettura ad alta voce tenuti da Teresa Fregola della “Piccola Compagnia dell’Airone”. Per questo corso è prevista l’iscrizione sino ad esaurimento dei 20 posti disponibili compilando questo modulo.

In caso di maltempo, la maratona si svolgerà interamente nelle sale del Museo di Storia Naturale.

Al termine della maratona, alle 13.00 presso l’Associazione Terraviva si terrà un pic-nic solidale.

Le manifestazioni per la Giornata della Biodiversità comprendono altri eventi nelle giornate di sabato 21 maggio presso l’A.R.E. Schiaccianoci in collaborazione con le GEV-Guardie Ecologiche Volontarie, e nel pomeriggio di domenica 22 maggio presso il Centro Visite del Bosco di Porporana (inaugurazione dei nuovi allestimenti del Centro ripristinato dopo il terremoto del 2012 e visita narrativa al bosco).

Il programma completo è pubblicato alla pagina web Si legge…Biodiversità”

Giornata della memoria vittime del terrorismo, Bonaccini: “Il ricordo legato al nostro impegno a difesa della libertà. Sempre”

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia Romagna

Secondo il presidente della Regione “l’Emilia-Romagna ha pagato un alto prezzo di sangue alla lotta al terrorismo, per questo occorre riaffermare il nostro impegno a difesa delle Istituzioni e della democrazia”

Bologna – “Penso che le giornate dedicate alla riflessione sulle grandi tragedie che hanno colpito il nostro Paese, ma non solo, ci richiamino tutti al dovere di ricordare i fatti accaduti. Ma ci chiamano anche a rinnovare il nostro impegno a difesa di quella democrazia per il raggiungimento della quale tanto sangue è stato versato”
E’ il pensiero di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, in occasione del “Giorno della memoria” delle vittime del terrorismo e delle stragi, che ricorre oggi.
“Il nostro Paese, e la nostra regione, hanno attraversato periodi bui – ricorda Bonaccini – ma hanno saputo contrapporre coraggio civile alla violenza, hanno risposto agli attacchi armati del terrorismo con la forza generata da quel desiderio di democrazia che oltre mezzo secolo fa rese possibile la cacciata di nazisti e fascisti, e che in tempi più recenti ha saputo vincere anche la sfida del terrorismo”.
“La nostra è una regione che ha pagato un altissimo tributo alla lotta contro il terrorismo – ha concluso Bonaccini – Molto si è saputo, ma una parte della storia deve essere ancora scritta. L’Emilia-Romagna sarà sempre a fianco di chi ha cuore, e sono tanti, quella libertà e quella democrazia a difesa delle quali tutti dobbiamo sentirci impegnati”

Il ferrarese Riccardo Scandellari pubblica un nuovo libro: “Promuovi te stesso”

da: organizzatori

Sarà in libreria dopodomani un nuovo volume della collana WebBook di Dario Flaccovio Editore: “Promuovi te stesso” di Riccardo Scandellari, ferrarese, giornalista ed esperto web.

Si tratta di un manuale fondamentale per conquistare visibilità, opportunità e clientela su internet, creando il proprio personal branding con una comunicazione mirata e vincente.
Il mondo del lavoro è sempre più competitivo, quindi è importante lo sviluppo intelligente dei contenuti dei social network o dei network professionali.
Scandellari guida i lettori lungo un percorso utilissimo verso il raggiungimento di questi e altri obiettivi.

 

Autore: Riccardo Scandellari

Titolo: Promuovi te stesso – Crea il tuo personal branding con una comunicazione mirata e vincente

Editore: Dario Flaccovio

Collana WebBook

Pagine: 296

Prezzo: 28,00 euro

Isbn: 978-88-579-0562-4

Contenuto

Il mondo del lavoro attuale è sempre più competitivo. Che tu sia alla ricerca di lavoro come dipendente o come libero professionista in ogni caso devi essere in grado di comunicare le tue capacità in modo da distinguerti dalla concorrenza.

Oggi, attraverso i mezzi di comunicazione digitali, hai delle possibilità mai viste prima nella storia, ma devi comprendere e interpretare correttamente queste piattaforme per ottenere la massima visibilità.

La sola presenza sui social network non è una condizione che assicura opportunità lavorative. Devi dimostrare di avere la capacità di comprendere come migliorare la tua comunicazione e dare una percezione di te affidabile e coerente.

Il Personal Branding è una necessità per tutti quelli che vogliono ottenere clienti o essere assunti dalle aziende, le quali valutano i candidati anche sulla base di quello che scrivono sui social. Ogni giorno lasci tracce di te che vengono trovate e interpretate da chi ti cerca. In base alla credibilità che sai trasmettere e a quello che racconti puoi ottenere conferme e ricevere richieste.

Questo libro racconta un percorso di valorizzazione che ho sperimentato su di me e sui miei clienti. Una traccia che puoi seguire per imparare a raccontarti e a utilizzare questi potenti mezzi in modo corretto per ottenere visibilità e infondere credibilità.

L’autore: Riccardo Scandellari, giornalista ferrarese, è specializzato nella creazione di contenuti efficaci per il web. Ha curato l’immagine online di molte aziende, di esponenti politici e personaggi dello spettacolo. Si occupa di tecnologie e tecniche di comunicazione orientate al web dal 1998. Ha gestito e realizzato numerosi progetti online, passando dal posizionamento dei contenuti alla diffusione attraverso blog e social network.

E’ docente di web marketing per master universitari e aziende.

E’ tra gli organizzatori dei TweetAwards, il maggiore evento Twitter italiano.

Ha fondato con Rudy Bandiera l’agenzia NetPropaganda s.r.l.

Tra i clienti attuali e passati: IBM, Banca Mediolanum, Luciana Littizzetto, Nokia, Tre Italia, 6sicuro, Digital Accademia, Telesanterno, Stogea, Eurocommercial, Allegro Italia, Università di Ferrara, Seolab e MarketingArena.

 

Cibus: con +7,4% vola Export Agroalimentare Emilia Romagna

da: ufficio stampa Coldiretti Emilia-Romagna

2015 da record con 5,8 milliardi Export. Crescita del 56,7% in dieci anni.

Volano le esportazioni di prodotti agroalimentari dell’Emilia Romagna che nel 2015 ha raggiunto la cifra record di 5,8 miliardi di euro, con un aumento del 7,4% rispetto al 2014. È quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Emilia Romagna in occasione della diciottesima edizione di Cibus, sulla base degli andamenti rilevati dall’Istat sul commercio estero.

Il valore assoluto delle esportazioni non è il solo record dell’agroalimentare emiliano romagnolo – rileva Coldiretti Emilia Romagna – in quanto la nostra regione ha fatto anche registrare il più alto tasso di crescita dell’export tra il 2007 e il 2015, passando dai 3,7 miliardi del 2007 ai 5,8 dell’anno scorso con una crescita percentuale del 56,7, decisamente superiore anche alla crescita delle esportazioni totali che nello stesso periodo è stata del 19,4 per cento. Si tratta di un risultato che tra il 2007 e il 2015 ha consentito di incrementare la quota dell’export agroalimentare sul totale delle esportazioni dal 7,9 per cento al 10,4 per cento.

“Le performance positive registrate sui mercati internazionali dal settore più rappresentativo dell’economia reale – ha detto il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Mauro Tonello, che è intervenuto a Parma con la giunta direttiva dell’organizzazione – dimostra che la nostra regione, come il resto d’Italia, può tornare a crescere solo se investe nelle proprie risorse che sono il territorio, l’identità e la cultura, come hanno dimostrato i risultati di Expo 2015 dove l’agroalimentare ha costituito una leva competitiva senza pari per trainare il made in Italy nel mondo”.

Secondo Coldiretti Emilia Romagna, l’andamento sui mercati internazionali potrebbe ulteriormente migliorare con una più efficace tutela nei confronti della “agropirateria” internazionale che utilizza impropriamente parole, colori, località, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che nulla hanno a che fare con la realtà nazionale. Proprio l’Emilia Romagna è in testa per numero di prodotti imitati, che nel mondo hanno raggiunto il valore di 8 miliardi di euro, 4 miliardi dei quali riguardano il Parmigiano Reggiano che il prodotto italiano più taroccato al mondo, con i vari Parmesan diffusi in tutti i continenti, dagli Stati Uniti all’Australia, dal Canada al Giappone, passando per il Parmesao e il Regianito del Sud America.

 

  • 1
  • 2
L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi