Giorno: 5 Febbraio 2018

Riflessioni elettorali

Cercare di fare un’analisi di questo panorama politico è abbastanza difficile, eppure è necessario per due motivi: primo, del tutto personale, voterò per la prima volta anche per il Senato, e tanti come me nati nel 1989; secondo, più generale, i nati nel nuovo millennio voteranno per la prima volta.

Ma nonostante ciò ho impiegato tempo per realizzare quello che sta succedendo. Oramai a qualche giorno dall’uscita ufficiale delle liste elettorali, se ne sono dette di ogni tipo: chi condanna questo o quello, chi apprezza quel gesto o un candidato. Tralasciando però le disamine ideologiche, ci sono dei dati oggettivi che ‘condannano’ apertamente se non tutti, sicuramente i maggiori schieramenti messi in campo. Cercare una qualsiasi logica elettorale è difficile leggendo alcuni nomi: si può partire dalle alleanze del Pd con Casini. Oppure si può parlare delle modalità con le quali il partito di centro sinistra ha praticamente cancellato le minoranze interne. Ma non è tutto: facendo un discorso ‘provinciale’, vedo campeggiare ancora quel cognome nella mia provincia tanto temuto, De Mita: è riuscito a entrare come candidatura. Non si tratta di Ciriaco, ma di Giuseppe, nipote prediletto dell’ex presidente del Consiglio, del quale lo zampino è evidente, come oramai evidente risulta essere la tendenza verso il centro di tutto il Partito Democratico.

Non che la storia possa dirsi diversa se si guarda a Liberi e Uguali: Pietro Grasso sembra essere stato messo lì come una figura che dovrebbe dare sicurezza di trasparenza, istituzionalità e, soprattutto, novità politica. Ma poi alle spalle sai che ci sono i vari Bersani e D’Alema, ed ecco che il sogno si infrange. Anni e anni di legislature alle spalle, anni e anni di politica e ancora a richiamare parole come ‘novità’. Passando agli altri schieramenti le cose non migliorano: ti puoi trovare Bossi bloccato a Varese, o gente come lo stesso Salvini, un giorno a favore dell’euro e ora fervido esponente per un ritorno al vecchio conio. E ho voluto volontariamente tralasciare alcune candidature del suo schieramento che dire discutibili è dir poco. Non posso non presentare, a chi vota per la prima volta, un personaggio che ha segnato 20 anni della mia (nostra) vita: Silvio Berlusconi. E con lui di nuovo in lizza candidati come Gasparri, Gelmini, Brambilla. Quasi a dover rimpiangere Razzi e i suoi viaggi in Corea.

Il partito che entrerà (sicuramente) in Parlamento, per concludere, sarà il Movimento 5 Stelle. Su di loro non mi pronuncio, ma avendo letto i nomi dei candidati, le loro idee e avendo seguito questo movimento dagli albori, posso dire una sola cosa: mi spaventa. Mi spaventa per la totale dogmaticità dei comandi di personaggi come Casaleggio e Grillo, mi spaventa per i contenuti assolutamente irrealizzabili, mi spaventa per le idee dei suoi appartenenti, da persone che non credono all’atterraggio sulla luna, a chi crede nelle sirene e pensa che il N.o.a.a. sia un’agenzia per tenerle nascoste, fino ad arrivare a chi pensa che i vaccini siano uno strumento per il controllo della popolazione. Senza tralasciare poi l’assoluta fede fondamentalista di molti suoi adepti, assolutamente estranei al confronto civile, soprattutto sui social. E’ questo quindi il panorama che si sta presentando ai neo elettori, ai quali va il mio pensiero in questo momento, a chi dovrebbe avvicinarsi per la prima volta alle urne, a chi vive nel pieno della rivoluzione tecnologica, del mondo iperconnesso. Avere invece la certezza di candidati che parlano di barriere, confini, razze, o ipocritamente di novità con alle spalle decenni di politica, mi fa cedere nel pensiero assolutamente negativo che, anche questa volta non perderà nessuno, con tipico costume italiano, ma a vincere, in assoluto, sarà uno solo: l’astensionismo.

L’eterno dilemma della clonazione

di Federica Mammina

Appena nate e già così famose. Si chiamano Zhong Zhong e Hua Hua, nomi derivanti dalla parola “zhonghua”, che vuol dire “popolo cinese”, e sono i due macachi che poche settimane fa hanno visto la luce con il metodo della clonazione. Non si tratta del primo esperimento del genere operato sulle scimmie, perché già nel 1999, un’équipe di scienziati dell’Oregon National Primate Research Center aveva fatto nascere Tetra, un macaco clonato in laboratorio mediante la fissione embrionale, una tecnica però molto più semplice di quella utilizzata adesso dai cinesi che prevede la rimozione del nucleo da una cellula uovo e la sua sostituzione con il nucleo di una cellula somatica del donatore; la cellula così ottenuta si sviluppa fino a diventare, per l’appunto, un clone del donatore.
L’evento è stato salutato con grande entusiasmo dalla comunità scientifica perché avere dei “modelli” identici permetterà di studiare meglio molte malattie, come ad esempio le malattie cerebrali, il cancro, le patologie immunitarie o metaboliche.
Queste scoperte scientifiche si accompagnano però anche a grandi interrogativi perché tutte hanno un risvolto tanto positivo quanto potenzialmente negativo. Ed in questo caso è certamente la razza degli animali oggetto della clonazione, la più vicina a noi umani, a destare qualche timore.
Siamo ormai abituati a vedere l’uomo esercitare il proprio controllo sull’ambiente e sugli animali, ma pensare che possa essere così vicino ad un controllo assoluto sui suoi simili come quello che avverrebbe attraverso la duplicazione di un essere umano mette i brividi.
E mi scopro a pensare che l’insondabile mistero dell’unicità dell’uomo sia quanto mai rassicurante.

LA FOTONOTIZIA
Chi si nasconde dietro la maschera?

Carnevale in filastrocca,
con la maschera sulla bocca,
con la maschera sugli occhi,
con le toppe sui ginocchi:
sono le toppe d’Arlecchino,
vestito di carta, poverino.
Pulcinella è grosso e bianco,
e Pierrot fa il saltimbanco.
Pantalon dei Bisognosi
“Colombina,” dice, “mi sposi?”
Gianduia lecca un cioccolatino
e non ne da niente a Meneghino,
mentre Gioppino col suo randello
mena botte a Stenterello.
Per fortuna il dottor Balanzone
gli fa una bella medicazione,
poi lo consola: “È Carnevale,
e ogni scherzo per oggi vale”.
(Gianni Rodari)

Reportage dal Carnevale di Venezia di Valerio Pazzi e Emanuele Selvatici. Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Giovani, nudi e spensierati scheletri

Occhiverdi è pronta per partire. Gli amici la vanno a catturare, ma ancora non sanno dove andare. Nero accende la radio e cominciano a cantare. Blondie dipinge maschere sul viso, Bronco beve e passa la bottiglia, Argo si scrolla e sbava.
La città distratta lascia fare.
Nomadi senza meta, cadono e si rialzano, si divertono gli scheletri nudi in bilico sugli skate.
Saltano e rotolano splendidamente, con classe. Eleganti e straccioni, simpatici e burloni.

Correte giovani scheletri per le strade del presente.
Nudi e gioiosi marcate il territorio di notte a luci spente.
Sfidate con baci, sorrisi e carezze l’invidia della gente.
Belli e sciagurati come il fermo immagine di un ricordo latente.
Bacco, tabacco e Venere. Un fare scanzonato e l’aria impertinente.
Ballate, cantate, spargete fiori e colori con sguardo struggente.

Varia umanità festante, passa e ritorna. Bacia, morde e scappa.
Evoluzioni, acrobazie, scherzi, giochi.
Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia.
Leggerezza, sventatezza e inquieta allegria.
Del doman non v’è certezza, perciò, chi vuol esser lieto sia!

Prayer In C (Lilly Wood & The Prick e Robin Schulz, 2014)

Un desiderio non mente mai

di Federica Mammina

Capita così, d’improvviso, basta uno sguardo, un sorriso, una battuta o una gentilezza e scatta la curiosità per qualcuno. E la voglia di conoscerne i gusti, il vissuto, le ferite e le sfumature del carattere, si accompagna inevitabilmente alla paura di interpretare male, di proiettare sull’altro le nostre aspettative e rimanerne accecati. E così si dice che non sono le parole ad essere indicative, ma i fatti, perché le azioni e i gesti non mentono. Ne siamo sicuri? Non si può mentire con i gesti così come con le parole? Magari non lo si fa nemmeno volontariamente, magari è solo perché così fan tutti, ma anche nelle azioni ci sono convenzioni che possono fuorviare.
Allora a cosa aggrapparsi per capire l’altro? Forse la soluzione è nei desideri che, a differenza dei pensieri e dei gesti che nascono dal cuore e poi spesso vengono mediati dalla ragione, è solo nel cuore che trovano la loro dimora.

“Quando mi veniva voglia di capire qualcuno o me stesso, prendevo in esame non le azioni, nelle quali tutto è convenzione, bensì i desideri. Dimmi cosa vuoi e ti dirò chi sei”
Anton Cechov

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi