Giorno: 25 Agosto 2021

tartaruga lentezza

Scuola e no-vax: l’incompatibilità professionale

Negli anni Sessanta i giovani obiettori al servizio militare finivano in carcere. Poi, circa un decennio dopo, sono venuti i medici obiettori di coscienza di fronte all’interruzione anticipata della gravidanza e nessuno li ha cacciati dagli ospedali, né messi in galera.
Ora l’obiezione dei no-vax non è di coscienza, perché apparentemente non ci sono in gioco valori morali e civili, ma obiezioni nei confronti della pervasività della scienza.

Prima Francesco, il papa, poi il presidente della repubblica hanno sostenuto che vaccinarsi è un atto d’amore. Al valore civile della tutela della salute pubblica sancita dalla Costituzione ora si aggiunge la portata etica dell’amore, amore per il prossimo oltre che per se stessi.

Ci sono luoghi particolarmente sensibili, ad alta intensità etica e civica, questi, primo tra tutti, la Scuola. La scuola è il luogo di passaggio di milioni di giovani e di adulti, in questo passaggio che ha la durata delle ore, dei giorni, delle settimane, dei mesi e degli anni avviene qualcosa di eccezionale, che solo lì resta isolato, tra l’adulto e un gruppo di giovani, bambini e bambine, ragazzi e ragazze, una sorta di bene immateriale, che non si vede, ma che respira con il respiro di quell’insieme che è la classe, il gruppo, l’aula, il laboratorio, la palestra.

Quella cosa bellissima che ogni società ad ogni lato della Terra chiama crescita, crescita delle nuove generazioni, allevamento, innalzare da terra per portare sempre più in alto.
I Care. È la cura, il prendersi cura, il camminare al tuo fianco, prenderti la mano e accompagnarti, aiutarti a superare gli ostacoli, lasciarti correre quando ti senti sicuro, sedermi al tuo fianco quando pensi di non farcela.

Non possiamo scrivere I Care sulle pareti delle nostre scuole e pensare che insegnare sia un fatto nostro, che esclude testo e contesto, l’umanità che lo nutre, la responsabilità che lo sorveglia, l’attenzione e l’interesse della società intorno.

Insegnare non ammette il conflitto, né con le generazioni degli studenti, né con le famiglie.
Quando si insegna, si entra in una classe, ci si accosta ad una cattedra non si parte per una missione, ma più semplicemente si è chiamati ad esercitare la propria professione, a professare la cultura che è sempre aperta, accogliente, rivolta a scovare il sapere, che è passione per l’altro che deve apprendere.

Ora non c’è più nulla di più incongruente, di più inconciliabile, di più inspiegabile di un insegnante no-vax. Non vaccinarsi per un insegnante significa pensare che la propria professione è distanza e giudizio, comunicazione oracolare e sentenza finale, una staticità angustiante di teste inscatolate da inscatolare nel packing della propria materia. La scuola degli imballaggi dove collocare ogni alunna e ogni alunno per poi sfornarlo confezionato secundum curricula al termine del corso studiorum.

L’I Care di don Milani [Qui] è la scuola dell’umanità, la scuola di Freinet [Qui], di Bruno Ciari [Qui], di Mario Lodi [Qui] e di tutti coloro che li hanno assunti come testimoni e che a loro si sono sempre ispirati nel proprio lavoro.

Nella nostra scuola non c’è posto per i no-vax, per i sindacati che stagnano nell’ambiguità corporativa. La scuola è delle ragazze e dei ragazzi e per tornare ad essere loro è necessario che tutti gli insegnanti e chi lavora nella scuola, dai collaboratori scolastici ai dirigenti, siano tutti vaccinati. Diversamente nessuno di questi merita di mettere piede in una scuola, in una classe, perché non sarà mai dalla parte dei giovani che devono crescere, studiare, imparare ad apprendere.

La scuola è passione e se non è appassionata non è scuola, manca pure lo spazio per esitare un solo attimo tra il vaccinarsi e il non vaccinarsi. Chi pensa di avere questo spazio ha sbagliato mestiere, quello dell’insegnante non è il suo lavoro e, se l’ha scelto per ripiego, è bene che mediti sulla sua superficialità e sulla responsabilità che porta. Il paese ha bisogno di passione per la scuola, di questo hanno bisogno tutti i bambini e le bambine, tutte le ragazze e tutti i ragazzi.

Non si vuole obbligare al vaccino? Benissimo. Nella scuola pubblica, quella solidale, quella dell’inclusione, quella dell’accoglienza, quella dove hanno piena cittadinanza fragilità e disabilità non ci può essere posto per personale che non sia vaccinato, la scuola pubblica non può che essere radicale nell’applicazione del dettato costituzionale dell’articolo 32.

Non c’è posto per tutti nella scuola pubblica, non è un ufficio di collocamento per mezzi servizi e mezzi stipendi. È ora di chiudere con la storia che a scuola entrano tutti dopo anni di graduatorie dove i punteggi si accumulano nei modi più disparati e in graduatoria si sosta per anni, fino a quando, dopo aver optato per un impiego alle Poste, ti ripescano per una supplenza.

Questo è il valore che attribuiamo alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi. All’inizio del secolo scorso John Dewey [Qui] ci ricordava che compito della società è quello di assicurare ciò che ciascun genitore desidera per il proprio figlio, vale a dire gli insegnanti migliori e non il primo che capita per via di un algoritmo.

La Scuola deve essere l’istituzione migliore del paese, con i professionisti più preparati, non più saputi, ma più preparati nella fatica di curare ognuno, uno per uno, di condurre per mano, con pazienza e intelligenza ogni ragazza e ogni ragazzo dal nido all’università, senza perderne uno, senza lasciare indietro nessuno, disegnando per ognuno il percorso che può fare. Con l’arte della tartaruga, con il festina lente.

È il principio di responsabilità di cui si carica chi lavora nella scuola, responsabilità innanzitutto di fronte alla crescita di ogni ragazza e di ogni ragazzo, responsabilità nei confronti della società e del suo futuro, responsabilità nei confronti delle famiglie. Chi non se la sente di portare un simile fardello sulle spalle è bene che a mettere piede in una scuola non ci pensi neppure lontanamente.

Ora non è che dopo aver introdotto nelle nostre scuole, allarmati dai comportamenti delle giovani generazioni, l’Educazione Civica come insegnamento trasversale, che interessa tutti i docenti e tutti i gradi scolastici, per formare cittadini responsabili, come proclama il sito ministeriale, l’insegnamento dell’educazione civica poi lo affidiamo agli insegnanti no-vax?

L’articolo 1, comma 1 della legge richiama il patto educativo di corresponsabilità come terreno di esercizio concreto per sviluppare “la capacità di agire da cittadini responsabili e di partecipare pienamente e consapevolmente alla vita civile, culturale, sociale della comunità.”

Di fronte agli appelli del presidente della repubblica, del papa, delle autorità sanitarie gli insegnanti, più di ogni altro, non hanno possibilità di scelta. L’obbligo a vaccinarsi è connaturato al mestiere che hanno deciso di esercitare, perché quel mestiere ha particolarità che a stare seduti in cattedra non si possono scoprire e neppure apprendere, sono quelle stesse peculiarità per cui, o l’insegnamento è in presenza, umanamente intimo e corale allo stesso tempo, o è un’altra cosa.
Per l’altra cosa non serve né l’insegnante né il vaccino.

Per leggere gli altri articoli di Giovanni Fioravanti della sua rubrica La città della conoscenza clicca [Qui]

presidio per Afghanistan

In tanti al Presidio per la popolazione afghana:
“Non vi lasceremo soli!”

 

Al G 7 di ieri , Londra, Parigi e Berlino hanno chiesto all’America di prorogare oltre il 31 agosto il ritiro degli Usa dall’Afghanistan. Niente da fare, il democratico Joe Biden –  che però in politica estera ha sposato la stessa linea del suo predecessore e antagonista Donald Trump – è stato irremovibile, il 31 agosto, non un giorno di più, le forze americane lasceranno Kabul, lasciando decine di migliaia di aspiranti profughi sotto il tallone del regime talebano.
L’Europa, l’Inghilterra, La Germania, l’l’Italia, hanno accantonato le loro preoccupazioni umanitarie e incassato il diktat americano. Non è la prima volta, e non sarà l’ultima volta che succede. Come raccontavo in un recente articolo [Vedi qui]da quasi un secolo L’America è il ‘paese guida’, il domus di tutto l’Occidente e dell’Europa in particolare. Decide cioè il dove, il come, il quando intervenire, e la vecchia Europa obbedisce.

Sempre ieri – e scusate se il confronto può sembrare incongruo – a Ferrara più di 200 persone si sono date appuntamento a Ferrara (parlo di Ferrara, ma simili manifestazioni si sono svolte in tutte le città d’Italia) in piazza Trento Trieste per manifestare la propria preoccupazione e il proprio sostegno alla popolazione afghana che, dopo l’improvvido ritiro delle truppe americane e la fulminea presa del potere dei militanti talebani, è cascata nell’abisso di un regime violento e oscurantista. Sono decine di migliaia, infatti,  gli afgani che andranno incontro alla feroce rappresaglia degli Studenti Islamici.
A rischiare di più la vendetta talebana sono coloro che hanno in qualche modo collaborato con gli contingenti stranieri e le loro famiglie, ma nel mirino ci sono anche e soprattutto le donne, tutte le donne afgane, a cui il nuovo regime fondamentalista toglierà i pochi diritti faticosamente conquistati e riporterà in schiavitù.

Il presidio ha formato un ampio cerchio. Al centro si alternano in tanti a parlare con un piccolo microfono. Intervengono a titolo personale o in nome di Emergency, della Associazione Cittadini del Mondo, la Biblioteca Popolare Giardino, la Cgil, l’Arcigay… E non si parla solo di Afghanistan, ma dell’Italia, dove migliaia di immigrati non riescono ad ottenete un permesso di soggiorno o cercano inutilmente di ottenere il ricongiungimento familiare.
Scorrono le parole degli intervenuti: “Il popolo afghano non deve essere abbandonato”, “La comunità internazionale deve intervenire”. Intanto, l’impegno di tutti è quello di continuare la mobilitazione.

Sotto, alcuni scatti del Presidio a sostegno della popolazione afghana:

 

 

Il Rave di Viterbo

E finalmente grazie a Dio – ma anche alla Patria e alla Famiglia – questa nuova settimana non vedrà la continuazione del temibile, vergognoso e illegale “rave party di Viterbo™”.
Lo Stato ha usato il proverbiale “pugno duro™”.
Probabilmente si poteva intervenire prima ma il nostro Stato è tanto buono e magnanimo quindi ti lancia prima degli avvertimenti.
Se però poi finisci per perseverare: bam!
Scatta il “pugno duro™”.
Effettivamente mi sembra una soluzione ragionevole: là in mezzo è successo di tutto.
Ho visto i servizi ai tg e qualche stralcio della trasmissione pomeridiana con una preoccupatissima Roberta Capua e niente, ho preso una paura terribile che per qualche giorno mi ha impedito di dormire.
Sono certamente successe cose tragiche – almeno una – ma da quanto ho sentito alla tv è accaduto molto di più.
Si è parlato di riti satanici, macellazione poco ortodossa di svariate pecore, commando di Talebani stanziati lì e pronti a partire per Kabul come puntualmente è poi avvenuto, campi di addestramento dell’Isis, un infoshop no-vax/no-greenpass allestito per l’occasione, un lungo comizio di Giorgio Agamben & Massimo Cacciari, una manifestazione per chiedere la liberazione di Nadia Desdemona Lioce, proteste contro la cessione di Lukaku (ancora), una mostra dei quadri di Pietro Pacciani, carbonara fatta con cipolla, aglio, panna, wurstel e pancetta in vendita presso gli stand del cibo, gare di peti alla fiamma a ogni ora del giorno e della notte, corridoi umanitari di donne e ragazze che arrivavano lì per abortire grazie a medici compiacenti, snuff movie girati sul posto, vegani intenti a percuotere carnivori previo utilizzo di pesanti tubi di scappamento arrugginiti, esagitati al megafono intenti a denigrare la Nostra Nazionale di Calcio e – signora mia! – persino quella Olimpica, installazioni/ready-made tipo quelle dei Mutoidi ma fatte con delle feci rinsecchite e intitolate poi “Mario Draghi”, ingiurie a Cocciolone e tanto altro ancora.
Insomma, continuate pure voi e soprattutto: continuiamo tutti a credere ai nostri organi di informazione sempre e comunque.
Ma vabbè, fortunatamente è tutto finito e anche questa volta i Nostri Eroi hanno portato in salvo l’Antico Stato.
Mi sorprende che non sia stato scomodato il vispo pennuto Figliuolo ma forse era chiedere troppo perché si sa: la vera perfezione include “almeno un difetto”.
Buona settimana, sempre W l’Italia e soprattutto: grazie Mario Draghi!

We have arrived (Aphex Twin, 1990)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi