Home > COMUNICATI STAMPA > Democrazia e rifiuti. La partecipazione fa paura.

Democrazia e rifiuti. La partecipazione fa paura.

Da: Associazione Ferraraincomune

L’associazione Ferraraincomune giudica del tutto insoddisfacente la conclusione della discussione in Consiglio comunale sulla nostra proposta di iniziativa popolare, visto che lo stesso ha approvato un testo di delibera che, nella sostanza, è assai distante da quello da noi proposto. Infatti, pur notando che l’oggetto dello studio di fattibilità volto alla ripubblicizzazione del servizio rifiuti, va almeno parzialmente da quanto da noi richiesto, il fatto di assegnare lo stesso ad Atersir significa svuotare l’effettiva possibilità di partecipazione dei vari soggetti presenti nel territorio all’impostazione dello studio di fattibilità. In questo quadro, il tavolo partecipativo si riduce ad essere un puro elemento di contorno e di commento da quanto prodotto da Atersir. In più, la scelta di far svolgere ad Atersir lo studio di fattibilità si scontra con il dato che Atersir non è propriamente un soggetto terzo ed autonomo nei confronti di Hera e delle scelte di privatizzazione del servizio dei rifiuti. Non lo sosteniamo solo noi, ma lo scrive l’Autorità Anticorruzione in una propria delibera del giugno 2017, quando, a proposito del rapporto tra Atersir ed Hera, parla testualmente della “carente interpretazione del ruolo da parte di Atersir con una sostanziale’ ‘cattura del regolatore’ da parte dei soggetti controllati”.Ci tocca constatare che, nei fatti, la maggioranza che governa il Comune di Ferrara non intende invertire la scelta di privatizzazione della gestione del servizio dei rifiuti, così come la stessa minoranza non ha adeguatamente sostenuto la nostra delibera per renderla effettiva e, comunque, contrastare l’ipotesi alla fine avanzata dalla maggioranza.
In ogni caso, la nostra battaglia per la ripubblicizzazione della gestione del servizio dei rifiuti e degli altri beni comuni, a partire dall’acqua, andrà avanti, ritenendo che questo tema dovrà stare al centro della discussione politica in città nei prossimi mesi. La cittadinanza è invitata lunedì 29 ottobre alle 21.30 al cinema Apollo per la proiezione di Brazil: a ritmo di samba verso la tecnocrazia!

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi