15 Gennaio 2020

DI MERCOLEDI’
Al funerale con la Coscienza di Zeno

Roberta Barbieri

Tempo di lettura: 5 minuti

Di mercoledì, in questa primissima parte del nuovo anno, ho avuto il primo giorno libero dopo la ripresa delle lezioni, ho saputo della operazione subita da una cara amica, sono andata al primo funerale dell’anno.

Vorrei soffermarmi proprio su quest’ultimo, che sento di poter affrontare con leggerezza. L’argomento ‘funerale’, intendo. Eh sì, perché negli ultimi anni e dopo avere subito le perdite più dolorose affronto i funerali ‘degli altri’ con serenità. Vado alla messa, mi sento in compagnia di adulti che come me devono avere già fatto l’esperienza e partecipo tiepidamente ma con sincerità all’ultimo saluto. Mi avvicino in compagnia alla fine naturale della vita, così come mi hanno insegnato Seneca e mio padre.

Sono una persona riservata, ma mentre siedo nella posizione più opportuna in chiesa (non troppo avanti, ma nemmeno negli ultimi banchi che di solito ospitano i ritardatari o gli irresoluti) lancio brevi occhiate all’intorno in cerca di messaggi corporei. Si impara tanto dalla postura dei fedeli, dal tono della loro voce mentre pregano o cantano seguendo la liturgia. Si registrano paure, indifferenza, senso di precarietà… Senso di onnipotenza, un po’ anche questo direi. Tra tanta compiaciuta mediocrità.

Ai funerali mi è capitato anche di assistere a scene comiche, brevi ma esilaranti. Sarà che le parole sono la mia passione, ma quando qualcuno usa un termine inadeguato in occasioni simili io sento che questo ‘errore’ è come una esplosione, non fa danni all’intorno ma mi smuove dal profondo il riso. Carnevalizzo l’attimo? Penso di sì; penso che gli ‘auguri’ fatti ai parenti del defunto al posto delle ‘condoglianze’ riescano a rovesciare il mondo: ti vedo qui davanti a me infelice e spento, ma preferisco negarti la mia empatia di oggi per proiettarti nel futuro, nel tuo futuro intendo. Non ti esprimo il mio dolore di ora, da condividere con te, ma eseguo in forma essenziale un rito propiziatorio e invoco dalla Tyche le prossime buone possibilità per te.

Rido per questa mia interpretazione straniata. Rido perché subito dopo torno con i piedi per terra e realizzo che nel dire ‘auguri’ la persona si è semplicemente sbagliata; forse per l’emozione di avere davanti il ritratto del dolore ha riesumato la formula che era andata bene fino all’ultimo compleanno… A me capita di ringraziare, anche quando ho appena fatto io un piccolo favore.

La prima volta che mi sono messa a ridere per un funerale è stata durante la seconda lettura di “La coscienza di Zeno”, al capitolo settimo. La mia reazione è stata in parte pilotata, devo ammetterlo. Alla prima lettura che risale agli anni del liceo, infatti, mi ero solo stupita della imbranataggine di Zeno quando aveva sbagliato funerale: si era recato in ritardo alle esequie del cognato Guido Speier, aveva seguito per un buon tratto il trasporto di un altro feretro e solo all’ingresso del cimitero greco lo aveva sfiorato il dubbio di avere commesso un indelicato errore.

“Il signor Guido era greco? Domanda sorpreso l’accompagnatore di Zeno, un certo Nilini”.  “ Può essere che sia stato protestante- dissi io dapprima, ma subito mi ricordai d’aver assistito al suo matrimonio nella chiesa cattolica”.

Poi, durante le lezioni all’università, ero stata condotta a considerare “La coscienza di Zeno” come un romanzo profondamente comico, e così alla seconda lettura avevo dovuto riposizionarmi e avevo cominciato a godere della beata relatività con cui Zeno vive la propria vita. Beata anche la sua inettitudine, che gli fa sposare non Ada, la più bella delle tre sorelle Malfenti, non Alberta che pure lo respinge, ma la più bruttina delle tre, Augusta, che invece è interessata a lui ed è il ritratto della salute. Ed è un buon matrimonio, e l’unione con Augusta si rivela felice.

Zeno è stato il secondo antieroe (il primo, nell’infanzia, era stato Paperino)  che ha segnato i miei pensieri da adulta; il primo ad affrontare la complessità della vita con la ‘malattia’ addosso, con il doppio fondo nella propria valigia da usare come viatico. Il primo che ha azzeccato per caso alcune scelte importanti, che ha mescolato la morte e la vita per ricavarne insospettate alchimie: nel giorno stesso in cui non si presenta al funerale del cognato ottiene un buon successo, passando dalla banca a tutelare gli interessi della vedova, sua cognata Ada. E in famiglia viene apprezzato per questo.

Non vado ai funerali in cerca di comicità, né rileggo parti della Coscienza alla ricerca della risata facile. Vado per far sentire la mia vicinanza a chi attraversa in quel momento la Perdita, il Dolore. Leggo e rileggo i grandi libri per farmi educare, una volta di più, dalla letteratura.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere
Roberta Barbieri

Ti potrebbe interessare:

  • INTERNAZIONALE 2022
    L’età e la vita nel cambiamento

  • Storie in pellicola / Favino fuoriclasse

  • SARURA di Nicola Zambelli

  • MILANO, ROMA, BOLOGNA…”SIAMO TUTTI MASHA”
    Le piazze si riempiono di solidarietà alle donne iraniane

  • Per certi versi / La genziana

  • UNA COLLANA PERFETTA
    ‘Parola di Pilsops’, è uscito il romanzo di Giuseppe Nuccitelli

  • UNA BOTTA DI VITA / Quali diritti?

  • save the park flash mob 1 ottobre 2022

    Un Flash Mob al Parco Urbano affollato e gioioso.
    Un altro messaggio al sindaco di Ferrara

  • INTERNAZIONALE 2022
    Città Visibili e Città Ideali… tutte da costruire

  • Primi scatti da Internazionale Ferrara

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi