18 Agosto 2021

DI MERCOLEDI’
Dante a Ferragosto

Roberta Barbieri

Tempo di lettura: 7 minuti

 

Sono trascorsi 700 anni dalla morte di Dante Alighieri [Qui], come è ormai risaputo, e ben 2.039 da quando, nel 18 a.C., l’imperatore Augusto [Qui] istituì il periodo di riposo che porta il suo nome, per permettere ai braccianti di riprendersi dalle fatiche del lavoro agricolo. Si tratta delle Feriae Augusti, che in seguito hanno preso il nome di Ferragosto e sono state assimilate dalla Chiesa Cattolica; hanno così subito uno spostamento, dall’originario primo del mese al giorno 15, in modo da coincidere con la festività religiosa dell’Assunzione di Maria*
* ) Sulla storia di Ferragosto, vedi su Ferraraitalia [rubrica Immaginario]

Mi è capitato di festeggiarle tutte insieme le due ricorrenze tipicamente italiche di cui sopra. In un contesto bellissimo: in campagna, col freschetto della sera e una numerosa compagnia. Una cena all’aperto per trenta persone, pensata dalla impareggiabile padrona di casa come una piccola celebrazione dantesca fatta di tanta convivialità.

Ci abbiamo lavorato nei giorni precedenti per preparare la scaletta della serata: la nostra ospite ha abbinato i cibi alle tre cantiche della Commedia e ha scelto formaggi saporiti a pasta dura abbinati a salumi piccanti per l’Inferno, torte salate e bocconcini dal sapore più morbido per il Purgatorio e dolci vari e abbondanti per il Paradiso. Il tutto con i vini appropriati abbinati ai diversi sapori.

Ha selezionato anche alcune musiche, che dovevano fare da sottofondo ai tre momenti e in questo ha avuto la collaborazione di un amico esperto di informatica che ne ha garantito la proiezione in formato gigante sul muro della casa, in modo che durante la degustazione gli ospiti potessero seguire il video di ogni pezzo. Dal jazz alla musica rock di grandi gruppi legati alla nostra giovinezza, passando per Morricone e Verdi. Ha funzionato! Una serata così, divisa in tre momenti cultural-culinari, consapevolmente contaminata dalle gioie del cibo e dal viaggio visionario del poeta nell’aldilà.

A me è toccata la lettura di versi dalla Commedia e tre brevi introduzioni alle cantiche che dovevano fungere da invito a ogni fase della degustazione. Viene facile la battuta che ho letto versi divini prima di gustare con gli altri i vini diversi previsti dalla serata, ma è andata proprio così.

Quali versi e cosa dire del poema e del poeta in una occasione così? Me lo sono chiesto nei giorni precedenti, neanche tanto scopertamente, ma nelle fessure tra i pensieri e le incombenze della giornata. Solo negli ultimi due giorni ho consultato più e più volte la Commedia, con la risposta già in testa e un robusto paio di forbici per tagliarla tutta, salvando solo le poche terzine destinate alla lettura.

Ho scelto un passo dal canto terzo dell’Inferno, in cui Virgilio introduce Dante al luogo dove patiscono in eterno “le genti dolorose / ch’hanno perduto il ben de l’intelletto”; un passo dal primo canto del Purgatorio in cui compare il tema della luce dell’alba che ha un “dolce color d’oriental zaffiro” ed è foriera di speranza per le anime, che in questo secondo regno purgano i peccati e divengono degne di salire al cielo.

Per il Paradiso ho trovato subito la risposta ai tanti e legittimi dubbi. Ho pensato a quando vado al mercato del mio paese, di mercoledì, e sento le voci dei venditori e incontro conoscenti. Faccio la spesa e mi sento conficcata in questa scheggia di umanità, che si assembla qui ogni settimana e si sfalda negli altri giorni per produrre aggregazioni diverse in posti diversi.

Lo strumento con cui quasi sempre leggo un mondo come questo, e il mondo tout court, è la letteratura. La calo nel quotidiano, la uso come bussola, come ho detto altre volte. Ora ricorro a questa mia convinzione per spiegare che il Dante da me presentato ai convitati è stato uno di noi, il più bravo di tutti, ma uno di noi. Vissuto nel Medioevo ma ancora capace di parlarci.

Per molti anni ho proposto agli studenti una letteratura che non li respingesse, fatta di testi, anche difficili da conquistare, ma capaci di aprire il dialogo coi lettori di ogni tempo. Trovandomi davanti ad adulti dalle professioni più varie e direi arrugginiti rispetto alla poesia dantesca, ho pensato ancor più che la priorità nella comunicazione tra noi fosse il farli sentire coinvolti.

Da chi? Da un intellettuale impegnato nella politica della sua città, e dopo l’esilio impegnato a diffondere la conoscenza e ad allargare l’orizzonte del proprio pensiero politico. Da uno straordinario poeta dell’amore, che è riuscito a dire della sua donna quello che non era stato detto a nessuna e l’ha trasfigurata nella Fede verso Dio. Da un poeta che ha avuto la visione dell’aldilà compiendovi un viaggio straordinario, in cui portare anche noi, in una Comedìa che ce lo racconta, adottando il volgare nella sua più vasta estensione e conducendoci dal regno del male a quello del bene, con l’ineguagliabile appagamento del lieto fine nell’Empireo.

Ho di troppo abbassato la figura del sommo poeta? Ho corso il rischio, ma mentre mi uscivano le parole sentivo che c’era sintonia tra le tavole imbandite immerse nei colori della sera estiva e il ricordo di un grande che aveva titolato Convivio una delle sue opere eminentemente dottrinali. Dare il pane della conoscenza. Come se ce lo dicesse ora, sotto queste stelle che forano il cielo scuro sopra di noi, Dante ritiene che nella conoscenza risieda la perfezione della natura umana.

Sono riuscita a dire che il suo sapere costituisce la summa della conoscenza dell’uomo medievale, che nella sua opera si integrano cultura classica e teologia cristiana. Ho nominato Virgilio, Beatrice e San Bernardo come sue guide.

Quali versi leggere, dunque, dal Paradiso. Due sole terzine, quelle che descrivono Dio. Alla fine di una salita nei nove cieli che circondano la Terra, giunto nell’Empireo che è la sede di Dio ed è costituito da pura luce, il “transumanare” del pellegrino approda alla visione più alta.

Mi pareva che chi stava ascoltando volesse sapere come finisce questo viaggio di rigenerazione spirituale. È da quando ero al liceo che studio la letteratura passata e mi domando: e ora? Com’è la letteratura contemporanea? Quella che nelle antologie scolastiche mancava (e talvolta manca ancora). È da quando ho fatto l’università che tento di costruire brandelli di risposta e mi sposto dai libri ai luoghi dove incontrare gli autori. Li vedo e li ascolto e seguo piste di lettura che si ramificano tra loro e costruiscono tessera su tessera un possibile e parziale mosaico del presente letterario.

Ecco dunque la visione di Dio, per quel tanto che Dante ha potuto conservare nella memoria. Mi sono venuti in mente i cinque cerchi delle Olimpiadi di Tokyo, che fino all’8 agosto abbiamo visto così spesso in tv: cinque ben distinti a indicare i continenti, ma al tempo stesso intrecciati tra loro. Ho detto: “Immaginiamo che i cerchi siano fatti di luce di vari colori e vadano a sovrapporsi per darsi luce l’un l’altro. Ne esce un fulgore perfetto, così come è perfetta la figura geometrica da cui sono costituiti. I versi di Dante parlano dei tre cerchi che simboleggiano la Trinità e della loro luce intrinsecamente reciproca e vivificante, con queste parole:

Ne la profonda e chiara sussistenza
de l’alto lume parvermi tre giri
di tre colori e d’una contenenza;

e l’un da l’altro come iri da iri
parea reflesso, e ’l terzo parea foco
che quinci e quindi igualmente si spiri.

Per leggere gli altri articoli e indizi letterari della rubrica di Roberta Barbieri clicca [Qui]



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Roberta Barbieri

Dopo la laurea in Lettere e la specializzazione in Filologia Moderna all’Università di Bologna ha insegnato nel suo liceo, l’Ariosto di Ferrara, per oltre trent’anni. Con passione e per la passione verso la letteratura e la lettura. Le ha concepite come strumento per condividere l’Immaginario con gli studenti e con i colleghi, come modo di fare scuola. E ora? Ora prova anche a scrivere
Roberta Barbieri

Ti potrebbe interessare:

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

  • lotus

    Parole a capo /
    Giovanni Drogo: Haiku di vita quotidiana

  • Addio Sandy!

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi