14 Dicembre 2016

DIARIO IN PUBBLICO
Alcune osservazioni di natura lombrosiana

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 6 minuti

Qualche giorno fa, alla vigilia della crisi del governo Renzi, mentre tutta la politica fremeva scrivevo queste osservazioni: “Sarebbe ancora utile applicare i principi della frenologia lombrosiana mentre si osservano i tic, le boccucce (acce), i roteamenti degli occhi, le labbra atteggiate al disprezzo ( angoli in giù), all’esultanza (angoli in sù), i colpi di capelli, come portare lo zaino, la proliferazione di barbe (indomabile quella da tre giorni), l’affrettarsi e il sapiente rallentare dei politici quando golosamente aspettano l’assalto dei giornalisti”.
Povero Matta(rella)! Che per il suo ruolo ha dovuto rinunciare alla meraviglia di Madama Butterfly e accontentarsi del fiato grosso della politica. Poi s’avanza il probabile incarico a Paolo Gentiloni e così un caro amico commenta: “Pare di capire che Buttiglione sia favorevole al patto Gentiloni. È il momento degli accrescitivi. Brunetta contrario”. E’ il caso di aggiungere che lo è Pomici(no) così come Francesch(ini). Al di là della giocoseria dei calembours, ma anche delle scelte politiche, doverosamente passo il pomeriggio ad ascoltare la costituzione del nuovo governo. Poi la cerimonia del giuramento. E qui si scatena la ridda delle supposizioni. E’ più consono l’abito esibito dalla campionessa di elegantiae parlamentari Anna Finocchiaro o quello della Pinotti? Il rosso fiammante della capellatura della Fedeli è parrucca o tintura? E’ più stropicciato l’abito di Poletti o quello di Padoan? E’ più figo quello di Franceschini o quello stretto stretto di Alfano? Tutti espedienti forse per cercare di capire il senso di questo nuovo governo che, come canta Butterfly:
“E’… uscito dalla folla cittadina
un uomo, un picciol punto
s’avvia per la collina.
Chi sarà? Chi sarà?
E come sarà giunto
che dirà? che dirà?”

Dal no dunque si è concretizzato il nuovo governo che viene sdegnosamente rifiutato dal trittico, rigorosamente in scala, formato da Brunetta, Berlusconi, Paolo Romani. Anche la Meloni, elegantemente avvolta in camicione post-maman, rifiuta.
Altrettanto felpetta Salvini che, in un improbabilissima giacchetta giallo canarino, scandisce che questo governo “puzza di marcio”. Misteriosi silenzi di Grillo e facce strabuzzate, nella solita eleganza da sobborghi, di un altro trittico formato dall’inquietante viso orientale di Luigi Di Maio, di quello del piacione Alessandro Di Battista e di Roberto Fico (nomen omen) imbattibili nel portare lo zaino.
Si ride, ma amaro. Che senso ha avuto dunque la vittoria dei no? Non era forse più utile se al renzismo ancora vincente non si fosse pensato a una soluzione super partes? Illusioni.
Forse utopie come solo tre giorni fa avvertiva il caro amico Fiorenzo Baratelli nel suo diario fb: “Compito difficile e delicato per il Presidente Mattarella…Dopo la batosta referendaria, Renzi e il Pd avrebbero dovuto fare una proposta secca e precisa: formare un governo istituzionale con una figura super partes pienamente sostenuto dal Pd. Gli obbiettivi di questo governo sono evidenti e di interesse generale: una nuova legge elettorale, seguire con la cura che merita la vicenda drammatica del post-terremoto, la crisi delle banche, far fronte agli impegni internazionali. E poi al voto… Ma non andrà così…Spero di essere smentito, ma abbiamo letto di una girandola di incontri e riunioni di correnti, gruppi, sotto-gruppi ecc. in un clima da ‘fratelli-coltelli’… E pare che tutte le energie siano concentrate per studiare le mosse reciproche e inventare una soluzione la più scialba e mediocre possibile…Insomma, ancora una volta tutto il contrario di una seria assunzione di responsabilità che tenga conto sia degli interessi generali del Paese che del messaggio positivo espresso dalla grande partecipazione al voto referendario…”
La sua preoccupazione nel frattempo si è avverata.

Comunque sia andata, con tristezza leggo i risultati proposti dal Sole 24 ore – anche se queste classifiche lasciano il tempo che trovano – sulla qualità della vita nelle città italiane. Dunque in Emilia Romagna: Bologna all’ottavo posto, Ravenna al dodicesimo, Modena al quindicesimo, Parma al ventiduesimo, Forlì-Cesena al venticinquesimo, Reggio Emilia al ventisettesimo, Rimini al trentatreesimo.
E Ferrara? Al gradino 58. Ma, ancora più offensivo: per la cultura e il tempo libero siamo in 78ma posizione. Beh, nonostante abbia tante volte criticato il lento pede di ‘Ferara. Stazione di Ferara’, mi sembra sia stata valutata ingiustamente. Le offerte musicali del Comunale, le mostre di Ferrara Arte, la intensissima vita culturale offerta dall’associazionismo, sono tra le realtà più convincenti della cultura cittadina e provinciale. Più carente l’offerta che proviene dall’Università, dove certe Facoltà, specie quella umanistica, avrebbero potuto sviluppare una più intensa interazione con le realtà storico-culturali della città. Ma abbiamo eccellenze quali Architettura e Giurisprudenza e, per certi versi, anche Economia che svolgono un ottimo lavoro. Non si dimentichi poi i danni del terremoto e la lenta e a volte snervante opera di ricostruzione e risanamento. Mah! E il riso si trasforma in tristezza.

Frattanto le notizie ci vengono propinate in fonemi e scelte linguistiche sbalorditive. Sul tg regionale una belloccia annunciatrice dalla voce bambina, benché sia già donna fatta, ci legge le notizie come fossero sciorinate in un salotto bene. Tutte le ‘essce’ emiliane si trasformano in un assillante ‘tze,tze, tze’ quasi fossero voli di api operose, mentre il ferrarese ministro della cultura saggiamente si tiene la sua pronuncia ‘fraresa’. A sentire gli annunci pubblicitari della tv locale sembra che la lingua italiana abbia dimenticato alcune consonanti quali la esse. Resiste eroicamente la ‘elle’ maccheronica che fa il paro con la gorgia fiorentina di un non dimenticato presidente del Consiglio e ancora sempre per essere lombrosiani si stila una classifica delle figure più autenticamente capaci di svolgere il proprio mestiere. Prima assoluta la Sardoni che nonostante le mitragliate del suo capo-padrone Mentana resiste con fierezza e ci consegna reportages di qualità. Poi le splendide donne comiche: dalla conduttrice di Tele Porco Sabina Guzzanti, alla Litizzetto un po’ usurata da “Che tempo che fa” fino alla fantastica Geppi Cucciari e i giornalisti di razza, Gramellini, Bonini, Mentana, la Berlinguer, e via enumerando, ma soprattutto il nostro Crozza senza il quale non potremmo sorridere delle nostre avvilenti avventure politiche.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi