6 Gennaio 2018

DIARIO IN PUBBLICO
Anno nuovo, vecchia polemica:
valorizzazione o sfruttamento dei beni culturali ferraresi?

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 7 minuti

pinacoteca ferrara

E venne l’ora del rendiconto.
Leggo, non proprio stupito, l’intervento di Ranieri Varese apparso sulla ‘Nuova Ferrara’ del 3 gennaio che, a ragione (almeno dal mio punto di vista, giustificato dall’essere stato fino a pochi mesi fa presidente dell’Associazione Amici dei Musei e monumenti ferraresi, quindi in qualche modo coinvolto nella discussione sulle sorti della Pinacoteca Nazionale di Palazzo dei Diamanti), critica in modo tanto più esatto quanto più inflessibile l’odierna situazione della Pinacoteca, forse il tesoro più mal compreso e meno culturalmente efficace di Ferrara.
Si è appena spenta l’eco della deprecabile idea di trasferire la Pinacoteca in Castello, sempre più divenuto la star dei nostri beni culturali, tra incendi e tavole imbandite (che sia poi questo il destino dei musei e dei monumenti?). E ora la dottoressa Martina Bagnoli, a capo della Pinacoteca con il recente ordinamento della stessa nelle Gallerie estensi, di fatto ne decide abbastanza disinvoltamente destino e conduzione. Non si richiede o perlomeno non più si richiede competenza specifica dei luoghi museali a cui si viene preposti e non ci risulta che, pur validissima nel suo campo strettamente legato all’ambito medievale nei musei di Baltimore e nelle tecnologie informatiche, si sia mai interessata all’arte estense ferrarese o modenese che sia. Sono ormai passati i tempi in cui valorosi sovrintendenti ressero le sorti di quella che fin dalla sua costituzione raccoglieva ciò che resta della gloria estense e legatizia, alcuni mitici, molti usciti dalla fucina bolognese e quindi naturalmente legati ai luoghi e alle opere custoditi in Pinacoteca.
Ma se la competenza si può naturalmente acquisire più grave appare come indica Varese la ‘distrazione’ con cui la dottoressa Bagnoli gestisce il rapporto con la città, con l’amministrazione comunale e con i legali rappresentanti dei depositi di parti rilevanti della quadreria, di fatto posseduti dalla Fondazione Carife. Qui al solito si ritorna ormai all’ossessione di ‘sfruttamento’ del giacimento culturale che ormai sembra la preoccupazione più urgente a cui debbono sottostare le case dell’arte, i luoghi del sapere rivelati attraverso le immagini. Così la dottoressa Bagnoli disconosce una convenzione accettata, quella cioè di far parte di MyFe , una carta che prevede l’accesso gratuito a una consistente parte dei Musei cittadini.
Varese riferisce che “L’Amministrazione comunale è titolare di una convenzione che, fra molte altre cose relative all’edificio e alle opere stabilisce che la direzione della Pinacoteca preventivamente comunichi alla municipalità ogni spostamento, intervento e azione nei confronti di dipinti che, nonostante il passaggio di gestione, continuano ad essere ‘ferraresi’ parte ineludibile della storia e della vita della città”. Su questa convenzione sarebbe inciampato il sindaco di Ferrara che secondo notizie riportate dalla stampa “non si sarebbe messo a litigare per queste cose”. Da qualche sondaggio intrapreso mi viene risposto che la convenzione non sarebbe più valida e quindi a maggior ragione avrebbe dovuto essere divulgata.
La dottoressa Bagnoli tergiversa e risponde che se ne parlerà più avanti per un eventuale ritorno alla convenzione MyFe; comunque una mossa almeno precipitosa per usare un eufemismo.

Il mio parere, se può valere qualcosa, consiste in quella che io considero la mossa più sbagliata nel tempo cioè la coesistenza nello stesso edificio di due istituzioni assai importanti quale la Pinacoteca e Ferrara Arte, organizzatrice delle mostre temporanee. La scelta del luogo per le mostre è da sempre stata infelice con la gravissima cesura tra le stanze in verità assai modeste dove si svolge la mostra e il passaggio en plein air che comunque rovina la continuità dell’esposizione per raggiungere le ultime due. Problema antico risolto malamente per non rinunciare al ‘marchio di fabbrica’ con cui erano cominciate e legato al Palazzo dei Diamanti. Tentativi di spostamento inesorabilmente bocciati, compresa la soluzione ottimale dei locali dell’ex Monte di Pietà, perché la collocazione ledeva il marchio. Ancor più suggestiva avrebbe potuto essere la ipotesi di farle in Castello.
Il trasloco delle mostre organizzate da Ferrara Arte procurerebbe quei locali di studio senza i quali una importante istituzione culturale non può sopravviver: luoghi in cui procedere ad aggiornare il catalogo; una biblioteca specializzata e un’agevole possibilità di raggiungere i depositi. Si pensi poi alla disastrosa presenza di servizi igienici obsoleti.

Sarà dunque vero che la primaria esigenza sarebbe quella di riempire la Pinacoteca con masse – absit iniuria verbis – attente a ‘selfare’ e a capire quasi nulla degli strepitosi capolavori che ivi tranquillamente abitano nella loro solitudine prosperosa? Ormai è la condizione più difficile da acquisire: solitudine, qualità, spazi adatti. Così passano anche sotto silenzio le bellissime conferenze che si fanno nel salone d’onore, ma è indubbio che pochi uditori si spingono a visitare gli abitanti più importanti, le opere custodite, avvolti nel loro mistero.
C’è poi il problema del deposito delle collezioni della Fondazione Carife non donate alla Pinacoteca, ma affidate alla cura di essa. Perché, si domanda Varese, non si ode la voce dei legittimi proprietari? Che potrebbero almeno far sentire il loro intento di come si risolve il problema della diffusione e conoscenza delle opere, lasciando alla direttrice colpe e oneri della scelta di uscire da MyFe.
Leggo poi in questa corsa affannosa a riempir musei e monumenti, secondo la logica dello sfruttamento, che ci si lamenta dei teloni (non teleri!!!) che coprono le facciate di quasi tutti i luoghi pubblici e artistici ferraresi.
Perché occorre la visione del luogo per recarsi al museo?
Lo so che mi si potrebbe accusare di essere un radical chic, sbagliando clamorosamente l’analisi. Sono costoro, i radical chic, che premono per lo sfruttamento dei luoghi artistici, ma purtroppo stiamo assistendo a una terrificante evoluzione dei tempi.
Sono andato a vedere una mostra meravigliosa e difficilissima da comprendere: ‘Revolutija. Da Chagal a Malevich, da Repin a Kandinsky’ al Mambo di Bologna. Folle giustamente incantate e probabilmente ignare della qualità di quella pittura. L’ho percorsa con un grandissimo storico dell’arte e non l’ho capita tutta. Però, come gli altri ‘io c’era’! Poi saliamo al piano superiore ad ammirare una volta di più il Museo Morandi cioè il luogo dove sono esposte le opere del più grande pittore italiano e non solo del secolo scorso.
Eravamo noi due.
Va bene riempire i musei, ma riempirli con cognizione di causa, ‘con juicio’ come predicava Manzoni. Eppure c’è il terrore dei flop.
Si è imbarazzati dal poco successo della mostra Bononi, tuttavia quel modesto risultato di pubblico ha permesso un ringiovanimento del punto di vista critico necessario e che darà i frutti col tempo.
Dunque un’esortazione a chiarire l’arruffata situazione dei beni culturali, specie di una città che contiene ancora tanti e così importanti testimonianze di un passato glorioso che lambisce anche gli ultimi anni del millennio.
Penso al tesoro sommo che Ferrara possiede: il museo della Cattedrale, che per fortuna è frequentato non da folle, ma da un numero accettabile di visitatori. Questo sarebbe l’ottima soluzione ma…



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

  • 2 ottobre, Elezioni in Brasile: 182 indigeni si presentano come candidati

  • ACCORDI /
    Spaghetti al pomodoro

  • IL PREMIO ESTENSE VISTO DA DENTRO
    Mario Breda vince la 58° edizione. Premio Granzotto a Giovanna Botteri

  • ANALISI DISANALITICA DEL VOTO
    Teniamoci per mano in questi giorni tristi

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi