9 Marzo 2016

DIARIO IN PUBBLICO
Arroganza, superbia, umiltà

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 7 minuti

occhio

Al popolo degli ‘Itagliani’ evidentemente manca una preparazione almeno di base sul significato delle parole. Si prenda l’aggettivo ‘umile’, il suo avverbio ‘umilmente’ e lo si riporti al sostantivo ‘umiltà’.
Recita il dizionario:
“Umiltà è la prerogativa dell’umile. Nonostante esistano diversi modi di intendere questo termine nel quotidiano, una persona umile è essenzialmente una persona modesta e priva di superbia, che non si ritiene migliore o più importante degli altri.”
Così sostanzialmente s’intende il termine ed esso è tra le parole più significative nella letteratura. Basti ricordare “Vergine madre figlia del tuo figlio,| Umile e alta più che creatura” (Par.XXXIII), o l’atteggiamento di Laura nella glorificazione della sua qualità angelicata, “et ella si sedea | umìle in tanta gloria” ( Petrarca, “Chiare, fresche e dolci acque”).
Nella giornata dei premi Oscar sento e vedo le entusiastiche lodi rivolte al nostro Ennio Morricone. Franco Nero, commentando l’opera del musicista, sostiene che tutti i veri grandi sono umili, mentre un giovane attore italiano spiega che per lui comincia l’avventura hollywoodiana e che vi entra “umilmente”. Niente di meno esatto.
Se è spiegabile l’uso e l’abuso del termine nell’ambito dello spettacolo, esso è particolarmente pernicioso, per esempio, nel mondo della politica dove i nostri attori-politici scambiano la pretesa umiltà di cui s’ammantano con il termine contrario: l’arroganza, che non è la superbia, ma una sua pericolosa devianza. Certe esitazioni nella voce, il sorriso benigno ma calcolato, con l’occhio freddo e intento a nascondere pur senza riuscirci l’arroganza.
L’arroganza può essere anche esibita e ha una sua strepitosa valenza che affascina. Si pensi a Donald Trump, ma anche a tanti uomini politici in tutti gli schieramenti, da destra a sinistra, che popolano il Parlamento e il Senato italiani. Il perfetto arrogante che tenta invano di nascondersi dietro l’umiltà a mio parere è sicuramente Casaleggio, ma la scelta è varia e ricca la raccolta.
Tra le persone che esercitano l’umiltà in vera coscienza e consapevolezza, il più convincente è il medico lampedusano Pietro Bartolo che, nonostante l’assedio dei media e la sua entusiastica partecipazione agli show televisivi – inclusa anche la sua generosa compartecipazione alla riuscita di “Fuocammare”, il bellissimo film di Gianfranco Rosi – riesce a trasmetterci un’idea di umiltà che si fonda sulla superbia “buona” comprovata dal mestiere che fa. Dire umilmente che ha visto, protetto e curato in questi anni, da quando esercita la sua professione a Lampedusa, 250.000 immigrati sputati da condizioni intollerabili nel mare nostrum è una consapevolezza che trova la sua ragione in una forma di superbia altissima, corrispondente alla altrettanto, se non maggiore, constatazione che il concetto di bontà non può essere conosciuto se non nel rapporto con il suo contrario: il male.
Dante sicuramente è l’esempio più alto di superbia-umiltà in piena consapevolezza.
Ben differente la condizione dell’arroganza, che è il tratto più odioso di una mal concepita superbia. Lo sapeva Manzoni, che sul concetto di superbia e umiltà ha creato la figura nobilissima di Fra’ Cristoforo e su quello dell’arroganza il mediocrissimo Don Rodrigo.
L’arrogante, ripeto, tenta di nascondere questa prerogativa sotto l’aspetto dell’umiltà, ma anche sotto quello della superbia. Perfino nell’apparenza sociale l’arroganza viene spacciata per virtù. Ancora una volta ripropongo il mondo della moda come esempio antropologico della supremazia dell’arroganza per guadagnare consenso. Mai come quest’anno le modelle sono, per scelta del business della moda, brutte e indossano brutti vestiti. Eppure il loro atteggiamento, il loro incedere è qualificato dall’arroganza e dalla sfida di chi ha il mondo “in gran dispitto”. E ancor più preoccupante è l’atteggiamento altrettanto minaccioso dei loro colleghi maschi.
Quasi un rifiuto della bellezza, secondo l’ormai consolidata prassi che vuole la bellezza inutile. Apparenza obsoleta e non verità.
I branchi degli umani di cui sono ormai popolate le nostre città si travestono spesso secondo un concetto del brutto che rimanda purtroppo a quello di bruto (e la differenza non sta solo nella “t” in meno). Violenza e arroganza negano antropologicamente l’umiltà, ma anche la superbia.
Un’affascinante indagine sul concetto di umiltà è quella straordinariamente sollecitante di un romanziere le cui opere hanno letteralmente invaso il mondo, Javier Cercas, autore di grandi romanzi quali “Soldati di Salamina” o lo splendido “Anatomia di un istante”, ambientato storicamente al tempo del tentativo di colpo di stato che il colonnello Tejero nel 1981 cercò di effettuare entrando armato nel Parlamento di Madrid.

il punto cieco
Il punto cieco di Javier Cercas

Cercas viene invitato a Oxford a tenere una serie di lezioni sul romanzo e sugli scrittori nel 2014. Il Prologo di quelle lezioni si concretizzerà in quella teoria che chiamerà “Il punto cieco”.
L’autore dubita che proprio a lui sia capitato in sorte di occupare la cattedra che fu di George Steiner, Mario Vargas Llosa, Umberto Eco, ma agisce come se non fosse stato colpa di “uno scherzo o di un errore”. Cercas difende la teoria che gli scrittori possano essere non solo critici di se stessi, ma debbano condividere con il lettore la possibilità che i romanzi, certi romanzi, quasi tutti ambientati nel XX secolo, obbediscano alla teoria del “punto cieco”.
Premette lo scrittore: “Io cerco di praticare l’umiltà, ma faccio in modo di evitare il masochismo, così tranne che nei brutti momenti, non mi considero uno scrittore tra i tanti” (p.16). Da ciò nasce una possibilità di conciliare la narrativa con la critica, il lavoro compiuto con la critica di quel lavoro. Proposte eseguite con umiltà come riconosce all’inizio, ma un’umiltà che è consapevolezza e integrazione della buona superbia. La teoria del romanzo a cui Cercas si riferisce implica una cecità parte dall’anatomia dell’occhio ipotizzata già nel Seicento dal fisico Edme Mariotte. Secondo questa teoria “i nostri occhi hanno un punto cieco, un luogo – sfuggente, laterale e non facilmente localizzabile – situato nella retina, che è privo di recettori per la luce e attraverso il quale, perciò, non si vede nulla”, ma “il sistema visivo riempie il vuoto del punto cieco con l’informazione disponibile perché il cervello supplisce a ciò che l’occhio non vede.” (p.20)
Il buio e il silenzio stimolati dall’intelletto diventano eloquenti. E questo è il senso dello scrivere romanzi al principio dei quali c’è una domanda e quello che vi si svolge è un tentativo di risposta a quella domanda. Alla fine però la risposta non c’è. Anzi, la “risposta è la ricerca stessa della ricerca”. Mai univoca, bensì aperta a molteplici soluzioni.
Ci si potrebbe chiedere cosa centra la teoria del “punto cieco” con l’umiltà, la superbia e l’arroganza. Credo che sia un modo efficace per capire come il romanzo, o qualsiasi forma d’arte, esprima una modalità di chiarire ciò che il mondo o noi stessi ci poniamo come necessario presupposto non solo di una qualsiasi domanda, ma di tutte le domande, le cui risposte staranno esattamente nel capirne la complessità e la molteplicità. Quasi un circolo che produce nient’altro che ulteriori domande, sempre più complesse, sempre più molteplici.
Così la cecità della presunzione, dell’arroganza del sapere, si chiarisce nel “punto cieco” che ci chiede invece di essere mai arroganti, ma superbamente umili.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

  • 2 ottobre, Elezioni in Brasile: 182 indigeni si presentano come candidati

  • ACCORDI /
    Spaghetti al pomodoro

  • IL PREMIO ESTENSE VISTO DA DENTRO
    Mario Breda vince la 58° edizione. Premio Granzotto a Giovanna Botteri

  • ANALISI DISANALITICA DEL VOTO
    Teniamoci per mano in questi giorni tristi

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi