10 Maggio 2020

DIARIO IN PUBBLICO
Le buone ragioni dei Lupi grigi

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

Grande giornata oggi! Decidiamo di uscire in coppia (permessa!) a comprare il pesce e la frutta. Mi rivesto di panni curiali, direbbe Machiavelli, ed esibendo una mascherina nuova e guanti violetti comincio a ciacolare con l’amico taxista che mi deposita al negozio dei miei desideri, dalle cui vetrine vedo trionfalmente esposto l’oggetto del mio desiderio. Faccio per entrare seguito dalla moglie, ma un lamento si alza dal banco: “No profe! O lei o sua moglie… se no mi fan chiudere”. Smarazzo la mia compagna e comincio le ordinazioni prontamente eseguite, nonostante che ancora non capissi che male c’era se eravamo in due. Alti lai invadono il negozio. “Non si può! Pena la multa. Un rappresentante a famiglia”. Comprendo e conforto e dopo una magnifica razzia ci avviamo di buon passo per le vie dello shopping (di un tempo), per entrare in un supermercato che ci fornisse di qualche bazzecola tra insalata e frutta. Ne scegliamo uno che ci dona gel, guanti, raccomandazioni sulla distanza e dopo una trentina di minuti vedo riapparire la mia compagna estenuata. Finalmente possiamo riordinare il taxi, rimpiangendo di non avere fatto come le altre volte quando, con un colpo di telefono, ordinavamo spesa, medicine, frutta e passavamo a raccogliere le compere senza aspettare. Per carità! Guai a criticare i metodi anzi la ‘metodologia’ (parola orrenda, che sta invadendo e torcendo le già poche corrette parole in italiano, che dovrebbero sostituire l’invadente presenza di un inglese d’accatto che fa fremere e vene e polsi), per ‘sanificarci’ e permettere un improbabile ritorno alla vita di un tempo, mentre si scatenano lotte furibonde tra il vicesindaco canterino e il prefetto sulla necessità di portare concerti nelle piazze di ‘Ferara’.

Una lettera sull’Espresso mi fa riflettere, lettera che si accompagna al racconto di ieri su La Repubblica della mia adorata Natalia Aspesi, la quale rinuncia ad uscire proprio perché anziana e saggia: un capolavoro di ironia e di stile. Questa lettera mi scuote e m’incuriosisce. E’ del professor Tomasz Nizegorodcew, ex primario di ortopedia all’ospedale Gemelli di Roma. Un medico anziano, che si interessa, come ben spiega, della gerontologia, una branca del sapere che negli ultimi anni ha fatto grandi progressi. La domanda che il professore si pone e pone è: quando ci si può scientificamente definire anziani? La risposta, provata dall’esperienza scientifica, è che si risulta tali ben al di là dei 70 anni. Nella professione accademica per esempio, come in molte altre, si va in pensione all’età di 75 anni. Straordinario l’esempio che il professore porta. Pablo Casals si esercitava ancora a 97 anni, poco tempo prima di morire, al violoncello, che gli rivelava nuove soluzioni, nuovi progressi. Perciò, asserisce il professore le indicazioni mediche prescrivono che gli anziani, ovvero gli ultraottantenni, come chi scrive, “hanno bisogno di rapporti umani, di aria, di sole, di movimento, pena riduzione delle capacità cognitive, fisiche, immunitarie cioè la strada verso la morte”.

E allora perché negarci l’uscita? E rinchiuderci nei casi migliori in casa, oppure per i più sfortunati negli orridi istituti di ricovero? Un medico settantenne può ancora passare otto ore in ospedale a curare i malati. Un critico ottantenne (il sottoscritto), può ancoro contribuire alla cultura con qualche saggio ben impostato. E se questo è dunque indubitabile perché negarci ad esempio le vacanze in montagna, in albergo, solo perché abito in un’altra regione? E facendosi pure controllare con la mascherina, i guanti e (dio non voglia) senza protezione ‘antipissa’ per chi ne ha necessità?

Ecco allora dovrebbe nascere una rivolta dei lupi grigi come chiosa Stefania Rossini. Un movimento che nella sostanza debba e possa riportare l’anziano, considerato l’untore, come una risorsa fondamentale per la nazione.
Ve lo immaginate il Parlamento e il senato senza la presenza degli anziani ultrasettantenni! Perfino le persone più straordinarie che ci fanno sperare in un futuro meno tetro: il presidente Mattarella e papa Francesco.
Due esempi di giovinezza. E che giovinezza.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi