Home > OPINIONI > ALTRI SGUARDI > DIARIO IN PUBBLICO
Ma se domani… E sottolineo se

DIARIO IN PUBBLICO
Ma se domani… E sottolineo se

Quando questo diario in pubblico sarà edito, forse sapremo già la nostra sorte politica cittadina e quella dell’Europa. Per motivi contingenti ho dovuto trascorrere gli ultimi quindici giorni in casa, salvo qualche brevissima uscita istituzionale improrogabile e di grandissima soddisfazione, quale quella che mi ha permesso di donare il volume ‘Vivere è scrivere. Biografia visiva di Giorgio Bassani’ a cura di Portia Prebys e Gianni Venturi (Edisai Ferrara 2019) al grande scrittore israeliano David Grossman. Oppure per collaborare alla realizzazione della festa che ha concluso l’assegnazione del Premio Città di Ferrara Ippogrifo d’oro a Portia Prebys da parte dell’amministrazione comunale e consegnato dal sindaco Tiziano Tagliani, per la generosità che la curatrice onoraria del Centro ha avuto nel donare alla città di Ferrara oggetti, opere, libri, quadri, e suppellettili  del grande scrittore ferrarese e che ha permesso di istituire il magnifico Centro Studi Bassaniani nella casa Minerbi di Via Gioco del Pallone .

Nelle ore interminabili passate in un lento dormiveglia e dopo avere espletato il mio lavoro intellettuale, mi sono abbattuto in poltrona a guardare i programmi più popolari e più seguiti della tv cosiddetta generalista, ricavandone un senso di nausea e di orrore che sembra essere senza tergiversazioni lo stato mentale e ‘normale’  di milioni di ‘itagliani’. Si comincia col più scandaloso: un certo ‘Forum’ dove veri giudici sotto lo sguardo impassibile della Palombelli analizzano i casi mostruosi presentati da gente senza pudore, senno o capacità mentale sufficiente. Scusate il termine: da vomito. Ma possibile che esseri umani si dilettino a mettere in piazza simili atrocità disgustose? Ma possibile che per questioni esplicitamente mercantili veri giudici si pieghino a risolvere casi che sarebbe meglio fossero discussi a porte chiuse? Provocando l’eccitazione – anche sessuale – di quella miserabile umanità? E mentre in Rai tenta si susseguono i tentativi di togliere un programma della qualità di ‘Che tempo che fa’ di Fazio dalla sede di Rai1, per affidarlo ad altri, magari più accetti al potere odierno di cui il tacere è bello, assisto sbalordito a ‘Ballando sotto le stelle’ tra le urla scomposte della conduttrice e l’incredibile fauna di coloro che sono chiamati ‘giudici’. Guardo così le  evoluzioni aeree di una suora e gli altrettanto imbarazzanti passetti di una dignitosa signora che fu l’indimenticabile consorte nei film di Fantozzi di Paolo Villaggio tra le urla – ormai il tono di voce più amato – di spettatori probabilmente pagati che passano il loro tempo ad applaudire o a muggire.

Domanda rituale: perché ti infliggi questa penitenza? Proprio per la ragione che ha portato al distacco della sinistra dalle esigenze, scelte, indirizzi che il cosiddetto popolo stava imboccando e che ora stiamo pagando con un rifiuto, tanto più fragoroso, di quello stesso popolo che purtroppo, anche se in parte ancora minoritaria, applaude apertamente alle performances dell’ala più nera della destra a cui un potente ministro in carica sembra – e sottolineo sembra per le tortuose riflessioni del personaggio politico qui volutamente non nominato – abbandonarsi.

Comunque  ritorno alle mie riflessioni linguistiche. Entro frettolosamente a cambiar qualche euro con il  bancomat e trovo due bambini che come da sempre giocano a scivolare sul pavimento. La madre con voce trattenuta e impostata scandisce: “Volete cortesemente alzarvi e smetterla di lisciare il pavimento?” Ma quando mai? Da sempre in qualsiasi classe sociale si diceva o un trattenuto “alzatevi subito” oppure “se non la smettete vi do due slepe o scupazun…” Ma il ‘cortesemente’ puzza; puzza di linguaggio falso, assorbito dai social o dalle ultime leve politiche di tutto l’arco costituzionale e anche di quello incostituzionale.

Le parole-chiave durano lo spazio di un giorno. Resistono ‘le tasche degli italiani’ e le immobili flat tax, reddito di cittadinanza e via elencando. Forse fino a quando sapremo il nostro destino politico.

Un dubbio poi m’assale. Che sia una mia eccessiva e ironica immaginazione oppure tutta la sinistra sta eseguendo il rito del taglio della barba per distinguersi dai salviniani. Perfino Massimo Giannini che la esibisce in tutti i suoi siti se l’è tagliata. E’ vero che Feltri il giornalista non ce l’ha, ma forse è un mio giochetto per passare il tempo e far passare il tempo che ci/ mi rimane in un’attesa della sempre più gravosa e implacabile ‘resultanza’ dei giochi politici.

P.S. Ho 34 coltelli piantati nel cuore…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Dagli Achei agli Ikei
OSSERVATORIO POLITICO
Sinistra: intransigente nei principi, innovativa nei metodi, radicale nelle proposte
Tristi ma non sconsolati. Si riparte dalla ‘questione ecologista’
A Ferrara il suicidio di un Pd che ha perso contatto con la realtà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi