Home > DIARIO IN PUBBLICO / RUBRICA > DIARIO IN PUBBLICO
Populismo, senso di comunità e difesa del proprio ‘particulare’

DIARIO IN PUBBLICO
Populismo, senso di comunità e difesa del proprio ‘particulare’

Shares

In tempo di celebrazioni ariostesche evocare l’Ippogrifo è d’obbligo, anche se il mitico animale non staziona più nel castello d’Atlante, ma giace soddisfatto, anzi felice, in una trafficatissima via dove si è scelto un posto al sole.
Per chi fosse, invece, abituato ai paragoni con celebri film, allora l’evocazione sarebbe di un altro spaventoso mostro: King Kong, lo scimmione che terrorizza la città con la sua mole e la sua violenza ma che è invece delicato con la giovanetta che ama.
Fuor di metafora, la storia ha inizio quando appare su una via della città estense un grande camper, che si posiziona placidamente in una trafficatissima strada nei pressi di un incrocio. Nulla di male, direte voi, peccato però che quello che doveva o poteva essere una sosta rimovibile si diventato un posto fisso. Le strategie sono state subito messe in atto. Le macchine dei proprietari s’insinuano abilmente a tenere il posto nel ‘loco/ Fatto per proprio dell’umana spece’ come direbbe Dante: il camper ha trovato il suo Paradiso Terrestre e da lì non se ne vuole andare.
La novità corre per la via, fermenta, s’ingigantisce. La mattina il primo sguardo è per la mole inconfondibile: ci sarà? Avrà trovato pascoli verdi dove stazionare in pace? E come si sa ‘la calunnia è un venticello…’ cantava Rossini. Si fanno nomi ma immediatamente si smentiscono coinvolgimenti con importanti parenti.
Ormai è un punto di riferimento: come un pinnacolo, come un paracarro che sigla un luogo. Una meridiana, in altri termini.
E’ legale? Certo! Vien spiegato da pazienti vigili che sentenziano che non c’è nessun divieto allo stazionamento. Basta che non intralci. E su quello ci sarebbe da discutere sentendo i borbottii e gli urletti che escono dalle gole strozzate di chi entra nella via e non vede il flusso disinvoltamente allegro di chi la percorre senza mai rallentare.
Ma placidamente il cavallo d’acciaio continua a brucar spazio e a siglare il panorama estense.
Non è un fatto grave e nemmeno suscettibile di commenti, se non fosse che viene in un certo senso messo in dubbio il diritto d’espressione di una comunità, di un quartiere. Il nostro individualistico principio di appartenenza a una comunità che, come ha spiegato un interessante incontro tenutosi lo scorso martedì alla Biblioteca Ariostea – “Populismo, un vizio che conquista: la politica dei pifferai” – è ora gestito in modo che ciò che è proprio vale molto di più dell’interesse comune. E per fare un esempio molto più serio: il populismo attecchisce nel momento in cui affida al carisma di un leader la gestione non solo delle insoddisfazioni, ma anche delle pretese del singolo.

Ben più grave il caso di chi usa insulti e urla per affermare le proprie convinzioni o i propri desiderata. E’ esplosa sui giornali la polemica del critico Vittorio Sgarbi in cerca della collocazione permanente della sua collezione d’arte che offrirebbe alla città di Ferrara. Pur nel pieno rispetto di questa scelta il professor Ranieri Varese ha obiettato altro e diverso uso del palazzo Prosperi Sacrati individuato dal dottor Sgarbi come sede della collezione.
Una furia d’insulti si è abbattuta sull’ordinario di storia dell’arte dell’Università di Ferrara, accusato d’incompetenza, di non capire nulla d’arte, di avere osato esprimere un parere senza aver mai visto la collezione e, cosa ancor più grave, di aver fatto carriera sotto il “partito comunista” e per l’influenza del padre illustre italianista.
Leggermente disgustoso il tono e ancor più quelle affermazioni, che certamente non scalfiscono la serietà scientifica di Varese, ma piacciono allo stile televisivo di moda e a chi è abituato alle ‘sparate’ del dottor Sgarbi.
Secondo le regole del populismo si porta al patibolo mediatico il condannato tra le urla delle ‘tricoteuses’, che sotto la ghigliottina sferruzzano in attesa che l’ennesima testa cada. L’urlo si estende a coinvolgere innocenti animali come le capre accusate d’ignoranza e di stupidità. Ma ovviamente non parlo di quelle che beatamente brucano nel sottomura della città estense con soddisfazione e piacere di cittadini e turisti.
Sembra quasi che il rispetto per l’individuo, ma ancor più per la comunità, venga sconfitto dall’esigenza del populismo, si tratti di parcheggiare un camper o di ottenere l’uso di una sede prestigiosa per esporre le mirabilia del proprio tesoro artistico.
Siamo al punto di non ritorno oppure è possibile reintrodurre una serietà etica che il populismo sembra negare o avere sconfitto? Siamo sicuri che sia questo lo stile che ci accompagnerà nelle scelte future?

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Essere città
parole-poesia
APPUNTAMENTI
Le cinque parole che stanno trasformando l’Italia
Verso le elezioni, Ferrara al bivio fra paura e progresso
LA VIGNETTA
Populisti nel mondo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi